Mostra: Alighiero Boetti / Jannis Kounellis. Opere su carta

Notizia inserita il 6/11/2007

A cura di: Associazione StudioArte
Luogo: Associazione StudioArte in via San Francesco 22, 34133 Trieste
Date: dal 10 novembre 2007 al 05 dicembre 2007
Orario: su appuntamento con ingresso gratuito
Web: www.studioarte.org
Contatti: email st_arte@yahoo.com | Tel 334.8094856 | Fax 040.774152

Alighiero Boetti / Jannis Kounellis. Opere su carta

L'Associazione StudioArte ha il piacere di presentare un'esposizione dedicata alle opere su carta di due degli artisti più significativi del panorama internazionale: Alighiero Boetti e Jannis Kounellis.

Entrambi gli artisti si affermano a partire dagli anni Sessanta, divenendo tra i principali esponenti del movimento dell'Arte Povera, per percorrere successivamente in maniera autonoma la propria ricerca artistica.

Sperimentano quindi l'uso di materiali poveri e non convenzionali, come l'eternit, il ferro, il carbone, con l'intento di valorizzarne l'estetica intrinseca, attuando una vera rivoluzione nel mondo dell'arte.

Nel tempo il lavoro di Boetti si concentra essenzialmente su due tipologie di opere: i ricami su tela, tra cui le celebri Mappe e gli Arazzi, che prendono forma dalle mani delle tessitrici afghane, e la ricca e varia produzione su carta, che comprende le Biro, i Lavori Postali e i Collages. A quest'ultimo gruppo appartengono le opere selezionate per la mostra, coprendo un periodo che va dal 1981 al 1993. Tra queste anche una serie di colorati collages provenienti dal Museo di Arte Contemporanea di Lucerna.

Jannis Kounellis, cui è stata recentemente dedicata un'antologica al museo MADRE di Napoli e di cui è in corso la retrospettiva alla Nationalgalerie di Berlino, affronta in modo distinto la produzione su carta dalle installazioni.

Il supporto cartaceo viene utilizzato per eseguire lavori autonomi, che sono fedeli allo spirito rigoroso dell'artista, non concedendo spazio al decorativismo, ma presentandosi nella loro asciutta essenzialità.

La mostra offre al visitatore uno spaccato sulla produzione recente di Kounellis, in cui la tecnica privilegiata è quella del pastello nero catramato che scivola deciso sul foglio a delineare ed evocare di volta in volta reticoli, tracce, labirinti.

Nell'esposizione si mette in evidenza come i percorsi di Boetti e Kounellis, inizialmente legati da una matrice comune, si siano nel tempo sviluppati attraverso estetiche differenti: se Boetti sottende ad un universo dai mille colori, in cui prende forma anche l'aspetto ludico, Kounellis amplifica l'energia e la tattilità del nero catrame come colore/materia. I due approcci estetici, all'apparenza distanti, trovano forte convergenza nella tensione spirituale e nella comune carica simbolica e concettuale.

La mostra è visitabile su appuntamento presso l'Associazione StudioArte in via San Francesco 22 a Trieste dal 10 novembre al 05 dicembre 2007, scrivendo a st_arte@yahoo.com o telefonando al 334.8094856.

Alighiero Boetti

Artista tra i più eclettici e innovativi, Alighiero Boetti nasce a Torino nel 1940. Si afferma da subito all'interno del movimento dell'Arte Povera, e la sua prima personale si tiene nel 1967 presso la storica galleria Stein di Torino.

La prima partecipazione alla Biennale di Venezia risale al 1972, e nel 1974 espone al MOMA di New York nella mostra "Eight Contemporary Artists".

Già nel 1978 la Kunsthalle di Basilea gli dedica una mostra antologica.

Scompare prematuramente a Roma nel 1994.

Importanti musei gli dedicano esposizioni retrospettive, tra cui la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e la Fundación PROA di Buenos Aires nel 2004, il Frac Bourgogne di Dijon nel 2003, il Museo The Arts Club di Chicago e il Contemporary Arts Museum di Houston nel 2002, la Tate Modern di Londra nel 2001, la Whitechapel Art Gallery di Londra nel 1999, il MMK Museums für Moderne Kunst di Francoforte nel 1998, il Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig di Vienna nel 1997, la GAM di Torino, il Musée d'Art Moderne di Villeneuve d'Ascq e la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma nel 1996, Societé des Expositions du Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, il MOCA di Los Angeles e il P.S.1 Museum di New York nel 1994.

Partecipa alle più importati rassegne internazionali, tra cui diverse edizioni della Biennale di Venezia, di cui due con sale personali, e di Documenta a Kassel, oltre a numerose retrospettive personali e sull'Arte Povera.

Le sue opere sono state acquisite dalle istituzioni museali più prestigiose al mondo come, il DIA Art Center e il MOMA di New York, il Centre Pompidou di Parigi e la Tate Modern di Londra, il Kunstmuseum di Lucerna, il MOCA di Los Angeles, la GAM di Torino, il Castello di Rivoli, la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma.

Jannis Kounellis

Nato nel 1936 al Pireo, in Grecia, si trasferisce nel 1956 a Roma - dove vive e lavora - e dove ha avuto la prima mostra personale nel 1960, presso la Galleria La Tartaruga. E' considerato uno degli artisti più influenti del XX secolo.

A partire dagli anni Sessanta Jannis Kounellis si impone come uno dei massimi esponenti dell'Arte Povera.

Tra le principali mostre personali recenti: nel 2007 Nationalgalerie di Berlino; nel 2006 al Museo MADRE di Napoli, e alla Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano; nel 2004 Vijecnica, National Library di Sarajevo, e al Modern Art Museum di Oxford; nel 2002 alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma e alla Whitechapel di Londra.

Nel 2001 è tra i protagonisti della grande mostra "Zero to Infinity" presso la Tate Modern di Londra.

Ha partecipato alle più prestigiose rassegne internazionali, tra cui 8 Biennali di Venezia, oltre a diverse edizioni di Documenta a Kassel e numerose antologiche dedicate al movimento dell'Arte Povera.

Sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti dei maggiori musei nel mondo come la GAM di Torino, il Castello di Rivoli, la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, il MOMA e il Guggenheim di New York, il Museo Reina Sofia di Madrid e la Tate Modern di Londra.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!