Mozart e il teatro in miniatura

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste prosegue con gli ascolti commentati di alcune composizioni vocali di Mozart. Gli incontri, dedicati a brani meno noti rispetto alla produzione operistica, sono curati dal musicologo prof. Bruno Bianco. Il prossimo appuntamento, dedicato al cosiddetto "teatro in miniatura", è per mercoledì 8 marzo alle 17.45 alla Sala Baroncini delle Assicurazioni Generali, in via Trento 8.

L'ingresso è libero.

L'iniziativa s'inserisce tra le celebrazioni del 250° anniversario della nascita di Mozart.

Il "teatro in miniatura" vede l'espressione vocale e drammatica realizzata attraverso composizioni a carattere più intimo, non destinate al teatro ma a recite private. Di questo tipo sono le arie da concerto (di cui verrà presentata una scelta relativa a tre grandi interpreti femminili, destinatarie di composizioni mozartiane) e i Lieder (rappresentati da una scelta che includerà anche il più celebre Lied, Das Veilchen KV 476, su testo di Goethe).

Tale tipo di espressione musicale è denominato "teatro in miniatura" per le sue proporzioni, ma non per la qualità, che in taluni casi - anzi - gareggia con l'eccellenza raggiunta nelle grandi opere liriche di Mozart.

In sala saranno disponibili i testi delle composizioni, con traduzione italiana a fronte.

Il musicologo Bruno Bianco, già docente di Storia della filosofia all'Università di Trieste e specialista della cultura tedesca del Settecento e Ottocento, nel 2004 ha curato in collaborazione con Marco Murara due volumi su "Mozart. Tutti i testi delle composizioni vocali", in prima edizione mondiale integrale (con testo originale, traduzione, note introduttive e commento), pubblicati da Marco Valerio Editore.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!