scienceplusfiction

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Locandina Dark Star

scienceplusfiction
FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA FANTASCIENZA

EDIZIONE ZEROCINQUE

TRIESTE/22-27 NOVEMBRE2005

Superato il primo lustro di vita, scienceplusfiction – il festival internazionale della fantascienza di Trieste – sta già scaldando i motori in vista della prossima edizione, la numero zerocinque (la sesta), che si svolgerà a Trieste negli spazi del Cinecity multiplex (Torri d’Europa) dal 22 al 27 novembre.

Anteprime, retrospettive, eventi speciali ed incontri con autori del cinema e della letteratura, sezioni monografiche e concorsi, per una manifestazione che quest’anno si è vista assegnare un riconoscimento davvero importante. L’iniziativa, realizzata e promossa dal centro ricerche La Cappella Underground (con la collaborazione e il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema, del Comune e della Provincia di Trieste, dell’AIAT e dell’Università degli Studi di Trieste) è infatti entrata ufficialmente a far parte della European Fantastic Film Festivals Federation (network specializzato nella promozione del cinema di genere fantasy, science-fiction e horror: www.melies.org), rimarcando così il valore assunto dalla manifestazione triestina come rampa di lancio per le opere più innovative e i registi emergenti.

NEON – SELEZIONE UFFICIALE E ANTEPRIME

Le anteprime della sezione Neon saranno affiancate anche quest’anno dal concorso internazionale per il miglior film lungometraggio, sigillato come da tradizione con il Premio Asteroide. La giuria sarà presieduta da un mostro sacro della fanta-scena: il francese Jean-Pierre Dionnet, fondatore negli anni Settanta (al fianco di Mœbius, Druillet e Farkas) del gruppo editoriale «Humanoïdes Associés» e della rivista «Métal Hurlant».

Tra i film in concorso: Ainoa (Austria, 2005) di Marco Kalantari, First on the Moon (Russia, 2005) di Aleksey Fedorchenko, GORA (Turchia, 2004) di Ömer Faruk Sorak, La Peau Blanche (Canada, 2005) di Daniel Roby,Nuit Noire (Belgio/Olanda) di Oliver Smolders, Puzzlehead (USA, 2005) di James Bai, The Birthday (Spagna, 2004) di Eugenio Mira.

Tra le novità di questa edizione 2005, con la collaborazione della EFFFF, è stata inoltre istituita la selezione per il miglior cortometraggio fantastico europeoEuropean Fantastic Shorts.

Oltre ai film in competizione, la sezione Neon comprende numerosi i film fuori concorso che verranno presentati in anteprima nazionale. Tra i titoli in programma: Beneath Still Waters (Spagna 2005) di Brian Yuzna C.S.A. Confederate States of America (USA, 2004) di Kevin Wilmott, Eli, Eli, Lema Sabachtani (Giappone, 2004) di Aoyama Shinji, Kyashan – la rinascita di Kazuaki Kiriya. Vital (Giappone, 2004) di Shinya Tsukamoto.

JAPAN DAY E OMAGGIO A JULES VERNE

Due importanti iniziative si segnalano fra manifestazioni collaterali: un Japan Day (con il patrocinio dell’Istituto giapponese di cultura in Roma – Japan Foundation) per esplorare, nell’Anno dell’amicizia tra cittadini giapponesi e dell’UE, le nuove produzioni di un paese che continua, fin dai tempi di Godzilla, ad esprimersi artisticamente ai massimi livelli nel campo della science fiction (con il patrocinio dell’Istituto giapponese di cultura in Roma – Japan Foundation); e un omaggio all’opera di Jules Verne (1828-1905), precursore della fantascienza letteraria, nel centenario della scomparsa del grande romanziere francese (in collaborazione con il Centro culturale francese di Milano).

