Concerto Jazz: duo Comisso, Bearzatti e trio Bisiak, Giangaspero e Zullian

Notizia inserita il 18/07/2014

Serata all'insegna dell'eleganza e del camerismo quella del 19 luglio a TriesteLovesJazz
Esordisce un insolito duo, composto da Angelo Comisso e Francesco Bearzatti, costituito per l'occasione.
Chiude la serata la magia brasiliana del trio Bisiak Giangaspero Zullian, con un omaggio ai migliori autori della terra del Corcovado

Sempre in piazza Verdi, alle 21, a ingresso libero, TriesteLovesJazz continua con gli omaggi alla grande musica, che nella serata di sabato 19 luglio si annuncia di grande raffinatezza e di carattere cameristico. Esordisce lo specialissimo duo composto dal grande Francesco Berarzatti al sax e al clarinetto (l'ancia più famosa d'Italia, più volte vincitore del Musica Jazz Award) in coppia con Angelo Comisso, visionario e romantico pianista triestino, noto ai più per il sodalizio con il celebre trombettista Stockhausen. Il progetto creato appositamente per TriesteLovesJazz è "M'illumino di senso" Trieste '14.

Francesco Bearzatti

Francesco Bearzatti, foto di Luca d'Agostino

Angelo Comisso

Angelo Comisso, foto di Massimo Goina

Il lavoro musicale, dal titolo liberamente ispirato alla celebre poesia di Ungaretti, vuole essere un momento di riflessione su uno dei più tragici ed oscuri eventi del secolo scorso e della storia dell' umanità: la Prima Guerra Mondiale, nella ricorrenza del centenario. Si tratta di una Suite, concepita in più quadri musicali, che descrive secondo la sensibilità dei due musicisti-compositori la vita interiore di un soldato al fronte. Paure, sgomenti, odii coercizzati, follie, angosce, nostalgie, attese, gioie fugaci e speranze... sono alcuni dei sentimenti evocati dai due autori.

A seguire un ponte tra Trieste e il Brasile si apre dalle sonorità proposte dal trio Bisiak Giangaspero Zullian (Tommaso Bisiak, flauto; Sergio Giangaspero, chitarra; Andrea Zullian, contrabbasso). La musica viaggia nello spazio e nel tempo e lo fa seguendo traiettorie imprevedibili. Quando accade - di solito - succede qualcosa di nuovo, che poi davvero nuovo non è. Questo progetto si mette sulle tracce di una storia di migranti, che hanno messo la loro cultura, la loro tradizione nella valigia e se la sono portata al di là di oceano. Ne risulta un programma affascinante e colorato, con tutta la freschezza di idee ed il calore espressivo del Sudamerica, e la raffinatezza della sapienza compositiva della tradizione europea.

Andrea Zullian

Andrea Zullian, foto di Massimo Goina

Il trio, già più volte cimentato con la tradizione brasiliana, anche in versione solistica, affronta alcuni degli autori più significativi dello scenario musicale internazionale contemporaneo, appositamente rivisitato ed arrangiato dal trio, seguendo le sonorità tipiche del Brasile. Tra gli autori sono Jacques Ibert, Astor Piazzolla, Celso Machado.

Sergio Giangaspero, foto di Luca Valenta

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!