Corrado Tedeschi: "L'uomo dal fiore in bocca"

Notizia inserita il 8/03/2009

"Corrado Tedeschi è protagonista alla Sala Bartoli, dal 10 al 15 marzo, del toccante classico pirandelliano L'uomo dal fiore in bocca, diretto da Marco Rampoldi. Lo spettacolo viene preceduto da una lezione-semiseria - tenuta dagli stessi attori - sui temi dell'essere e dell'apparire, che aiuta il pubblico a disporsi con animo sgombro ad apprezzare il famoso atto unico."

Sarà per la prima volta protagonista allo Stabile regionale, Corrado Tedeschi che ammireremo nel ruolo del titolo de L'uomo dal fiore in bocca di Luigi Pirandello, nuovo appuntamento con il cartellone altripercorsi alla Sala Bartoli.

Lo spettacolo replicherà dal 10 al 15 marzo e rappresenta da un lato, la proposta sempre attuale e interessante di un classico del grande scrittore siciliano, dall'altro una lettura in chiave fresca, tanto che la piéce viene preceduta da una divertente lezione-semiseria in cui si immagina che Tedeschi debba sostenere un esame, prima di affrontare il personaggio al centro de L'uomo dal fiore in bocca.

Deve dimostrare a due personaggi, pirandellianamente fuggiti dalle rispettive opere per investigare sul suo operato, di poter essere anch'egli "personaggio". E con questo pretesto coinvolge il pubblico (a tratti anche direttamente) in una sorta di "lezione" sui temi dell'essere e dell'apparire, su come le maschere contengano il seme della follia. L'intento è che gli spettatori si lascino trasportare, abbandonando i preconcetti di noia spesso associati al teatro "classico", e disponendosi così ad assistere con animo assolutamente sgombro al notissimo atto unico.

Proprio in questa coesistenza, di due "corde" contrastanti, comica e tragica, risiede forse uno dei motivi del successo di questo allestimento, che dopo sei stagioni viene nuovamente riproposto in tournée.

L'uomo dal fiore in bocca è un semi-monologo di grande intensità: Corrado Tedeschi ne è affascinato fin dal periodo della formazione in Accademia e in questo allestimento, agile ed elegante, dà prova di tutto il suo talento teatrale impersonando la quieta disperazione del protagonista.

La piéce è ambientata all'esterno del caffè di una stazione. È notte ed un "pacifico avventore" che ha perso il treno della sera, lascia trascorrere il tempo sorseggiando una bibita mentre aspetta il convoglio successivo, che passerà di primo mattino.

Un altro cliente comincia a parlare con lui, con un'insistenza crescente, ironica e disperata al tempo stesso, quasi una confessione, dimostrando una straordinaria capacità di cogliere fino in fondo i più piccoli aspetti della vita quotidiana, di "aderire con l'immaginazione alla vita degli altri": spera in questo modo di sentirla "sciocca e vana" poiché per lui presto quella piccola vita quotidiana non ci sarà più... Giunge presto infatti alla tragica rivelazione del suo male senza scampo: quel "dolcissimo" epitelioma (il fiore in bocca del titolo) che la morte gli ha lasciato in dono.

Anche se in parte la sua fama è derivante dal piccolo schermo, Corrado Tedeschi ha sempre frequentato il teatro e negli ultimi anni ha convinto pubblico e critica in spettacoli come Io l'erede e L'hotel dei due mondi, diretto da Andrée Ruth Shammah e Un uomo solo al comando guidato dalla regia di Marco Rampoldi.

Rampoldi lo dirige anche in questa nuova occasione, con sensibilità e allontanandolo da ogni rischio di "pirandellismo" in favore di un'interpretazione che intreccia sapientemente razionalità critica e emozione.

Prodotto dal Teatro Franco Parenti, L'uomo dal fiore in bocca di Luigi Pirandello, per la regia di Marco Rampoldi e nell'interpretazione di Corrado Tedeschi (completano il cast Claudio Moneta e Roberta Petrozzi) rimane in scena alla Sala Bartoli fino a domenica 15 marzo, ultima replica alle ore 17.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!