Festa nel verde 'Meravigliosa complessità'

Notizia inserita il 19/04/2016

A Trieste è di scena la complessità. Dal 7 all'8 maggio al via la seconda edizione di "Meravigliosa Complessità!" una festa della Conoscenza nel verde del parco di San Giovanni con 40 relatori che tratteranno di medicina, psicologia, filosofia, fisica, pedagogia, benessere, ecologia, comunicazione... nel continuo intrecciarsi di vita e conoscenza.

Logo dell'evento Meravigliosa Complessità!

Due giorni dedicati alla "Meravigliosa Complessità" nel Parco di San Giovanni a Trieste che ospiterà sabato 7 e domenica 8 maggio una Festa della Conoscenza dove la fisica incontrerà la medicina, l'arte e la spiritualità.

Una straordinaria occasione d'incontro per far riflettere e favorire lo scambio di conoscenze e sapere tra diverse discipline che si intrecciano nella loro complessità. Meravigliosa Complessità è ideata da Amec - Associazione Medicina e Complessità, associazione che fin dalla fondazione ha posto al centro della sua missione l'integrazione degli approcci terapeutici affiancando alle cure tradizionali altre prospettive di trattamento, per ampliare le possibilità di aiuto ai pazienti anche affetti da patologie oncologiche e neurodegenerative croniche.

L'evento Meravigliosa Complessità è alla sua seconda edizione e vuole mostrare in pratica quello che è difficile capire in teoria: ovvero il continuo intrecciarsi della Vita e della Conoscenza. Un'occasione di incontro tra specialisti di diverse discipline, alcune davvero molto diverse, allo scopo di permettere il manifestarsi del "fenomeno emergente".

Gli eventi di cui "Meravigliosa Complessità" è composta si fondano su un principio: la conoscenza e le sue applicazioni pratiche traggono grande giovamento dall'incontro di discipline diverse. Specialisti di diversi campi avranno la possibilità di incontrarsi per favorire la nascita di nuove idee ed applicazioni: la complessità vista come fucina delle idee. "Condividiamo col pubblico questo evento - spiega il Presidente dott. Fabio Burigana - perché ci sembra che solo così gli esperti possano uscire dalla 'autoreferenzialità'." Infatti chi partecipa a questi incontri si renderà disponibile a mettersi in discussione a ad imparare qualcosa della sua propria disciplina proprio dal "non esperto", sia esso un altro relatore o qualcuno dal pubblico.

Spiega Burigana: "Noi riteniamo che lo scambio di informazioni, in un mondo che ha deviato verso la super specializzazione, sia quanto mai prezioso e necessario. La comunicazione fra strutture è alla base della Vita così come la comunicazione fra saperi è alla base della Conoscenza."

E questo è lo spirito portante dell'intero evento: complessità come sinonimo di interdisciplinarietà e incontro fecondo di novità.

Di qui il l'intenso programma di incontri che si susseguiranno nel corso delle due giornate: si parlerà di fisica, medicina, psicologia, filosofia, benessere, alimentazione, movimento, salute, ecologia e molto altro ancora grazie all'entusiasmo con cui hanno aderito al progetto più di quaranta relatori di varie estrazioni professionali e culturali.

Spazio anche per i bambini con un evento loro dedicato sabato pomeriggio e per il teatro con lo spettacolo Hei Sdu! Ideato, diretto e recitato dai ragazzi dell'ISI - Istituto Serblin per l'Infanzia e l'Adolescenza.

Programma completo e recapiti per informazioni disponibili sul sito dell'evento.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Salute, benessere, crescita'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!