Piccoli colori senza noia

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

PICCOLI COLORI SENZA NOIA
opere di Isabella Bullo e Guido Zamattio
presentazione di Corrado Premuda
Naima Jazz Caffè, via Rossetti 6 Trieste
inaugurazione sabato 30 settembre ore 19
30 settembre - 20 ottobre 2006

Scrive Corrado Premuda: "Piccoli Colori sono creaturine che popolano un universo fantastico dove le regole e le coordinate spazio-temporali sono semplici e dichiarate, come nei giochi dei bambini.

L'anta di un armadio, una superficie di legno dalla forma insolita, oggetti di recupero, materiali di riciclo sono alcuni dei supporti su cui Isabella Bullo e Guido Zamattio danno vita ai loro personaggi e alle loro situazioni, un'esplosione di vitalità che fa parlare questi piccoli esseri senza bisogno di didascalie, battute o vignette.

Personaggi e tecniche dei due artisti strizzano l'occhio alle illustrazioni, al mondo di fumetti, all'immaginario delle favole, alla forza comunicativa dei murales. Elaborano il linguaggio della fantasia e immortalano caratteri precisi e profondi: un viso dallo sguardo anomalo fuori dai canoni di un'estetica omologante, bambini del futuro che hanno la tenerezza dei bambini di ieri, piccoli eroi quotidiani scanzonati e travolgenti.

Sono protagonisti di storie fantastiche, un po' racconti di fantascienza e un po' strisce satiriche a fumetti. Figure che sono decorazione, sono presenza, ora ironica, ora inquietante, ora allegra, ora malinconica. E su tutto emerge il colore, il potere della gradazione cromatica che trasforma ogni tratto e ne rivela l'anima. Colori vivaci, surreali, che a volte rendono il senso del movimento e del ritmo, e a volte creano una composizione piena e pittorica. In molti casi lo sfondo monocromo contribuisce a rendere magico il mondo ricreato in uno spazio proprio, fuori dal tempo e dallo spazio, regno di un altrove che si raggiunge solo abbandonandosi alla fantasia.

I personaggi di Isabella Bullo si presentano senza vergogna con i loro nasi eccessivi e casuali, i loro occhi asimmetrici dove l'imperfezione e la varietà di un patch-work scardinano la logica d'obbligo della perfezione. Hanno in testa un intero paesaggio, i capelli in disordine, le doppie punte sono una fila di case, tetti e palazzi al contrario.

Gli esseri di Guido Zamattio appartengono invece a un'iconografia personale dell'artista, elaborata come lo storyboard di una storia animata. C'è una grande poesia nei putti con la maschera antigas che giocano a rincorrersi nel cielo di una città post-atomica, con i grattacieli sullo sfondo. Un mondo di nuovi eroi accattivanti e disarmanti, dotati di un linguaggio diretto.

E allora non resta che assecondarli e seguire Piccoli Colori nel loro viaggio."

Corrado Premuda

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!