BRIT- INVADERS III

Tra le retrospettive, la conclusione di Brit-Invaders! (al suo terzo anno di vita), dedicata alla produzione sci-fi britannica dagli anni Sessanta agli autori contemporanei: oltre quindici le pellicole selezionate, con titoli celebri come Village of the Damned (1960) di Wolf Rilla o The Man Who Fell to Earth di Nicolas Roeg (1976), fino ai recentissimi 28 Days Later (2002) di Danny Boyle e Code 46 (2003) di Michael Winterbottom, passando in rassegna anche cult-movies come Gorgo (1961) di Eugène Lourié, Quatermass and the Pit (1967) di Roy Ward Baker e The Sorcerers (1967) di Michael Reeves. A conclusione di questi tre anni dedicati alla sci-fi inglese, sarà pubblicato un volume monografico a cura di I.Q. Hunter e di Chiara Barbo: il volume Brit-Invaders! (edizione italiana dell’opera “British Science Fiction Cinema”) verrà presentato per l’occasione e sarà disponibile nelle librerie all’inizio del 2006.

INCONTRI

Testimonial d’eccezione della imponente retrospettiva Brit-Invaders! sarà lo scrittore e romanziere Brian Aldiss, più volte ospite del festival negli anni Settanta al Castello di San Giusto. Aldiss, noto al grande pubblico soprattutto per il ciclo di Helliconia e per il racconto Super Toys Last All Summer Long (alla base del film di Spielberg A.I. Intelligenza artificiale) è stato assieme a Ballard e Moorcock uno dei maggiori protagonisti della New Wave britannica. A scienceplusfiction 05, Brian Aldiss presenterà in anteprima per l’Italia il film Brothers of the Head, tratto dal suo racconto omonimo e realizzato da Keith Fulton e Louis Pepe (già registi di Lost in La Mancha, il film sul Don Chisciotte incompiuto di Terry Gilliam). Altri incontri con i massimi esponenti del fantastico saranno programmati in collaborazione con il portale di riferimento per i fans italiani fantascienza.com e con la rivista Urania, promotrice fin dal 2002 del premio alla carriera Urania d’Argento, realizzato sul modello di un’illustrazione originale del Maestro Karel Thole.

UNIVERSI PARALLELI

In occasione dell’Anno Mondiale della Fisica 2005 (proclamato dall’Unesco nel centenario della formulazione da parte di Albert Einstein della teoria della Relatività), la città di Trieste sarà al centro di numerose iniziative.

Tra esse, due avvenimenti in collaborazione con Scienceplusfiction, per celebrare due delle personalità più autorevoli in campo scientifico e fantascientifico: Albert Einsten e Jules Verne (nel centenario della sua scomparsa). Due letture teatrali che si terranno sabato 26 e domenica 27 e che avranno lo scopo di indagare la capacità visionaria di Jules Verne, inventore della letteratura di fantascienza, anticipatrice di molti degli avvenimenti del XX secolo (sabato 26 - “Dalla terra alla luna: le avventure di Julius Verne”), e le straordinarie intuizioni di Einstein (domenica 27 - “Albert sul divano. Intervista ad Albert Einstein”).

Trieste tra scienza e fantascienza, in un anno in cui ricorrono tra l’altro il 60° anniversario del Dipartimento di Fisica e il 40° anniversario del Dipartimento di Fisica Teorica.

Ecco in sintesi le principali sezioni della kermesse:

Neon: anteprime e concorso internazionale per lungometraggi di genere science-fiction e fantasy.

European Fantastic Shorts: selezione per il miglior cortometraggio fantastico europeo

Urania d’Argento: premio alla carriera Istituito in collaborazione con la rivista Urania, edita da Mondadori, il premio alla carriera “Urania d’Argento” è realizzato sul modello di un’opera originale di Karel Thole. All’artista premiato sarà dedicata una sezione “carte blanche”.

Brit-Invaders!: sezione monografica sulla produzione cinematografica sci-fi britannica. In questa occasione, un volume monografico intitolato Brit-Invaders! - a cura di I.Q. Hunter e Chiara Barbo – sarà pubblicato dalla casa editrice Lindau. Ospite d’onore sarà il leggendario scrittore Brian Aldiss.

Omaggio a Jules Verne: una celebrazione del grande romanziere francese Jules Verne (1828-1905) nel centenario della sua scomparsa, attraverso un ciclo di film tratti dalle sue opere letterarie o ispirati dal suo immaginario – in collaborazione con il Centro culturale francese di Milano.

