Iperporti, scali internazionali di letteratura

Notizia inserita il 20/10/2009

IPERPORTI - SCALI INTERNAZIONALI DI LETTERATURA
SECONDA EDIZIONE
TRIESTE 29-31 OTTOBRE 2009

Dal 29 al 31 ottobre avrà luogo a Trieste la seconda edizione di Iperporti, scali internazionali di letteratura, organizzato dall'associazione Casa della Letteratura di Trieste e realizzato con il contributo dell' Assessorato alla Cultura della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Nato con l'intento di approfondire i legami fra la produzione culturale contemporanea e la città di Trieste, le sue attività produttive e i suoi centri di conoscenza, Iperporti è una vera e propria festa della letteratura e, in linea con l'apertura al mondo connaturata alla vocazione cosmopolita di Trieste, della traduzione letteraria. Dislocato su più spazi (Antico Caffè San Marco e Scuola superiore di lingue moderne per interpreti e traduttori - Biblioteca nazionale slovena e degli studi - Trieste), Iperporti realizzerà, nell'arco di tre giornate, incontri con autori, dibattiti, presentazioni di libri e letture.

La sfida che questo particolarissimo festival si appresta ad affrontare è la stessa di una città, Trieste, che mira a diventare un importante punto di riferimento economico e sociale per il territorio che la circonda. In quest'ottica il porto, uno degli elementi cardine del tessuto economico cittadino, rappresenta l'immagine più immediata di un ideale luogo di incontro, zona di approdo e di scambio di conoscenze ed esperienze letterarie, punto di partenza di innumerevoli viaggi, reali e immaginari.

Tra gli appuntamenti più importanti di Iperporti che si svolgeranno all'Antico caffè San Marco: Porti di confine, sezione che giovedì 29 ottobre alle 17.30 sarà dedicata alla presentazione di "Irredenti - Redenti", un libro di Renate Lunzer, presente all'incontro, che traccia un ritratto dei maggiori intellettuali giuliani del Novecento, da Claudio Magris a Biagio Marin, grazie ai quali l'Austria e il "mito" dell'Austria si sono introdotti nella coscienza culturale degli italiani; modera l'incontro Alessandro Mezzena Lona. Il giorno successivo, alle ore 21, è in programma Porti di arrivo e partenza: un curioso esperimento letterario, che vedrà lo scrittore e giornalista Pietro Spirito, autore del romanzo "Il bene che resta", pubblicato di recente, discutere con il personaggio del suo libro, impersonato da Alessandro Mizzi.

A chiudere il festival, il 31 ottobre alle 18.30, sarà la sezione Rotte del pensiero, che vedrà la conversazione sul saggio "L'angelo necessario" alla presenza dell'autore, il filosofo e politico Massimo Cacciari, intervistato da Christian Sinicco, che con Reinhard Kacianka, traduttore del libro in lingua tedesca, discuterà dell'attraversamento dei linguaggi tra letteratura, filosofia e teologia.

Una sezione a parte, Porti della traduzione, che si terrà alla Biblioteca Slovena presso la Scuola Superiore di lingue moderne per interpreti e traduttori, in via Filzi 14, sarà dedicata alla traduzione letteraria, esaminata durante cinque diversi appuntamenti.

Il primo, che aprirà la manifestazione giovedì 29 alle ore 10, sarà incentrato sulla traduzione di "La moglie del mondo" di Carol Ann Duffy, prima donna "poet laureate", con la traduttrice Giorgia Sensi. Si proseguirà alle 11 con "Tradurre idee. Taduzione di poesie. Riviste a confronto", incentrato sulle esperienze di due riviste e due workshop di letteratura: a presentare i rispettivi lavori saranno per l'Almanacco del Ramo d'Oro Mary Barbara Tolusso e Marko Kravos mentre per Poetikon Nadja e Ivan Dobnik, per i workshop invece Orlando Uršic e Cvetka Bevc. Venerdì 30 ottobre alle 9.30 appuntamento invece con la traduzione di Calvino in sloveno: con Alenka Jovanoski si discuterà di "Palomar", opera tradotta in sloveno per la prima volta, e di "Fiabe italiane", nella traduzione di Tea Štoka. Alle 10.30 si proseguirà con "Traducendo... Corporea, il corpo nella poesia femminile contemporanea di lingua inglese", conversazione con Loredana Magazzeni e Brenda Porster, poetesse, saggiste e traduttrici che in questo testo raccolgono alcune tra le maggiori scrittrici di poesie in lingua inglese. L'ultimo incontro su questo tema sarà alle 11.30 con l'analisi della traduzione in romeno di alcuni libri di Claudio Magris con Afrodita Cionchin, traduttrice d'innumerevoli scrittori italiani del Novecento tra cui Umberto Eco, Umberto Saba, Italo Svevo, Scipio Slataper, Carolus Cergoly, Primo Levi ed altri.

Altra sezione da non perdere sarà la presentazione dei libri sulle "Città della santità, città della perdizione", da Varsavia, in "Via Zamenhof" un'anteprima italiana, edizioni Giuntina di Firenze, di Roman Dobrzynski, a Shanghai e Medellin, raccontate in "Nuvole di drago. Otto itinerari asiatici" di Luciano Troisio e "Non è un gioco" di Carlo Bordini, e infine a Gerusalemme, attraverso un'ulteriore anteprima edita Scheiwiller narrata da Sebastien de Fooz in "A piedi a Gerusalemme", dialogando con Luigi Nacci.

Per la già citata sezione Rotte del Pensiero sabato 31 alle 16 "Haiku di Frontiera", per una poesia senza frontiere: l'incontro ruoterà intorno alla forma classica dei testi di Gontran Peer e quelli del poeta triestino Toni Piccini, più vicini al Modern Haiku.

Inoltre alle 17 dello stesso giorno, ci sarà la presentazione del libro "In verità non so nemmeno raccontare, memorie ed oblio nella narrativa di Franz Kafka" con l'autrice Barbara di Noi, l'editore dott. Aulo Chiesa, e con l'intervento di Roberto Dedenaro.

Particolarmente interessanti e suggestive saranno le letture all'Antico Caffè San Marco giovedì sera alle ore 21 in LETTERE DA TRIESTE con la partecipazione delle componenti culturali croata, greca e francese di Trieste, e venerdì 30 ottobre alle 15.30 con Brenda Porster e Loredana Magazzeni.

Tutti gli appuntamenti in programma a Iperporti sono a ingresso libero. Interverrà alla manifestazione : Fabio Orecchini - MEDDLE TV Roma, con interviste e riprese.

IPERPORTI è organizzato dalla Casa della Letteratura di Trieste, l'associazione nata nel 2007, presieduta da Roberto Dedenaro, che riunisce ben quattordici realtà culturali cittadine da tempo impegnate nella promozione della letteratura, vivace espressione della prestigiosa tradizione, della ricchezza e delle grandi potenzialità che caratterizzano Trieste quale città a spiccata vocazione letteraria.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!