Presepio vivente: proteste

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Stiamo ricevendo numerosi messaggi di protesta nei confronti del presepio vivente con animali vivi allestito nell'ambito del mercatino di Natale.

Gli organizzatori informano che il proprietario della coppia di renne le ha acquistate da un allevamento per carne da macello, salvandole quindi da morte sicura.

Trieste.Com è contrario all'iniziativa del presepio vivente, indipendentemente dalla presenza o meno delle renne e dalla loro provenienza. Nessun animale a nostro avviso deve essere esibito come se fosse un oggetto, in mezzo a centinaia di persone. Le renne suscitano maggiore compassione degli altri animali, come le pellicce di cane e di gatto indignano maggiormente di quelle di visone, ma la vita di ogni animale ha uguale valore.

Riportiamo alcuni dei messaggi ricevuti. Anche lo scorso anno ci erano giunte numerose proteste ma a iniziativa ormai conclusa.


Egregi Signori,
vi prego di prendere seriamente in considerazione di non utilizzare animali per la rappresentazione del presepe. Nonostante quanto si possa fare per non maltrattarli, resta sempre per loro una situazione innaturale che genera necessariamente sofferenza.
Cordiali saluti


Nobile è il gesto di voler organizzare una manifestazione con la presenza di un presepe a simboleggiare il significato del natale e altrettanto nobile il voler dare spazio a iniziative di carattere sociale.
Risulta invece fuori luogo ridurre il fenomeno a baraccone cercando di inserire in un contesto sicuramente per loro non congeniale quanto meno naturale dei poveri animali, che saranno oggetto di continue e estenuanti attenzioni da parte dei passanti.
In una società come la nostra, ormai propensa alla perdita dei veri valori è bene che le tradizioni rimangano vive e vengano tramandate al fine di arricchire quel bagaglio culturale ormai perso nel tempo.
Non dimentichiamo però che i veri valori comprendono, oltre che la dedizione e la propensione all'aiuto degli altri anche un osservanza e rispetto per le vite altrui anche qualora siano queste vite animali. Cerchiamo un alternativa tanto allettante quanto rispettosa.
Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti


Non capisco come un evento così bello e importante possa essere accostato a tanta insensibilità e poca considerazione di altre creature di Dio.
Complimenti davvero!


Dal 9 al 22 Dicembre a Trieste si terra' un mercatino di Natale e un presepio con animali vivi fra cui due renne.

Ci permettiamo di far presente che una citta' nota per il suo amore per gli animali e per un ottimo regolamento comunale a loro tutela, non deve cadere nel luogo comune di accostare iniziative benefiche ad una palese forma di sfruttamento per gli animali.
Distinti saluti.
Seguono 8 firme


Prego vivamente gli organizzatori del mercatino e presepe con animali vivi, non solo di preoccuparsi del benessere di questi ultimi, ma di non utilizzarli proprio. Trieste è una città nota per la sua attenzione a queste tematiche, vi prego di dimostrarlo anche in questa occasione.
Grazie


Al Comune di Trieste
e p.c. ai mezzi di informazione
Ho saputo che dal 9 al 22 Dicembre a Trieste si terra' un mercatino di Natale e un presepio con animali vivi e che tra questi vi saranno due renne.
Ora, per gli altri animali, poco male, sicuramente stanno meglio nel presepe che nell'allevamento intensivo, ma le renne non sono certo animali domestici, abituati a stare in luoghi piccoli e frequentati da persone!
So che Trieste ha un ottimo regolamento comunale a tutela degli animali, perche' allora permettere il loro sfruttamento solo per fini "ricreativi"?
Vorrei dunque invitare il Comune ad applicare il regolamento e a non consetire l'utilizzo delle renne.
Distinti saluti


Gentili Signori,
già l'anno scorso sono rimasta a dir poco turbata dal "presepe vivente" allestito in piazza Sant'Antonio e pure la mia famiglia ha provato pena per quei poveri animali, esibiti in un ambiente non consono alle loro esigenze etologiche come fenomeni da baraccone. E quest'anno pure le renne!
Io le ho viste le renne, in Lapponia. E' stata un'emozione bellissima. Pensare di ritrovarle sotto lo squallido gazebo mi angoscia. E non mi parlate di presepe vivente... per favore. Abbiate almeno la decenza di chiamare le cose con il loro nome.
Mi illudo, anno dopo anno, che anche agli animali venga riconosciuto il diritto di non essre trattati quali "merce da esposizione", come un tempo accadeva per gli umani deformi. Ma quale insegnamento può dare l'allestimento del presepe vivente alle nuove generazioni?
Peccato, perchè il mercatino di Natale a scopo benefit è un'iniziativa bellissima. Peccato, perchè il regolamento comunale a tutela del benessere an imale faceva ben sperare. Invece, è la solita tristezza, la solita politica di sopraffazione nei confronti degli animali non umani.
Quando finiranno queste tradizioni eticamente inacettabili?
Distinti saluti


