Proposta di legge 2157 sulla sperimentazione animale: ampio consenso animalista

AMPIO CONSENSO DEL MONDO ANIMALISTA E ANTIVIVISEZIONISTA ALLA PROPOSTA DI LEGGE 2157 SULLA VIVISEZIONE

22 giugno 2007

Sono tante le associazioni e i gruppi, nazionali e locali, che appoggiano la proposta di legge 2157 sulla sperimentazione animale, riproposta dall'on. dalla Vedova in questa legislatura, dopo che nella precedente era stato preparato il testo da un "tavolo di lavoro", presieduto dall'on. Giulio Schmidt, che ha visto contributi della due controparti: gli antivivisezionisti e gli "addetti ai lavori" a favore della sperimentazione animale.

"E' chiaro che, per gli attuali rapporti di forza tra pro-vivisezione e anti-vivisezione, e per i vincoli normativi internazionali, pensare ora all'abolizione della vivisezione non e' realistico, anche se e' proprio quel che andrebbe fatto, da un punto di vista scientifico ed etico" affermano i rappresentanti di I-CARE, il Centro Internazionale per le Alternative nella Ricerca e nella Didattica, che, con l'iniziativa "Progetto riabilitazione animali da laboratorio" ha partecipato ai lavori di stesura della pdl. "Per questo pensiamo che sia pura demagogia promettere ora l'abolizione della vivisezione e sia strana e poco comprensibile l'opposizione a questa pdl 2157 da parte di alcuni, in quanto essa, pur avendo come impianto generale lo stesso dell'attuale legge 116, presenta alcuni miglioramenti, davvero ottenibili e realistici".

A fronte di poche associazioni che si oppongono a una questa pdl travisandone i contenuti, e di un unico partito che si schiera contro, sono decine le associazioni e gruppi, oltre che migliaia di singoli volontari che si schierano a favore, e la pdl e' stata firmata da esponenti di vari schieramenti politici dalla destra alla sinistra.

La pdl e' inoltre sostenuta anche dal dott. Thomas Hartung, direttore dell'ECVAM (il centro europeo preposto alla convalida dei metodi alternativi), il quale, in un recente articolo pubblicato su Nature, ha palesato la sua opposizione all'uso dei test su animali dichiarando che i test di tossicita' usati per decenni sono semplicemente "cattiva scienza" e che "ora abbiamo l'opportunita' di ricominciare da zero e sviluppare test basati su evidenze reali, che siano davvero predittivi". Il dott. Hartung e' stato molto applaudito al convegno di presentazione della pdl 2157 tenutosi il 14 giugno presso il Parlamento.

I piccoli passi avanti che troviamo nella pdl 2157 sono numerosi, ma i piu' importanti sono:

  • non piu' l'80% dei protocolli di sperimentazione in regime di semplice comunicazione, ma TUTTO in regime di autorizzazione, pur se con dei tempi massimi predefiniti. In questo modo, non sara' piu' possibile per chi usa animali in laboratorio inviare la notifica e iniziare subito l'esperimento, ma dovra' attendere l'autorizzazione (che potra' eventualmente essere negata);
  • alcuni campi della sperimentazione animale del tutto aboliti: la didattica, la produzione di cosmetici e detersivi, i test bellici, la produzione di anticorpi monoclonali con metodi dolorosi;
  • la nuova legge include gli animali geneticamente modificati. In quella precedente, non erano menzionati, quindi si potevano usare a piacimento. Non e' stato possibile vietarne l'uso, ma Ŕ stato possibile porre dei forti limiti nell'art. 6 che in nessun altro paese europeo esistono;
  • viene istituito un Osservatorio nazionale, un comitato in cui potranno essere presenti anche esponenti antivivisezionisti che avra' il compito di sorvegliare la corretta applicazione della legge.

Dichiara il dott. Massimo Tettamanti, di I-CARE, chimico esperto di metodi alternativi: "Sono vari altri i punti importanti, ma per non entrare nel dettaglio tecnico possiamo semplicemente dire che questa legge ci offrirebbe nuove possibilita' e strumenti per diminuire l'uso di animali nei laboratori, e quindi da una parte salvare animali e dall'altra migliorare la ricerca e la tutela della salute umana".

"Ci auguriamo davvero che le poche associazioni che per qualche motivo stanno osteggiando questa pdl e l'unico partito che e' ad essa contrario non risultino di ostacolo all'iter della legge, perche' sarebbe davvero una vergogna che si dovesse rinunciare a salvare animali a causa del comportamento irresponsabile di pochi" conclude il dott. Tettamanti.

Comunicato di I-CARE
http://www.icare-worldwide.org - europe@icare-worldwide.org

A questa pagina trovate la lista completa delle associazioni che sostengono la pdl 2157 sulla sperimentazione animale

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Natura e animali'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!