Vittoria in Toscana: mai pi¨ animali nei corsi ATLS

Notizia inserita il 21/06/2009

Non verra' piu' praticata la vivisezione sui maiali nei corsi didattici post-laurea in tutta la regione Toscana.

La battaglia contro l'uso di animali nella didattica post-laurea

La battaglia contro l'utilizzo di animali nei corsi per medici e altri operatori sanitari organizzati da Assitrauma dura gia' da oltre un anno, e, nonostante la lentezza del procedimento, sono state ottenute due vittorie: in Piemonte e in Toscana i rispettivi responsabili della regione in questo settore hanno preso l'impegno, puntualmente applicato, di vietare l'uso di animali per il training di medici, infermieri, ecc.

L'impegno che prendiamo noi, come AgireOra Network e come I-CARE Italia, e' quello di continuare la battaglia fino a che in tutta Italia non si useranno piu' animali - ne' vivi, ne' uccisi appositamente prima del corso - nella didattica post-laurea.

Non sappiamo quanto ci metteremo ad ottenere questo risultato finale, perche' sono sempre pratiche molto lunghe, anche se in teoria il divieto di uso di animali in questo specifico campo della vivisezione dovrebbe essere automatico. Recita infatti la normativa sul tema (il decreto legislativo 116/1992):

"In deroga all'art. 3, comma 1, il Ministro della sanitÓ autorizza gli esperimenti a semplice scopo didattico soltanto in caso di inderogabile necessitÓ e non sia possibile ricorrere ad altri sistemi dimostrativi".

Inoltre, la circolare del 14 maggio 2001 n. 6, di attuazione della legge 116, su questo punto esplicita:

"gli obiettivi sopra enunciati nei punti a-f valgono particolarmente anche per l'utilizzo di animali a scopo didattico, disciplinato dal punto 3 dell'articolo 8 del D.Lgs. in argomento. Pertanto si ritiene di dovere insistere sulla necessita' che qualunque richiesta di utilizzo di animali a scopo didattico sia preceduta da un'attenta e documentata ricerca bibliografica, in ordine ai metodi alternativi, effettuata dall'Istituto interessato e basata sui piu' moderni sistemi di comunicazione, ivi compreso 'Internet'. Ove possibile si raccomanda l'utilizzazione dell'animale morto anziche' dello stesso anestetizzato".

Da questo si evince che in tutti i casi in cui esistono metodi alternativi non e' legale usare animali, punto e basta. E questi metodi praticamente esistono SEMPRE, nella didattica, in particolare per i corsi ATLS (Advanced Trauma Life Support), dato che il 90% di questi corsi nel mondo non fa uso di animali.

Eppure, si continuano ad uccidere animali a questo scopo (per lo piu' maiali).

La vivisezione e' quasi per nulla normata in Italia e in Europa, nel senso che lo sperimentatore ha mano libera, puo' fare quello che vuole, purche' lo descriva in un protocollo inviato al Ministero della Salute. Uno dei pochissimi campi in cui la normativa e' piu' stringente e' quello della didattica: non permetteremo quindi che le poche norme a favore degli animali vengano infrante in modo cosi' plateale, continueremo a combattere affinche' siano applicate e gli animali siano salvi.

Cosa e' accaduto in Toscana

In particolare, vediamo qual era la situazione in Toscana, per la precisione a Pisa: Assitrauma aveva in programma per l'11-12 giugno 2009 un corso di ATLS su maiali vivi presso i laboratori del CNR di Pisa. Questi laboratori risultavano in possesso di "regolare" autorizzazione del Ministero all'uso di animali per i corsi ATLS.

"Regolare" tra virgolette, perche'? Perche', per quanto visto prima, usare animali in questi casi significa infrangere la normativa vigente. Quindi: o quando e' stato presentato il protocollo di richiesta di autorizzazione NON e' stato specificato che i metodi alternativi esistono e sono ampiamente usati in tutto il mondo, nel qual caso il protocollo di richiesta non era in regola; o c'era scritto, ma il Ministero non ha considerato l'informazione e ha dato lo stesso il permesso, nel qual caso non era in regola l'autorizzazione.

Non sappiamo in quale dei due casi eravamo, non abbiamo visto il protocollo di richiesta, ma sappiamo di per certo che il Ministero non ha svolto alcuna indagine e ha emanato un'autorizzazione in contrasto con la normativa che ha il compito di far rispettare.

E sappiamo di per certo anche che questa normativa era infranta, quindi: da qualunque parte fosse il "torto", quanto si voleva fare nei laboratori del CNR non era in linea con quanto prevede la legge.

Questo l'hanno ben capito i responsabili della Regione Toscana, che, essendo sempre e comunque co-responsabili dell'uso di animali nella sperimentazione fatta sul proprio territorio, non hanno voluto che una simile situazione di mancato rispetto della legge avesse luogo, e quindi hanno provveduto a bloccare l'uso di animali e ci hanno inviato la seguente dichiarazione scritta e firmata:

28 maggio 2009

[...]
"Comunico che e' stata assunta la decisione di modifcare, in via definitiva e con effetto immediato le sedute didattiche 'in vivo' su animali che sranno sostituite da sedute che prevedano esclusivamente l'utilizzo di manichini."
[...]

La dichiarazione e' firmata dal responsabile del settore medicina predittiva-preventiva della Direzione Generale diritto alla salute e politiche di solidarieta' della Regione Toscana.

La battaglia continua

In Piemonte i corsi sono stati bloccati, in Toscana pure, ora ci dedicheremo alle altre regioni in cui si tengono, nonche' alle altre associazioni/aziende che organizzano corsi post-laurea, che siano di ATLS o altro, su animali, vivi o morti che siano.

Saranno utili, come e' stato per il caso della Regione Toscana, le proteste inviate via mail o fax da tanti attivisti anti-vivisezione di tutta Italia, per sostenere ogni singolo caso, fino a che questa abitudine, orrenda ed illegale, di usare animali per il training dei medici verra' spazzata via.

Grazie a tutti.

AgireOra Network e I-CARE Italia

Articolo originale: Vittoria in Toscana: mai piu' animali nei corsi ATLS
Fonte: AgireOra - informazioni e progetti animalisti

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Natura e animali'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!