Vivo a Trieste, una citta' nota per il suo amore per gli animali e per un ottimo regolamento comunale a loro tutela, ho saputo però che sarà allestito un presepe vivente con 2 renne, che ovviamente risentiranno della locazione per loro assolutamente inadatta. Una città come Trieste non puo' permettere un simile evento, non è accettabile accostare iniziative benefiche a una palese forma di sfruttamento per gli animali.
Distinti saluti.


Esprimiamo il nostro disappunto in merito alla scelta di inserire due renne nel presepio vivente di Trieste. Nonostante gli organizzatori garantiscano "il pieno rispetto delle norme sanitarie e la massima attenzione per le condizioni in cui saranno tenuti tutti gli animali", e' evidente che il contesto sia del tutto innaturale per questi poveri animali.
Crediamo che una citta' nota per il suo amore per gli animali e per un ottimo regolamento comunale a loro tutela, non puo' permettere un simile evento, e che non sia accettabile accostare iniziative benefiche a una palese forma di sfruttamento (e maltrattamento) per gli animali.
Seguono 10 firme


Sono a conoscenza del presepe vivente che dal 9 al 22 Dicembre si terra' a Trieste per organizzazione della locale sezione dell'Associazione Donatori Organi del Friuli Venezia Giulia.
Il problema e' che il Presepio Vivente tra i tanti animali "ospiterà" due renne.
Chiedo di non aggiungere questi animali a quelli presenti perchè "il pieno rispetto delle norme sanitarie e la massima attenzione per le condizioni in cui sono tenuti tutti gli animali" non sarebbero rispettati: le renne sono infatti animali abituati ad un habitat e ad un clima molto diverso dal nostro e soffrirebbero in tali circostanze. Grazie per l'attenzione
Distinti saluti


Signori
Desideriamo anche noi fare presente che una citta' nota per il suo amore per gli animali e per un ottimo regolamento comunale a loro tutela, non puo' permettere un simile evento, e che non sia accettabile accostare iniziative benefiche a una palese forma di sfruttamento per gli animali.
Grazie per l'attenzione e distinti saluti


Gli animali nel presepio vivente soffriranno,specialmente le 2 renne. saluti


Buongiorno,
sono un iscritto all'AIDO e voglio dire che non sono d'accordo con l'iniziativa del presepe vivente di utilizzare animali vivi, in special modo delle renne. Lasciamo tranquilli gli animali, non coinvolgiamoli in iniziative per loro moleste. Grazie.


Gentili signori,
ho saputo dell'iniziativa del presepe vivente organizzata da Donatori Organi del Friuli Venezia Giulia. Complimentandomi per la bella iniziativa, volevo però esprimervi la mia riprovazione per la decisione di utilizzare due renne vive.
Nonostante la vostra rassicurazione del "pieno rispetto delle norme sanitarie e la massima attenzione per le condizioni in cui saranno tenuti tutti gli animali", e' evidente che il contesto sia del tutto innaturale per questi poveri animali.
Da una città come Triste e da una giunta comunale nota per la sua sensibilità per gli animali (ne è prova il nostro regolamento a loro tutela, molto ben fatto) non mi aspettavo una simile caduta in basso. Un'iniziativa benefica come è quella del presepe vivente non può andare a braccetto con una così evidente forma di non rispetto verso gli animali.
Vi prego di ripensarci. Saluti.

Sono rimasta stupita nel sapere che una citta' nota per il suo amore per gli animali e per un ottimo regolamento comunale a loro tutela come Trieste, voglia permettere la creazione di un presepe vivente con animali. Non è sia accettabile accostare iniziative benefiche a una palese forma di sfruttamente per gli animali. Gli animali non vogliono stare lì, non capiscono nemmeno il perché e sinceramente nemmeno io. Siamo quasi nel 2006.
Evitate di esporre animali vivi nel vostro presepe, che senso ha? Tenete tranquilli gli animali fuori dagli occhi curiosi. La strada, la piazza non sono fatte per gli animali ma per gli uomini.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Città'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!