Conservatorio Tartini: concerto di benvenuto per la Croazia nell'Unione Europea e altre attività

Notizia inserita il 29/11/2013

Zagreb Trio

Conservatorio Tartini, anno accademico 2013/2014

Trieste chiama Croazia: lunedi' 2 dicembre il concerto straordinario di benvenuto per la Croazia nell'Unione Europea. un'iniziativa del Conservatorio Tartini che avvia un'articolata collaborazione con l'accademia di musica di Zagabria.

Intensa attivita' concertistica per il Tartini: sabato 30 novembre "Una notte al museo" al Castello di Miramare, domenica primo dicembre il Premio Pianistico Fabris, martedi' 3 dicembre il concerto jazz nell'auditorium della RAI. Intanto, la Scuola di Musica e Nuove Tecnologie del Conservatorio e' protagonista al Festival All Frontiers di Gradisca.

TRIESTE - Un concerto di benvenuto per l'ingresso della Croazia nell'Unione Europea: lo promuove il Conservatorio Tartini di Trieste con un evento straordinario inserito nel cartellone degli eventi musicali, su impulso del presidente Mario Diego che ha voluto consolidare la collaborazione con le realtà musicali oltre confine, attivando un vero e proprio 'filo diretto' con l'Accademia di Musica di Zagabria. Lunedì 2 dicembre, dunque, nell'Aula Magna del Tartini (via Ghega 12) alle 20.30 è in programma il concerto di un trio d'archi giovane ma già noto sulle scene centro-europee, le talentuose musiciste croate Eva Mach violino, Margareta Ugrin violino, Martina Pustički viola, allieve dell'Accademia di Zagabria. In programma musiche di Antonin DvoÅ™ák (Terzetto per 2 violini e viola op.74 in Do magg.), Rudolf Matz (Divertimento) e Zoltan Kodály (Serenata op. 12 per due violini e viola). Gli scambi con l'Accademia croata proseguiranno già a partire dalla prossime settimane con una visita di allievi del Conservatorio Tartini a Zagabria.

Ingresso libero previa prenotazione, info www.conservatorio.trieste.it tel 0406724911

Intanto, prosegue a ritmi intensi l'attività del Conservatorio Tartini in questi giorni: sabato 30 novembre si rinnova al Castello di Miramare l'appuntamento con "Una notte al museo", nell'ambito dell'iniziativa nazionale promossa dal Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, con il Museo Storico del Castello di Miramare, la Provincia di Trieste e con l'apporto del Conservatorio Tartini. Con "Una notte al museo" il Museo Storico del Castello di Miramare prolunga, ogni ultimo sabato del mese in questo 2013, il suo normale orario di apertura al pubblico fino alle ore 24.00 (chiusura biglietteria ore 23.30) con ingresso a pagamento. E sabato, alle 20.30, nell'ambito della ormai decennale collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Tartini e la Provincia di Trieste, è in programma nella Sala del Trono il concerto del Duo violino - chitarra Paolo Skabar - Tanja Cibiz, su musiche di Paganini e Piazzolla.

Domenica primo dicembre, alle 16 nell'Aula Magna del Conservatorio Tartini di Trieste il pubblico potrà partecipare, nei limiti dei posti disponibili, alle Audizioni della 9^ edizione del Premio pianistico "Maria Grazia Fabris", promosso dalla famiglia Gherbitz con il Conservatorio Tartini di Trieste, in collaborazione con il Conservatorio Tomadini di Udine, rivolto ai migliori iscritti agli ultimi anni dei corsi di I livello delle rispettive Scuole di pianoforte.

Martedì 3 dicembre prosegue, nell'Auditorium della sede Rai di Trieste (via Fabio Severo 7), il ciclo di registrazioni concertistiche Rai/Tartini, aperto alla presenza di un numero limitato di spettatori . Gli interessati devono informarsi e prenotare presso la sede Rai di Trieste. Alle 18, questa volta sarà di scena l'Oirtrio Jazz Trio, composto da Giulio Scaramella al pianoforte, Marco Trabucco al contrabbasso e Max Trabucco alla batteria: un trio unito dall'idea di progetto stabile di costante ricerca, attivo da qualche anno nella scena del jazz italiano e non solo, impegnato su temi originali, libere improvvisazioni ed illusioni ritmiche in un sound e coinvolgente.

E prosegue a ritmi intensi anche l'attività della Scuola di Musica e Nuove Tecnologie del Conservatorio Tartini di Trieste, curata dai docenti Paolo Pachini, Pietro Polotti e Nicola Buso. In questi giorni la Scuola propone diversi interventi al festival All Frontiers di Gradisca: venerdì 29 viene allestita l'opera video-musicale Outside Anomalies - quinto evento, dopo il successo della quarta ideazione nell'ultima edizione di Mittelfest, basato su un'alternanza di studi dedicati alla figura umana. Sabato 30 novembre, sempre a Gradisca l'Installazione multimodale interattiva -5=+5 a cura di Carlo Marzaroli e Marco Godeas, dalle 17.30 al Palazzo Monte di Pietà: un'opera sulla continua tensione dell'uomo al di fuori del suo piano di esistenza. E alle 20.30 (con tre repliche) la Performance video musicale interattiva I veli di Maya, a cura di Francesca Bergamasco e Alessandro Fogar: la cantante genera il materiale sonoro e interagisce con il secondo interprete che controlla ed influenza, tramite una tavoletta grafica ed un iPad, processi compositivi interattivi. Per concludere, domenica 1 dicembre nel foyer del Teatro comunale di Gradisca tre microinstallazioni: Gocce in memoria, dove gli eventi sonori sono generati dal contatto di gocce d'acqua su una lastra di alluminio, Destructive impact, sistema interattivo composto da due sfere sospese e sensorizzate, e Insonnia un'installazione interattiva che invita il pubblico a scoprire le insolite sonorità di un quartetto di caffettiere.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!