Importanza del camminare

Che benessere psichico e fisico debbano necessariamente essere coniugati era ben noto già nella medicina tradizionale cinese. Oggi è stato anche scientificamente dimostrato che un’attività fisica costante allontana l’invecchiamento ed inoltre induce un miglior stato di salute, riducendo il rischio di coronaropatie, ipertensione, diabete non insulino-dipendente, alcune forme tumorali nonché la depressione. Il maggior apporto di ossigeno ai polmoni, inoltre, consente di disporre di più forza, sia essa fisica o mentale (tanto che un’attività fisica regolare viene spesso consigliata a chi vuole smettere di fumare).

Ricerche condotte da alcuni centri di medicina dello sport hanno permesso di stabilire che il fisico risente positivamente già di soli 30 minuti, anche non consecutivi, di moto al giorno. La mancanza di esercizio fisico è, al contrario, estremamente dannosa: i danni causati dalla sedentarietà sono stati talvolta paragonati a quelli causati dal fumare mezzo pacchetto di sigarette al giorno!!

Gli effetti benefici di una sana attività sportiva si possono riscontrare, in tempi non proprio lunghissimi, anche nella vita di tutti i giorni: sistema immunitario più forte (quindi meno influenze, raffreddori etc.), migliore circolazione sanguigna, minore ritenzione idrica, migliore qualità del sonno e, naturalmente, mantenimento del peso ideale.

In ogni caso l’esercizio fisico deve costituire una gradita parentesi nella routine giornaliera, un impegno naturale ma soprattutto piacevole. Serve almeno un mese perché l’attività scelta si trasformi in un’abitudine ed almeno 6 perché i primi benefici si facciano sentire.

E’ importante quindi essere ben motivati: socializzate, non arenatevi davanti ad ostacoli apparentemente insormontabili ma in realtà fittizi (tempo, denaro) e magari, se la cosa vi stimola, prendete parte ad iniziative sportive etico – umanitarie (es. maratone di beneficenza o la veg*bavisela) dove, accanto alla soddisfazione fisica, si va ad aggiungere quella mentale.

Per un’equilibrata combinazione tra corpo e mente, una delle attività più indicate, anche ad età avanzata o per sedentari incalliti, è la pratica dello yoga. Ma, se la cosa “non fa per voi”, anche la semplice passeggiata (o, ancor meglio, una camminata a rimo sostenuto) costituisce, se praticata con regolarità, un efficace allenamento.

Non fate l’errore, piuttosto comune a dire il vero (anche noi di trieste.com non ne siamo esenti) di credere che solo le palestre, superattrezzate all’ultimo grido, siano l’unico mezzo per “darsi una smossa”!

E, se all’allenamento fisico si aggiunge una dieta sana e ben equilibrata, il peso ideale è praticamente assicurato.

A questo riguardo ricordiamo che l’attività sportiva è assolutamente compatibile con un regime dietetico di tipo vegetariano: al contrario di quanto troppo spesso erroneamente si crede, la dieta vegetariana non è carente di sostanze nutritive e non limita, in alcuna maniera, il benessere e lo sviluppo psico-fisico dell’organismo.

Se decidete di camminare o correre l’unica cosa di cui avrete necessità sarà un buon paio di scarpe adatte: solo calzature adeguate garantiscono una pratica sicura. Scegliete quindi la tipologia di scarpa esclusivamente in base allo sport che desiderate praticare. Nei negozi sportivi le calzature da “running” – quella studiate per ammortizzare l’impatto del tallone con il suolo – abbondano e la scelta è davvero varia, in funzione del prezzo, della fattura e dei materiali utilizzati (è sempre più facile trovare scarpe sportive senza parti in pelle, quindi… occhio all’etichetta!)

A questo punto buon allenamento e... niente più paura al momento della tanto temuta "prova costume"!

Bibliografia:

Il libro del benessere – The body shop – Ed. Tecniche Nuove (1999)

La salute cammina a passo svelto – www.eurosalus.com

Correre e Pedalare.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!