David Vitta

Foto di David Vitta

Campione europeo di Libero 1994

Campione italiano di Libero 1992

È figlio d’arte. Sulle orme di papà Mario e mamma Elvia inizia a pattinare al “Jolly” all’età di 4 anni, debuttando a soli 7 anni nelle gare federali. Ha talento, si dedica agli esercizi liberi e alla creatività.

Nel 1990, dopo aver pattinato bene al Campionato Italiano nella categoria Cadetti, si aggiudica il “Bronzo” nel “Libero” e nella “Combinata”. Viene convocato dal Commissario Tecnico a prendere parte al Campionato Europeo a Kerkdriel in Olanda, dove David ottiene la medaglia d’argento nel “Libero” e di bronzo in “Combinata”.

Nel 1991 partecipa alla Coppa di Germania di Friburgo e si qualifica al secondo posto in “Combinata”.

Nel 1992, vince il “Libero” nella nuova categoria in Coppa Europa a Siena e nello stesso anno a Ferrara sorprende tutti, superando di gran lunga tutti i favoriti, conquistando il Campionato Italiano di “Libero”. Partecipa al Campionato Europeo di Oderzo; è medaglia d’argento nel “Libero”.

Nel 1994 vince la Coppa di Germania a Friburgo e nonostante un campionato italiano a Teramo, dove non gli viene riconosciuto il suo valore, si aggiudica il secondo posto nel “Libero”.

David lavora tenacemente e si prepara per i Campionati Europei a Brema, in Germania, dove conquista il titolo di Campione d’Europa nella specialità del “Libero”.

Inventa un esercizio a cui viene dato il suo nome: ”Trottola David”. È una trottola in posizione “angelo” dove il pattinatore ruota sul tallone del pattino appoggiato solo su una delle quattro ruote.

Nel 1995 David, in un allenamento della nazionale, per la stanchezza cade e si fa male. Già selezionato per i mondiali è costretto a rinunciare ad un grande sogno. Gli viene riconosciuta un’invalidità del 13% ma David non si arrende e riprende gli allenamenti; il risultato è stupefacente.

Ritorna a pattinare e si dedica allo spettacolo. Per il venticinquesimo anno della società si esibisce con grande successo nel ruolo del Fantasma dell’Opera; subito dopo presenta al pubblico triestino la grande interpretazione di Quasimodo nello spettacolo di Notre Dame De Paris creato sui pattini.

Studioso,interessato ai fenomeni fisici che regolano la natura, viene chiamato a Taiwan per far conoscere i suoi metodi. Oggi David insegna agli atleti la preparazione fisica e la metodologia dell’allenamento; continua a studiare nuovi territori inesplorati dello sport.

Elenco dei triestini celebri.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!