Conservatorio: concerto d'apertura

Notizia inserita il 11/11/2007

Lunedì 12 novembre 2007 alle ore 20.30, presso la Sala Tripcovich avrà luogo il Concerto d'apertura dell'Anno Accademico 2007/08 del Conservatorio "G. Tartini" di Trieste.

Il programma che l'Orchestra del Conservatorio, diretta dal Maestro Stojan Kuret, proporrà in concerto è particolarmente interessante e impegnativo ed è dedicato a due grandi maestri della scrittura orchestrale, Hector Berlioz e Maurice Ravel.

La manifestazione avrà inizio con l'Ouverture Il Carnevale Romano di Hector Berlioz.

Questo brano, composto da Berlioz nel 1843, assomma la tradizione tutta francese della musica a programma con la personalissima esigenza di sperimentare le possibilità e le combinazioni timbriche dell'orchestra. Il racconto del Carnevale romano si dipana alternando atmosfere melanconiche a temi e danze popolareggianti. Le melodie principali sono tratte dall'opera Benvenuto Cellini che, andata in scena nel 1838, non aveva incontrato i favori del pubblico. Dal duetto d'amore del primo atto di quest'opera è desunta la melodia dell'Andante affidata al corno inglese; ancora dal Benvenuto Cellini è recuperato il travolgente saltarello, saggio esemplare delle capacità d'orchestrazione di Berlioz che descrive i festeggiamenti del carnevale romano in Piazza Colonna.

Altrettanto composita la genesi dei cinque pezzi per l'infanzia Ma mère l'oye di Maurice Ravel. Ma mère l'oye nasce come composizione per pianoforte a quattro mani nel 1908, con aggiunte di brani, viene orchestrata e trasformata in balletto nel 1911 per addivenire, poi, con ulteriori modifiche, alla versione orchestrale proposta in questo programma. Le cinque fiabe di Ma mère l'oye offrono a Ravel innumerevoli spunti di fantasia ove la modernità della scrittura sinfonica si coniuga perfettamente con forme di danza e strutture arcaicizzanti. Questa composizione sinfonica si presta ad una lettura che può privilegiare il racconto delle singole fiabe ma anche ad una concezione più ciclica e totalizzante che partendo dalla Pavane della Bella addormentata si evolve in una sorta di crescendo emotivo fino a culminare, nell'ultimo dei brani, Jardin fèerique, in una sfavillante epifania di suoni e colori musicali che descrive il risveglio della dormiente.

L'ultimo dei brani in programma Quadri di un'esposizione è una delle composizioni più note del repertorio sinfonico. L'originale pianistico del 1874 di Modest Musorgskij verrà orchestrato da Maurice Ravel nel 1922. Quadri di un'esposizione è l'omaggio di Musorgskij all'amico architetto e pittore Viktor Hartmann morto in giovane età. La descrizione in musica dei diversi quadri dell'amico scomparso, inizia ed è inframmezzata dalla celebre Promenade. Maurice Ravel sembra comprendere a pieno sia i caratteri più schiettamente russi, o meglio, slavi della composizione sia tutte le rivoluzioni piccole e grandi sottese a questo straordinario polittico musorgskiano: la sua versione sinfonica dei Quadri è una delle dimostrazioni più lampanti della sua sapienza e genialità di scrittura orchestrale.

Nata come esigenza imprescindibile per assicurare una completa formazione strumentale, l'Orchestra degli studenti del Conservatorio Tartini è formata dagli studenti frequentanti i corsi superiori e i neodiplomati. Si avvale inoltre della collaborazione di alcuni docenti e, a seconda delle esigenze del repertorio, di alcuni collaboratori esterni.

L'attività dell'orchestra, pur con l'annuale fisiologico rinnovo di una parte dei suoi componenti, ha dimostrato di saper superare la pura finalità didattica grazie a una costante crescita e maturazione esecutiva, con le quali è in grado di affrontare un'attività concertistica ormai consolidata. Si esibisce da anni nelle più importanti sedi regionali, unendo ad un'accurata preparazione musicale lo spirito, lo zelo e l'entusiasmo tipici dei giovani, ingredienti questi che hanno consentito di riscuotere sempre i più calorosi consensi.

La compagine orchestrale impegnata in questo concerto è la più numerosa, in rappresentanza di tutte le Scuole di strumento del Conservatorio. Il programma della serata è stato scelto anche per valorizzare al meglio le qualità dell'orchestra e conciliare l'aspetto colto e la piacevolezza dell'ascolto.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!