Figurazione oggi. Opere scelte di Francesco Leone

Notizia inserita il 7/04/2010

FIGURAZIONE OGGI: MOSTRA PERSONALE DEL PITTORE FRANCESCO LEONE ALLA SALA FITTKE DI TRIESTE

S'inaugura sabato 10 aprile alle ore 17.30 a Trieste, nella Sala comunale "Arturo Fittke" di piazza Piccola 3, la mostra antologica intitolata "Figurazione oggi. Opere scelte di Francesco Leone", con intervento critico di Marianna Accerboni. La rassegna, visitabile fino al 29 aprile, propone una serie di dipinti e disegni realizzati dagli anni '70 a oggi.

Il chiaroscuro è il sommo dell'arte ed è dato a pochissimi scriveva Ugo Foscolo ai primi del XIX secolo, in epoca neoclassica. E forse - sottolinea Accerboni - proprio per il fatto che è dato a pochi, oggi non molti ne fanno uso, preferendo saltare a piè pari la copia dal vero e il periglioso figurativo, per passare subito alla più rassicurante astrazione o a installazioni le più permissive. A differenza di quanto fece Picasso, che a soli 16 anni dipingeva in modo eccellente con taglio squisitamente figurativo e del quale proprio per questo è lecito pensare che, quando iniziò a scomporre i volumi, lo fece perché sinceramente interessato dalla sperimentazione.

Senza negare valore e molto rispetto ad alcune ricerche e correnti d'avanguardia dell'arte contemporanea, va però notato che, fino a qualche anno fa, nell'arte dei nostri giorni la figurazione era spesso considerata espressione provinciale e déjà vu.

Rara avis può quindi essere considerato oggi chi, come Francesco Leone, dipinge ciò che vede e ammanta le proprie rappresentazioni di poetica verità, cimentandosi nella fatica di ritrarre e interpretare la realtà con aderenza e fedeltà a ciò che è visibile, studiando figura e anatomia; confortato forse anche dal fatto che, da qualche decennio a questa parte, ha preso piede in Italia e all'estero una corrente neo-figurativa, che ripropone una narrazione comprensibile, anche se interpretativa, del vero.

Formatosi nell'atelier del noto acquerellista triestino Lido Dambrosi e alla Scuola di Figura tenuta al Museo Revoltella da Nino Perizi, Leone, che ha iniziato a esporre nel 1981 presentato dal critico Giulio Montenero, ha affinato con tali frequentazioni il naturale talento a esprimere e rielaborare armonicamente le forme della realtà, cimentandosi con sicurezza assoluta nella difficile arte del nudo e del ritratto, delle quali ci consegna prove sincere ed eleganti, realizzate a matita, carbone, pastello, sanguigna, olio, acrilico e china. A tali tematiche - conclude Accerboni - ha poi aggiunto con agilità la rappresentazione del paesaggio, resa rapidamente, quasi in forma di appunto, secondo il ritmo della pittura postimpressionista, e, su suggerimento del pittore Ottavio Bomben, la raffigurazione del cavallo, spesso lanciato al galoppo, riuscendo a conferire a tutte le sue immagini un sentimento di poetica bellezza e levità, spesso esaltate da un inedito e raffinato supporto in velluto.

DOVE: Sala comunale A. Fittke - Piazza Piccola, 3 - Trieste
QUANDO: 10 - 29 aprile 2010
ORARIO: tutti i giorni 10.00 - 13.00 / 17.00 - 20.00
A CURA DI: Marianna Accerboni
CATALOGO: no
INFO: 3356750946

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!