Andrea Guerzoni: Domestic Drama. Mostra dedicata all'Ulisse di James Joyce

Notizia inserita il 16/06/2012

James Joyce, inchiostro su carta 2012, Andrea Guerzoni.jpg

In occasione del Bloomsday - giornata in cui si svolge l'azione del celebre romanzo Ulisse di James Joyce - Trieste festeggia il grande scrittore che soggiornò in città con la mostra "Domestic Drama" di Andrea Guerzoni ispirata agli oggetti citati nel romanzo in questione. Le piccole cose della vita quotidiana, personaggi e oggetti, tutti in scena nella stessa giornata, il 16 giugno, affollano le pagine dell'Ulisse di James Joyce. La misteriosa vita degli oggetti dell'Ulisse culmina nel capitolo Circe. Nel mondo notturno e visionario del bordello sono molti gli oggetti provvisti di autonomia linguistica e movimento che compaiono come attori della pantomima: un grammofono, un orologio a cucù, un sapone, una pianola, il ventaglio di Bella Cohen, il berretto di Lynch. I copricapi joyciani, anch'essi dotati di una propria identità, irrompono copiosi: cappello a tricorno violetto e bombetta grigia, berretto da casa con nappe e cuffietta a nastri da dama, cappellino alla marinara e berretto di pelo, sombrero spiovente impennacchiato e berretto a sonagli.

Nei disegni di Guerzoni realizzati per il Bloomsday 2012 di Trieste si ritrova, oltre al fenomeno della personificazione degli oggetti e delle curiose e inaspettate metamorfosi, quel senso di straniamento che può cogliere il lettore dell'Ulisse. Nell'installazione "Maestro di colore", serie di tele in stoffa di varie dimensioni, alcune delle quali con un aforisma ricamato, Guerzoni evoca i sublimi colori inventati da Joyce, in particolare le tonalità dell'azzurro: fumo, argento, crepuscolo, salino, verdastro, luna. Cose da poco, appunto, capaci di rimandare ad un universo privato, domestico, comune e condivisibile.

La dimensione espressiva dell'artista torinese trova rispondenze nell'immaginario figurativo e poetico di autori di riferimento come Carol Rama, Alda Merini, Fernando Pessoa, e con questa nuova mostra a Trieste, James Joyce. "L'omaggio che Guerzoni fa a questi artisti e scrittori non rimane superficiale né tanto meno scade nella facile citazione: nelle sue mani le caratteristiche e le suggestioni dei maestri diventano materia plasmabile e duttile e contribuiscono a dar vita a delle creazioni originali e indipendenti" (Corrado Premuda, curatore nel 2011 della mostra Carol Rama - Andrea Guerzoni Quanta luce nel nero a Roma ed autore del romanzo Sazrijevanje, tradotto in croato e pubblicato da AntiBarbarus Editrice di Zagabria nel 2010, illustrato da Andrea Guerzoni).

È "un mondo disincantato quello di Guerzoni, tra grafie infantili e provocatorie, figlie di una ricerca linguistica in un patrimonio letterario di tutto rispetto" (Maria Arcidiacono, Art a Part of Culture, 2011). Andrea Guerzoni "attua la pratica della frequentazione, della relazione approfondita nel tempo, che diventa rito, intima condivisione e conoscenza verticale. Per lui è modalità ideativa e realizzativa" (Olga Gambari, La Repubblica Torino, aprile 2012).

Ventaglio, inchiostro su carta 2012, Andrea Guerzoni.jpg

Andrea Guerzoni
DOMESTIC DRAMA

Sala mostre ex AIAT
piazza Unità d'Italia 4B
34121 Trieste

da lunedì a domenica
ore 10:00 - 13:00 / 16:00 - 19:00

fino al 15 luglio 2012

info:
Museo Joyce Trieste
museojoyce@comune.trieste.it
tel. 040 6758170
www.museojoycetrieste.it

Associazione culturale Daydreaming Project
staff@ddmagazine.it
cell. 3337245244
www.daydreamingproject.org

www.andreaguerzoni.it

BLOOMSDAY 2012 Una festa per Joyce

Organizzato da: Comune di Trieste / Università degli studi di Trieste / Museo Joyce Museum/ Trieste Joyce School
in collaborazione con Associazione culturale Daydreaming Project / Scuola di Musica 55
con il contributo di Regione Friuli Venezia Giulia

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!