Presentazione del libro "Il Resto" con mostra d'arte di A. Davoli.

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

A dare inizio ad un ciclo di iniziative inerenti al tema Arte-Libertà-Disagio Esistenziale avverrà, per gli incontri della Società Artistico Letteraria, venerdì 2 dicembre '05 - alle ore 17 - presso la Biblioteca Statale di Trieste in Largo Papa Giovanni XXIII n. 6, la presentazione del libro di poesie, salmi e dipinti "Il Resto" (Ed. Il Murice) degli autori Fedele Boffoli, Walter Curini e Franco Naglein, con postfazione di Fabio Russo e illustrazioni di Francesco Mignacca e Grazia Semeraro.

Nella stessa circostanza, in sinergia con i contenuti poetici dell'evento, sarà inaugurata la mostra d'arte "Il Resto e la memoria del viaggio" di Alfredo Davoli (già visitabile dal 28.11 e fino al 09.12.05 con orario 10-17.30, presente anche in internet all'indirizzo www.anforah.artenetwork.net.), con supporti critici di Eraldo Di Vita e Maria Tolone.

Riportiamo, a riguardo, le seguenti note critiche:

""Il Resto, troppo ampio per essere simboleggiato in un linguaggio, così vicino ad un silenzio eloquente, è il lato da vivere e da percepire nella pienezza della vita di ogni giorno; come in un poetico viaggio dell'anima da Occidente a Oriente che si intraprende, forzando le Colonne d'Ercole alla volta di sconfinati oceani di sabbia - da Tangeri fino a Samarcanda e al Gange - per riscoprire, attraverso luoghi e civiltà arcaiche, l'interezza di una memoria universale, scolpita e inalterata dallo scorrere del tempo. - gli autori"".

""Con Alfredo Davoli, ne siamo certi, la fotografia ha raggiunto il livello della cultura moderna scritta e dipinta, anche se la fotografia ha solo un secolo e mezzo di vita, mentre la parola e la pittura esistono da sempre. Questo fotografo-artista che accompagna le poesie dei poeti de "Il Resto" traduce i suoi "Reportage fotografici di viaggio" in "Memorie di un viaggiatore" elaborando al computer le foto stesse e trasformandole in opere poetiche. Per rendersi conto di quanto diciamo è sufficiente osservare contemporaneamente le sue foto e i lavori elaborati al computer, che diventano immediatamente delle vere e proprie opere d'arte. Attraveso le foto di Alfredo Davoli si può capire come la fotografia a volte abbia una realtà più pregnante della medesima attualità: ognuna di esse può trasportarci in luoghi sconosciuti e fantastici, modificando il nostro modo di vedere il mondo, convincerci della grandezza e della viltà dell'uomo, consentirci di condividere le rivelazioni di uno spirito artistico e sensibile, renderlo capace di risalire il tempo e infine di trascendere la propria esistenza terrena. - Eraldo Di Vita"".

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!