Oggi consegna delle firme a sostegno del Teatro La Contrada al Sindaco di Trieste

Notizia inserita il 02/04/2015

"Duemila firme e sarà un successo". Questo era l'obiettivo che la Contrada si era posta lanciando l'appello il 10 marzo scorso dopo la sconcertante comunicazione ministeriale di ricollocarla o come Impresa o come Organismo di programmazione.

Invece sono un totale di 12.269 le firme, online e cartacee, che giovedì 2 aprile alle ore 14 saranno consegnate al Sindaco di Trieste Roberto Cosolini dalla Presidente della Contrada Livia Amabilino e dal Direttore artistico Matteo Oleotto e da una rappresentanza dei collaboratori del Teatro triestino.

Un numero davvero sbalorditivo, a dimostrazione che una Commissione a Roma, pur composta da noti intellettuali, può sbagliarsi e non comprendere una realtà culturale così specifica come quella che si è sviluppata in Friuli Venezia Giulia e a Trieste in particolare. La reazione spontanea della città dimostra chiaramente l'affetto e la volontà dei cittadini di difendere quella che è considerata un'importante realtà culturale di riferimento ed è la conferma di come la Contrada viene percepita nel tessuto sociale in cui è nata e in cui ha operato con serietà e dedizione per quasi quarant'anni.

E' una testimonianza di affetto nei confronti di Ariella Reggio, che manda il suo sostegno da Torino, e di tutti gli attori giovani e meno giovani che hanno calcato le scene del Teatro Bobbio, rinominato in ricordo del suo fondatore Orazio Bobbio. E di questo tutta la Contrada è profondamente riconoscente. Claudio Magris, Roberto Curci, Ugo Pierri, Renzo Crivelli, Paolo Quazzolo, Gianni Gori, Fausto Biloslavo, Domenico Romeo, Franco Però, Corrado Tedeschi, Ettore Bassi, Alessandro Fullin, Miriam Mesturino, Ennio Marchetto, le Sorelle Marinetti, Riccardo Peroni, Giorgio Lupano, Alessandro Chiti, Antonio Salines, Giuseppe Emiliani, Al Custerlina, Simona Cerrato, Sabrina Morena, la Marchesa Etta Carignani, Vittorio Franceschi, Roberto Citran, e tanti altri colleghi dei teatri e molti nomi appartenenti al mondo della politica di tutti gli schieramenti, sono solo alcuni tra coloro che hanno firmato la petizione, ma fondamentali si sono rivelati anche i gruppi spontanei di raccolta firme che hanno continuato a moltiplicarsi nei negozi, nelle scuole, tra gli abbonati e i cittadini fino ad arrivare a questo importante risultato in sole tre settimane.

Fonte: Ufficio stampa del Teatro La Contrada

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Città'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!