Uno sguardo su Venezia. Canaletto a Miramare

Notizia inserita il 30/07/2009

PROROGATA la mostra "Uno sguardo su Venezia. Canaletto a Miramare"

Resterà aperta fino al 30 agosto la mostra allestita al Castello di Miramare di Trieste

Quasi 91.000 visitatori, da sabato 18 aprile 2009, hanno affollato il Castello di Miramare e visitato la mostra "Uno sguardo su Venezia. Canaletto a Miramare". Visto il grande successo la chiusura dell'iniziativa, prevista per domenica 2 agosto, è stata posticipata, quindi, a domenica 30 agosto. L'esposizione resterà aperta al pubblico con il consueto orario del Castello: tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. Anche a Ferragosto sarà possibile visitare le sale della residenza di Massimiliano d'Asburgo e Carlotta di Sassonia Coburgo Gotha e scoprire la preziosa raccolta di disegni del Canaletto e alcuni dipinti ottocenteschi, ospitati nella Sala della Rosa dei Venti.

Prosegue così l'omaggio al grande maestro veneziano, Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto. La significativa serie di disegni dell'artista, già collezione Miotti di Tricesimo (Udine), dal 1973 fa parte delle raccolte della Galleria Nazionale d'Arte Antica di Trieste. La collezione, composta da sette esemplari, di cui tre disegnati anche sul verso, è di notevole interesse in quanto racchiude l'iter creativo del Canaletto, che partiva dagli "scaraboti", i primi rapidissimi abbozzi fissati su carta, per giungere, attraverso una progressiva definizione del punto di vista, all'elaborazione di veri e propri disegni preparatori per i dipinti. Diversi per carta e per formato, i disegni triestini si riferiscono presumibilmente a più quaderni. Ed è proprio l'idea di sfogliare un quaderno ad aver ispirato l'architetto romano Susanna Nobili nella progettazione del leggio traslucido che ospita i prezioni fogli. Il supporto, definito Scriptorium, si rifà all' antica tradizione monastica della diffusione del sapere e consente all'osservatore di consultare i disegni come un miniatore alle prese con la copiatura.

Alle pareti invece il visitatore può ammirare un nucleo di dipinti ottocenteschi, ispirati ai temi cari a Canaletto, che raffigurano affascinanti scorci di Venezia. Provenienti dalla collezione privata di Massimiliano e Carlotta, tali opere testimoniano l'imperitura fortuna nell'800 del vedutismo canalettiano e restituiscono, per exempla, il variegato panorama artistico in laguna composto da una moltitudine di pittori veneziani, italiani e stranieri che continuarono "a nutrirsi di Canaletto" e a cimentarsi nel vedutismo: Ippolito Caffi, Luigi Steffani, Jean-Baptiste Van Moer, ... Un quadro è dipinto dalla stessa arciduchessa, artista dal discreto talento.

A cura di Fabrizio Magani e Rossella Fabiani, la mostra "Uno sguardo su Venezia. Canaletto a Miramare" è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Friuli Venezia Giulia, dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia, dal Museo Storico del Castello di Miramare e dalla Fondazione CRTrieste.

Comunicato originale di presentazione

Uno sguardo su Venezia. Canaletto a Miramare
Trieste, Museo Storico del Castello di Miramare
18 aprile - 2 agosto 2009

Inaugurazione
Venerdì 17 aprile 2009, ore 18
Trieste - Sala del Trono - Museo Storico del Castello di Miramare

Nell'ambito delle recenti iniziative dedicate a Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto, anche la città di Trieste porge il suo omaggio al grandissimo maestro veneziano con una mostra che verrà inaugurata venerdì 17 aprile 2009 alle ore 18 e che sarà visitabile fino al 2 agosto 2009, presso la Sala della Rosa dei Venti del Museo Storico del Castello di Miramare. L'inaugurazione di venerdì 17 aprile si inserisce nel calendario delle iniziative in occasione dell' XI Settimana della Cultura, promossa dal 18 al 26 aprile 2009 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

