Premio alla Carriera a Claudio Magris

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Lo scrittore e saggista Claudio Magris, insigne germanista e studioso della cultura mitteleuropea, è stato insignito del Premio alla Carriera alla nona edizione del Concorso Internazionale 'Trieste Scritture di Frontiera'. La premiazione si è svolta questa sera (mercoledì 9 maggio), in un'affollata cerimonia presso l'Antico Caffè San Marco di Trieste. Le motivazioni sono state illustrate dal presidente della Giuria, il saggista e slavista Predrag Matvejevic. Vari altri riconoscimenti sono assegnati dal concorso promosso dall'Associazione Altamarea, che da anni punta a valorizzare la conoscenza e il dialogo tra culture diverse e "di confine".

Tra gli altri è stato assegnato un primo premio ex aequo per la narrativa allo scrittore Mauro Covacich per "Trieste sottosopra", edito da Laterza, ed alla neozelandese Barbara Strathdee per "Café Wars", romanzo pubblicato in Nuova Zelanda ed ambientato fra Trieste e Lubiana durante la dissoluzione dell'ex Jugoslavia.

Per la poesia premio alla carriera a Valentino Zeichen, residente a Roma, ma originario di Fiume, città prima italiana, poi jugoslava ed oggi croata. Premio 'Poesia Giovane' al trentenne romano Jacopo Ricciardi, uno dei promotori della "nuovissima poesia italiana", più un altro ex-aequo per la sezione 'Scritture di Frontiera ­ Poesia': all'opera complessiva dell'udinese Luciano Morandini, giudicata tra le più originali della poetica friulana del secondo Novecento, e a Dieter Schlesak, poeta dell'esilio originario della Transilvania, per le sue opere "Settanta volte sete" e "Oltrelimite", pubblicate da ETS. Per la poesia inedita, premi ex aequo ai triestini Erika Vida e Luca Visentini, rispettivamente per le raccolte "Sarò ragionevole domani", e "Sermoni colpevoli".

Per la traduzione letteraria è stata invece stata premiata la croata Ljiljana Avirovic, da oltre trent'anni rinomata traduttrice di importanti opere dal russo, il croato e l'italiano. Nella sezione 'Giuliani nel Mondo' si è affermata invece Ondina Demarchi, residente a Sydney, per il libro-testimonianza "Una triestina in Australia". La giuria ha inoltre assegnato altri riconoscimenti e menzioni speciali; l'elenco completo è consultabile sul sito web www.bekar.net

Il IX Concorso Internazionale "Trieste Scritture di Frontiera" è stato realizzato con il contributo dell'Assessorato alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, la collaborazione degli Assessorati alla Cultura della Provincia e del Comune di Trieste, il patrocinio della Direzione Centrale istruzione, cultura, sport e pace - Servizio Attività Culturali della Regione, e la partecipazione di vari altri enti e realtà locali.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!