La joie de vivre di Otilia Saldana, mostra di pittura

Notizia inserita il 30/04/2010

Galleria Rettori Tribbio 2 · Trieste
8 · 21 maggio 2010
a cura di Marianna Accerboni

Inaugurazione sabato 8 maggio ore 18.30

S'inaugura sabato 8 maggio 2010 ore 18.30 alla Galleria Rettori Tribbio 2 la mostra personale della pittrice Odilia Saldana, che sarà introdotta dall'architetto Marianna Accerboni. La rassegna, che propone una ventina di opere realizzate a olio su tela, rimarrà visitabile fino al 21 maggio.

Giunta, per gli accadimenti della vita, a Trieste a soli 25 anni - scrive Accerboni - proveniente da zone di sogno, come quella sottile lingua di territorio - il Panamà - che congiunge Pacifico e Atlantico, tra il Mar delle Antille, la Colombia e la Costa Rica, Otilia Saldana ci dona il sorriso, l'allegria e la poesia della sua gente che, nel cuore del centro America, prende ogni giorno la vita come viene e "vive quello che ha".

Nella nostra città Otilia si sposa e, dopo la nascita del primo figlio, scopre in sé la passione per l'arte e vi si avvicina, frequentando, in una sorta di full immersion, l'atelier del pittore triestino Paolo Cervi Kervischer, attivo in particolare nell'ambito dell'espressionismo astratto. Dopo aver sperimentato l'acrilico, la tecnica mista e l'olio, sceglie quest'ultimo quale mezzo prediletto e attraverso tale miscela compone un universo vivacissimo e felice sotto il profilo cromatico, che rispecchia e interpreta in chiave contemporanea il mondo da cui l'artista proviene, una terra ricca di tradizioni e di bellezze ancora poco note, in cui la civiltà indigena s'intreccia a quella spagnola, presente sul territorio dal XVI secolo.

In tal modo Otilia Saldana porta a Trieste l'eco di antichissime civiltà, i cui decori venivano realizzati attraverso elementi e pigmenti naturali, con i quali le donne indigene kuna usavano dipingere il proprio corpo, realizzando ancestrali esempi di body painting e che l'artista riprende nei suoi lavori in modo originale e autonomo rispetto al tema del folklore: simboli e segni che furono adoperati in seguito dalle indios kunas anche per decorare la camicia e il vestito di uso quotidiano, chiamati mola, e per abbellire le altre parti composite del loro abbigliamento mediante la sovrapposizione di strati di tessuto opportunamente ritagliati e cuciti a formare disegni complessi e nel contempo essenziali, in cui si riflette la luce e la vitale poesia dei Tropici.

Un altro settore significativo della pittura della Saldana narra invece, con inclinazione figurativa, l'umanità un po' dolente ma sorridente di quei luoghi, con particolare attenzione e tenerezza nei confronti dell'universo infantile.

Se, nell'osservare le interpretazioni dei decori popolari e i personaggi ritratti da Otilia, che vanno a formare una pittura naturalmente armonica, è istintivo, in rapporto al suo cromatismo acceso, il riferimento all'arte della mitica pittrice messicana Frida Kahlo, la quale esorcizzò il dolore attraverso l'intensità della sua brillante tavolozza e delle sue pulsioni; né può mancare, nell'analisi dell'iterazione del suo segno lineare e incisivo, il riferimento al ritmo dell'arte Inca, che connotò molte aree dell'America del Sud attraverso il più vasto impero precolombiano del continente americano; né, per scivolare in ambito letterario - conclude Accerboni - si può scordare la magica atmosfera, la quale avvolge i racconti del grande scrittore colombiano Gabriel Garcia Márquez, assieme alla luce e al silenzio, che rendono abbacinanti e uniche le strade di Macondo in "Cent'anni di solitudine".

DOVE: Galleria Rettori Tribbio 2 · Piazza Vecchia, 6 · Trieste
QUANDO: 8 - 21 maggio 2010
ORARIO : feriali 10.00 - 12.30 / 17.00 - 19.30
festivi 11.00 - 12.30 (lunedì chiuso)
A CURA DI: Marianna Accerboni
INFO: 3356750946

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!