Gianni Borta alla Galleria Rettori Tribbio

Notizia inserita il 23/03/2013

Galleria Rettori Tribbio · Trieste
23 marzo - 5 aprile 2013
intervento critico di Marianna Accerboni

Inaugurazione sabato 23 marzo ore 18.00

S'inaugura sabato 23 marzo 2013 alle ore 18.00 alla Galleria Rettori Tribbio (Piazza Vecchia, 6) di Trieste la personale del pittore friulano Gianni Borta, che sarà introdotta dall'architetto Marianna Accerboni: in mostra più di una ventina di opere recenti tra oli e tecniche miste del 2012 ispirate al recente viaggio compiuto dall'artista nel Vietnam alla ricerca della vita e della luce. Protagonista della mostra è il fior di loto, il fiore nazionale di quel paese, che rinasce oggi sui campi che furono martoriati dalla guerra e dalle bombe al napalm. Borta ne raccoglie il messaggio ed ecco che questo fiore diventa il simbolo della rinascita.

Gianni Borta - Due anatre tra i fior di loto, 2012 - olio su tela - cm 70x100

In precedenza il pittore aveva compiuto dei viaggi in altri paesi esotici, dipingendone i fiori simbolo, come per esempio le peonie in Cina, il fior di loto in India, l'iris nero in Giordania, la protea in Giordania, il padouk in Birmania, che racchiudono l'anima e la poesia di tali paesi.

Gianni Borta - I fior di loto nel delta del Mekong, 2012 - olio e acrilico su tela - cm 70x90- Copia

Coerentemente con tale attività, durante la rassegna saranno presentati anche tre libri multimediali, editi da Campanotto, contenenti i diari di viaggio di Gianni Borta in India, Giordania e Sud Africa con disegni, fotografie, quadri e filmati inseriti nei DVD che accompagnano le pubblicazioni. Visitabile fino al 5 aprile (orario: feriali 10.00-12.30 / 17.00-19.30; festivi 10.00-12.00; lunedì chiuso).

Borta - scrive Marianna Accerboni - dipinge en plein air come gli Impressionisti, ma con la verve del migliore espressionismo. Con la differenza che, se questa tendenza nasceva nel Nord Europa quale momento introspettivo e movimento liberatorio dell'angoscia, in questo pittore l'immediatezza del gesto e la vivacità del colore, che in lui da sempre si esplicita con un fascino del tutto fauve, sono forieri di una vitalità, di una bellezza e di un ottimismo, che ce lo fanno amare sempre di più.

Gianni Borta - Il fiore del fuoco (protea o Regina del Sud Africa), 2012 - olio su tela - cm 100x100

All'impeto dei Fauves, che accostavano, anche con sottile valenza simbolica, colori puri, dai quali scaturiva la luce, Borta, partito dalla narrazione dei temi agresti del Neorealismo friulano, tratti da una campagna intensamente amata, unisce infatti un trasporto gioioso e poetico che sfiora l'Informale, tendenza cui si era accostato nel corso di un viaggio negli Stati Uniti durante gli anni Settanta, senza tuttavia staccarsi completamente dalla realtà, sì da essere considerato autore oggi di un nuovo realismo.

Gianni Borta è nato e vive a Udine, lavora nella città natale e a Milano. Bambino prodigio, ha iniziato a esporre nel 1961, ispirandosi ai temi neorealisti del mondo contadino friulano. Oggi è considerato uno dei più significativi artisti italiani della generazione di mezzo: ha al suo attivo 850 mostre e 165 personali allestite nelle principali città italiane e all'estero e 250 riconoscimenti, tra premi nazionali e internazionali, conseguiti in 50 anni di pittura.

Gianni Borta - Nel delta del Mekong, 2012 - olio su tela - cm 100x150

E' presente alle più importanti rassegne artistiche, dalla Quadriennale di Roma alla Biennale Internazionale della grafica di Lubiana e di Sapporo (Giappone), dall'Arte Fiera di Bologna all'Artexpo di New York, alla Kunstmesse di Basilea e alla Triennale Europea dell'Incisione di Villa Manin. Numerose sue opere si trovano in edifici pubblici: mosaici realizzati per scuole, ospedali, impianti sportivi e edifici giudiziari, case circondariali e monumenti. Ha partecipato spesso a laboratori di ricerca internazionali e, quale relatore, a convegni culturali. Notevole è la sua attività anche come incisore, grafico e illustratore di libri, manifesti e riviste.

Ha esposto recentemente a S. Pietroburgo e al Dan Huang Art Museum di Pechino. La sua attività è documentata all'Archivio Storico della Biennale di Venezia e all'archivio per l'Arte Italiana del '900 a Firenze. Le sue quotazioni sono presenti su Artprice, leader mondiale dell'informazione. Per la sua intensa attività artistica, i temi trattati e l'originale verve pittorica, inizia a essere considerato un caposcuola.

Gianni Borta - Peonia, fiore simbolo della Cina, 2012 - olio su tela - cm 80x80

DOVE: Galleria Rettori Tribbio - Piazza Vecchia, 6 - Trieste
QUANDO: 24 marzo - 5 aprile 2013
ORARIO: feriali 10.00 - 12.30 / 17.00 - 19.30 •festivi 10.00 -12.00 • lunedì chiuso
A CURA DI: Marianna Accerboni
CATALOGO: no
INFO: 335 6750946

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!