Alla Sala Tripcovich, concerto dell'Orchestra Sinfonica Benso, dalla Serbia

Notizia inserita il 06/10/2016

8 ottobre 2016 - ore 20.00
Sala De Banfield - Tripcovich
Largo Città di Santos 1, Trieste
L'ingresso al concerto è libero e aperto alla città.

L'evento vedrà protagonista l'Orchestra Sinfonica "BENSO" composta dagli Studenti della Facoltà di Musica di Belgrado e dell'Accademia delle Arti di Novi Sad (Serbia).

Il concerto affonda le sue radici nell'accordo di collaborazione firmato nel novembre del 2009 fra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Repubblica di Serbia, per la realizzazione di eventi culturali e scientifici. Il progetto è iniziato lo scorso anno con la tournée dell'Orchestra Sinfonica Nazionale degli studenti dei Conservatori italiani.

Quest'anno, l'Orchestra Sinfonica "BENSO", nata dalla collaborazione tra la Facoltà di Musica dell'Università delle Arti di Belgrado e dell'Accademia delle Arti di Novi Sad, avrà l'occasione di esibirsi in un tour italiano che toccherà Trieste e Milano. L'Orchestra terrà per la prima volta dei concerti al di fuori del suo Paese.

L'aspetto più significativo del progetto è quello di creare tra gli studenti un'importante occasione di collaborazione e di socializzazione attraverso questa esperienza professionale che li arricchirà artisticamente ed umanamente. Il programma dei quattro concerti è stato attentamente costruito con l'obiettivo di promuovere i valori del grande patrimonio culturale serbo e italiano. Il linguaggio universale della musica ha sempre avuto la capacità di accomunare persone, popoli e culture diverse.

Il concerto di sabato 8 ottobre proporrà pagine musicali di P. I. Čajkovskij (Capriccio italiano op. 46, Marcia slava op. 31), Gioachino Rossini (Introduzione, Tema e Variazioni per clarinetto e orchestra) solista il clarinettista italiano Daniel Roscia, di Nikolaj Rimskij-Korsakov (Fantasia su temi serbi op. 6 ) e di Stevan Hristić (Leggenda di Ocrida, frammenti). Dirigerà l'Orchestra, composta da un organico di 70 elementi, il Maestro Bojan SuÄ‘ić, considerato uno dei maggiori Direttori d'orchestra della Repubblica Serba, direttore dell'Orchestra Sinfonica e del Coro della Radio e Televisione Serba (RTS) e direttore artistico della Produzione Musicale della RTS. Attualmente è professore ordinario alla Facoltà di Musica dell'Università delle Arti di Belgrado ed è direttore dell'Orchestra Sinfonica della stessa Facoltà.

Le musiche in programma sono tratte dal grande repertorio sinfonico di ispirazione italiana e serba, iniziando con Il Capriccio italiano op. 45 di P.I. Čajkovskij, composto tra gennaio e maggio del 1880. L'opera fu ispirata dal viaggio che il compositore intraprese a Roma alla fine del 1879. La città eterna lo entusiasmò con il fascino della sua antica grandiosità e la suggestione della vita popolare.

Introduzione, Tema e Variazioni per clarinetto e orchestra in si bemolle maggiore di Gioachino Rossini è una delle composizioni più eseguite dell'intera letteratura di questo strumento. L'autore compose quest'opera durante gli anni turbolenti dei suoi studi, probabilmente intorno al 1809. La Fantasia su temi serbi op. 6, per orchestra sinfonica, di Nikolaj Rimskij-Korsakov è la prima importante composizione di un autore russo basata su alcune melodie popolari serbe. Fu scritta intorno agli anni '60 del XIX secolo, su iniziativa di M. Balakirev.

I motivi della creazione di quest'opera furono l'Esposizione etnografica russa, che ebbe luogo a Mosca nel 1867, ed il Congresso slavo tenutosi nello stesso anno a San Pietroburgo. In occasione di queste manifestazioni fu realizzato un concerto con brani ispirati a temi originali slavi. Il balletto in quattro atti Ohridska legenda (La leggenda di Ocrida), capolavoro del compositore Stevan Hristić, è una delle opere più rappresentative della musica serba, importante per la sua lunghezza compositiva ed inoltre insuperabile per il numero di rappresentazioni effettuate sui palcoscenici internazionali.

Il clarinettista Daniel Roscia, diplomato al Conservatorio di musica "F.A. Bonporti" di Riva del Garda, si è perfezionato in Clarinetto basso con il docente Lorenzo Guzzoni e con Davide Pietro Lattuada e Paul Richards. Ha fatto parte dell'Orchestra Nazionale dei Conservatori dal 2012 ed è stato selezionato come solista (in duo) con l'Orchestra Haydn di Bolzano.

Per informazioni, Conservatorio Tartini tel. 040.6724911 www.conts.it

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!