Devetta, il poeta del colore, mostra dedicata al pittore Edoardo Devetta

Notizia inserita il 26/10/2012

Edoardo Devetta: Vaso con fiori - olio su tela - cm 40x30

PRESENTATO IL CATALOGO DELLA MOSTRA DEVETTA, IL POETA DEL COLORE, VISITABILE AL PALAZZO DEL CONSIGLIO REGIONALE FINO AL 9 NOVEMBRE

Devetta, il poeta del colore, la mostra dedicata dal Consiglio regionale fino al 9 novembre al maestro triestino scomparso quasi vent'anni fa, è ora corredata da un elegante catalogo, che è stato presentato in questi giorni al Palazzo del Consiglio regionale da Piero Tononi, componente l'Ufficio di presidenza, assieme a Paolo Cavallini, nipote del maestro e curatore del coordinamento generale della mostra e del catalogo, e a Marianna Accerboni, autrice del testo critico della mostra.

Le opere, quasi una settantina di tele, raccontano il percorso evolutivo lungo quarant'anni di Devetta, dal figurativo all'astratto, attraverso una continua ricerca artistica che lo ha portato a raggiungere prestigiosi traguardi come la partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1966 e a numerose Quadriennali di Roma.

La bellezza e il valore di una pittura ricca di valenze cromatiche e tonali, da cui scaturisce la luce, e connotata con armonico equilibrio da un segno intenso e nel contempo delicato, rappresentano il filo conduttore della rassegna intitolata "Devetta, il poeta del colore", dedicata fino al 9 novembre al grande artista, nei prestigiosi spazi del Palazzo del Consiglio Regionale. In tale sede è stato presentato in questi giorni anche l'elegante catalogo della rassegna (pgg. 82, Battello stampatore), che, attraverso 65 oli su tela e un acquarello di grande freschezza e immortale attualità, realizzati dal '40 ai primi anni '80, ricorda il pittore (Trieste 1912 - 1993) a quasi vent'anni dalla morte.

Edoardo Devetta

Nell'occasione il consigliere regionale Piero Tononi ha porto il saluto del Consiglio regionale "il quale" ha sottolineato "ha l'onore di poter esporre le opere di uno fra i più importanti artisti figli della nostra terra, ospitati in questa sede".

Edoardo Devetta

Il nipote del pittore Paolo Cavallini ha ringraziato vivamente il Consiglio regionale e ha quindi ricordato che dagli inizi degli anni '40 il nonno si era dedicato a una ricerca pittorica, che pur sembrando istintivamente casuale, si era rivelata del tutto composta e ordinata nel suo insieme. "Si può notare" ha precisato "il coesistere negli stessi periodi di dipinti figurativi e astratti, tutti ben contraddistinti dalla ricerca del gusto personale del colore, in quanto la sua esigenza era una sperimentazione cromatica in tutte le più svariate sfaccettature. Anche se la consacrazione avvenne con l'astrattismo, non smise il piacere di dedicarsi anche a lirismi di carattere interiore. Inoltre" ha spiegato Cavallini "gli spazi del palazzo che sembravano un po' stretti, non permettendo una ricostruzione cronologica del percorso dell'artista, alla fine hanno rivelato accostamenti finora ritenuti arditi, ma in realtà veramente molto convincenti.".

Edoardo Devetta: Marina - olio su tela - cm 50x40

L'arch. Marianna Accerboni ha quindi sottolineato come la valenza europea e internazionale dell'opera di Devetta e la sua maturità espressiva si riallaccino alla posizione centro-europea di Trieste nel passato e nel presente, con l'antica frequentazione dei suoi artisti delle Accademie di Monaco, Berlino e Vienna, dove fluttuavano i germi delle avanguardie anche francesi e russe. "Spirito indipendente, isolato e riflessivo" ha concluso il critico "Edoardo Devetta, pur in contatto con le avanguardie più significative del suo tempo come il Gruppo degli Otto (Basaldella, Birolli, Corpora, Morlotti, Santomaso, Turcato, Vedova capitanati dal critico Lionello Venturi), preferì tuttavia mantenere una posizione affine e sintonica, ma del tutto autonoma, conquistando prestigio nazionale nonostante la risevatezza, le modeste origini famigliari e l'isolamento di Trieste dopo il secondo conflitto mondiale".

Edoardo Devetta: Paesaggio in rosso, 1961 - olio su tela - cm 70 x 90

DOVE: Palazzo del Consiglio regionale - Piazza Oberdan, 6 - Trieste
QUANDO: 1 ottobre - 9 novembre 2012
ORARIO: da lunedì a giovedì 9.30 - 13.00 e 14.30 - 16.30 / venerdì 9.30 - 12.30 (a eccezione dei giorni in cui si riunisce il Consiglio regionale)
A CURA DI: coordinamento generale di mostra e catalogo Paolo Cavallini / testo critico Marianna Accerboni
CATALOGO: sì
INFO: 040 3773106 - 335 6750946

Edoardo Devetta: Piccolo cantiere, 1946 - olio su tela - cm 66x54

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!