L'iniziativa, presentata oggi a Trieste presso la sede della Fondazione CRTrieste, mira alla valorizzazione di una significativa serie di disegni del Canaletto, già collezione Miotti di Tricesimo (Udine), entrati a far parte nel 1973 delle raccolte della Galleria Nazionale d'Arte Antica di Trieste. La collezione, composta da sette esemplari, di cui tre disegnati anche sul verso, è di notevole interesse in quanto racchiude l'iter creativo del Canaletto, che partiva dagli "scaraboti", i primi rapidissimi abbozzi fissati su carta, per giungere attraverso una progressiva definizione del punto di vista all'elaborazione di veri e propri disegni preparatori per i dipinti. Il Canal Grande verso la chiesa della Carità, la Riva degli Schiavoni con il Bucintoro, Palazzo Foscari e il Campo di Santa Sofia, il ponte di barche per la festa del Redentore, ma anche la chiesa di San Gregorio al Celio a Roma e l'Arena di Pola, insieme ad altri schizzi di edifici, sono i soggetti protagonisti dei fogli triestini, dove la stessa mano di Canaletto ha riportato abbreviazioni relative alla scelta dei colori, note toponomastiche o indicazioni sull'eventuale ampliamento o riduzione della veduta da attuarsi nella redazione finale. Diversi per carta e per formato, i disegni triestini si riferiscono presumibilmente a più quaderni, e costituiscono una preziosa testimonianza circa la complessità delle vicende collezionistiche connesse alla grafica canalettiana.

Accanto alle opere di Canaletto, i visitatori avranno modo di apprezzare un nucleo di dipinti ottocenteschi, a mano di diversi artisti, provenienti dalle collezioni di Ferdinando Massimiliano d'Asburgo e di Carlotta di Sassonia Coburgo Gotha. Il Ponte di Rialto, il Canal Grande con la piazzetta di San Marco, la chiesa di San Giorgio Maggiore, il cortile interno di Palazzo Ducale: questi sono alcuni degli scorci veneziani che gli arciduchi, affascinati dalla città lagunare, vollero nelle stanze della loro residenza, e che oggi il Museo Storico del Castello di Miramare offre alla visione del pubblico come testimonianza dell'imperitura fortuna nel XIX secolo del vedutismo canalettiano. Canaletto "rivive" a Miramare, rivisitato secondo modi romantici nella Venezia notturna del bellunese Ippolito Caffi, illuminata da suggestivi bagliori rossastri, o nelle acque trasparenti del Canale della Giudecca del bergamasco Luigi Steffani. Sicuramente prodotto ottocentesco di pregevole esecuzione è la veduta del Ponte di Rialto visto da sud, acquistato invece da Massimiliano d'Asburgo come originale di Canaletto. Tra le voci europee il belga Jean Baptiste Van Moer ripropone con elegante accuratezza temi già canalettiani, ispirando a sua volta la stessa Carlotta del Belgio, pittrice di discreto talento, di cui si espone un quadretto raffigurante l'isola di San Giorgio.

Un allestimento, quello di questa mostra, che coinvolgerà in modo inusuale il Castello di Miramare. La mostra infatti sarà allestita all'interno del percorso di visita del Castello, enfatizzando anche, senza mai però alterare, gli spazi della residenza di Massimiliano e Carlotta. Il visitatore potrà ammirare i disegni del Canaletto, protetti da un vetro di plexiglass, come se fosse seduto al tavolo dell'artista e tra le stanze dell'Archiduca potrà scoprire i dipinti appartenenti alle sue collezioni.

La mostra è promossa e organizzata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali-Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia, dal Museo Storico del Castello di Miramare e dalla Fondazione CRTrieste. Mostra e catalogo sono curati da Fabrizio Magani, Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia e da Rossella Fabiani, Direttore del Museo Storico del Castello di Miramare, in collaborazione con Giuseppe Pavanello, Professore Ordinario di Storia dell'Arte Moderna all'Università degli Studi di Trieste. L'allestimento è a cura di SNA - Susanna Nobili Architettura di Roma. Il catalogo è edito da SilvanaEditoriale.

Si segnala l'apertura serale straordinaria nei giorni 24 aprile, 16 maggio e 21 giugno 2009 fino alle ore 21.30 (ultimo ingresso ore 21). Per l'occasione i visitatori potranno usufruire gratuitamente di visite guidate gratuite con partenza alle ore 18 e alle 20. Gli approfondimenti saranno a cura degli Assistenti Museali del Museo Storico del Castello di Miramare.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!