Japan Day: demoni, mostri e ultracorpi dalla terra del Sol levante. Focus sulla più recente produzione sci-fi dal paese del Sol Levante nell’Anno dell’amicizia tra cittadini giapponesi e dell’Unione Europea - con il patrocinio della Japan Foundation/Istituto giapponese di cultura di Roma.

TV Sci-Fi: programma speciale dedicato all’opera di Terrry Nation, ideatore di Dr. Who and the Daleks, The Survivors, Blake’s 7.

Asteroids: sezione retrospettiva dedicata alle migliori opere proposte nell’arco delle venti edizioni storiche del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste (1963-1982).

CHIUSURA A SORPRESA CON "MIRRORMASK"

Una sorpresa e un anteprima assoluta. Film di chiusura dell'edizione 05 di scienceplusfiction, Mirrormask, il film che inaugura la collaborazione sul grande schermo del famigerato duo di geniacci Neil Gaiman e Dave McKean.

Non un caso, la scelta di proiettare proprio a Trieste l'opera che per entrambi rappresenta il l'esordio dietro ad una macchina da presa. Amici della città e della kermesse, Gaiman e McKean sono già stati ospiti della manifestazione: il primo nel 2001, il secondo nel 2003, anno in cui il neoregista ha girato la città con la sua macchina da presa, proprio per realizzare alcuni fondali che avrebbe in seguito utilizzato per Mirrormask. Trieste, Varsavia, Venezia: sarà possibile riconoscerle in questa perfetta fusione di cinema e fumetto che narra di un viaggio "attraverso lo specchio" di una teenager.

Nel film, Helena, una giovane artista del circo, rimane sospesa in un mondo di fiaba, incubo e cartoon, proprio la notte in cui sua madre deve affrontare una delicata operazione chirurgica. Helena si troverà ad affrontare uno strano viaggio nelle Terre Oscure, un mondo fantastico popolato da giganti, scimmie-uccello e pericolose sfingi, dominato da due regine in contrasto fra loro. La ragazza è in cerca della Mirrormask, un oggetto dall'enorme potere: la sua unica speranza per fuggire dalle Terre Oscure, svegliare la Regina della Luce e tornare a casa.

Dave McKean e Neil Gaiman, due degli auteurs di graphic novels più creativi della scena contemporanea, hanno dato vita ad un'opera prima incredibilmente visionaria, anche grazie alla collaborazione con la prestigiosa factory The Jim Henson Company - specializzata nel settore dell'animazione e dei puppets e famosa per essere stata la fucina del Muppets Show ma anche di capolavori come Labyrinth.

Mescolando chiari riferimenti a Lewis Carroll, suggestioni da fumetto d'autore (Enki Bilal, Moebius) o da videoartisti all'avanguardia (Floria Sigismondi, da cui McKean prende la fascinazione per i formati poveri e le inquadrature destabilizzate e destabilizzanti, fuori bolla, fuori fuoco, dalla composizione interna fortemente sbilanciata), e strutture a tratti da videogame, Mirrormask si avvale dello straordinario talento narrativo di Neil Gaiman, autore di soggetto e sceneggiatura. Visioni oniriche, luoghi fantastici, geometrie alla Escher, creature favolose e un cast davvero azzeccato.

Protagonista, la giovanissima Stephanie Leonidas nella parte di Helena. Nel cast anche Gina McKee, Rob Brydon, Jason Barry, Dora Bryan, Stephen Fry (voce narrante nei film su Harry Potter), Robert Llewellyn e Andy Hamilton, ovverosia una folta schiera di attori inglesi decisamente talentuosi.

L'appuntamento è previsto domenica 27 novembre alle ore 20.00, al termine della cerimonia di premiazione che vedrà attribuire il Premio Asteroide al miglior lungometraggio in concorso.

Per informazioni:

scienceplusfiction05 - Festival Internazionale della Fantascienza di Trieste

www.scienceplusfiction.org

La Cappella Underground – Via Economo 12/9 34123 Trieste – Tel.040.3220551

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!