La Città delle Dame, la storia di Cristina da Pizzano

Notizia inserita il 11/03/2015

Per il ciclo Wunderkammer 2014/15

La Città delle Dame
Ovvero la storia di Cristina da Pizzano in musica e voce
Con Claudia Caffagni e Paola Erdas

Trieste - Il 12 marzo alle 20:45 alla Basilica di San Silvestro ritorna Wunderkammer con "La Città delle Dame", primo tra gli appuntamenti musica e voce previsti per "Carta Bianca", progetto traversale che va a toccare tutte le sezioni del festival: Risonanze, Giovani Interpreti, Laboratori. La prima sezione è come sempre dedicata a artisti e gruppi affermati nel panorama europeo, la seconda ai giovani mentre la terza, "Laboratori", è la piattaforma in cui confluiscono produzioni e progetti ideati appositamente per il festival.

Claudia Caffagni in 'La Città delle Dame', storia di Cristina da Pizzano

Questa prima edizione di "Carta bianca" è affidata a Claudia Caffagni, membro fondatore de laReverdie con cui svolge un'intensa attività concertistica presso i più prestigiosi festival ed enti europei, coinvolta con passione nella ricerca musicologica e alla didattica come docente di musica medioevale presso la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano, la Staatliche Hochschule für Musik di Trossingen e i Corsi Internazionali di Musica Antica di Urbino

L'appuntamento, insieme a Paola Erdas, "La Città delle Dame" racconta la storia, in parole e in musica di Cristina da Pizzano, la prima scrittrice professionista della storia del mondo occidentale. Dalla sua nascita a Venezia al trasferimento nella Francia medievale alla corte del re, le sue vicissitudini, drammatiche e intense, i suoi testi, e le musiche che lei amava. La storia di una donna che fu madre e letterata, il cui femminismo fu forte ma privo di violenza, una femminista ante litteram.

Una storia che narra come l'amore sia sempre vincitore, l'amore per l'arte, per il sapere, per il proprio essere donna, per la propria famiglia, per il proprio uomo, per il proprio credo religioso, piena di una grazia e una abilità straordinarie che le permisero di conquistarsi a dispetto delle difficoltà un posto di importanza e rispetto da parte dei grandi del tempo.

Le musiche che accompagnano il cammino di Cristina sono di autori contemporanei o vicini temporalmente e anche geograficamente alla poetessa. Anonimi le cui musiche sono tratte da preziosi codici conservati nelle biblioteche e autori famosi all'epoca come Guillaume du Fay, Guillaume de Machaut e Gilles Binchois che mise in musica un testo di Cristina, un rondeaux che narra di un Dolore angoscioso, con raffinata e struggente dolcezza: riflesso di questi Secoli di luce artistica e sentimento. I prossimi appuntamenti "Carta Bianca a Claudia Caffagni" vedranno il 15 aprile David Riondino come voce narrante raccontare "Le Roman de Fauvel", il primo esempio di satira politica dell'occidente, accompagnato dall'ensemble laReverdie e il 29 maggio l'ensemble Resvellies vous composto da nove giovani musicisti formatosi sotto la Guida di Claudia Caffagni durante una masterclass presso la residenza per artisti Tonhof in Austria.

Biglietteria e prevendita: Ticketpoint, Corso Italia (040-3498276/277)

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!