Gran Gala Il Cigno Nero

Notizia inserita il 28/10/2012

Gran GalĂ  Cigno Nero

"La stagione Danza del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia si apre con il prestigioso Gran Gala Il Cigno Nero, a cura di Daniele Cipriani. Lo spettacolo porta sul palcoscenico del Politeama Rossetti protagonisti si assoluto livello: Irina Dovorovenko e Maxim Beloserkovsky, primi ballerini dell'American Ballet Theatre, Alessio Carbone primo ballerino dell'Opéra de Paris e stelle del Teatro alla Scala e dell'Opera di Roma. Coreografie di Marius Petipa, Michel Fokine, Maurice Bejart, Ben Stevenson. Da non perdere martedì 30 e mercoledì 31 ottobre alle 20.30 alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti".

Non conosce tramonto il fascino che circonda la figura del Cigno nell'universo della danza. Le suggestioni del recente film di Darren Aronofsky acclamato dal pubblico e premiato addirittura con l'Oscar all'attrice Natalie Portman, non hanno dunque fatto altro che amplificare la magia del Lago dei cigni, sottolineando il mistero e il magnetismo della figura del Cigno nero, oltre al lirismo del Cigno bianco... Spunti che a Daniele Cipriani hanno suggerito l'idea di un Gran Gala che riunisse i momenti più belli del celeberrimo balletto da far eseguire a interpreti di altissimo livello.

Nasce così l'evento Il Cigno Nero: un collage di musiche e coreografie amate e raffinatissime eseguite da danzatori della statura di Irina Dvorovenko e Maxim Beloserkovsky, primi ballerini dell'American Ballet Theatre, Alessio Carbone, primo ballerino del Balletto dell'Opéra de Paris, e altri eccellenti ospiti dal Teatro dell'Opera di Roma e dal Teatro alla Scala di Milano.

Per il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia non c'era occasione migliore da scegliere per l'inaugurazione del cartellone Danza, che da anni viene declinato nel segno della elevata qualità degli artisti e della molteplicità degli stili di danza, dalla grande tradizione agli accenti più innovativi.

Appuntamento dunque di gran prestigio e di forte seduttività, martedì 30 e mercoledì 31 alle 20.30 ottobre con un palcoscenico pieno di stelle, chiamate a celebrare la figura del Cigno Nero...

Composto da Tchaikovsky fra il 1875 e il 1876 Il Lago dei Cigni raggiunge la sua edizione più celebrata vent'anni più tardi, quando il famoso coreografo Marius Petipa ed il suo assistente Lev Ivanov affrontano l'emozionante partitura e il libretto (tratto da un'antica favola tedesca) restituendoli al pubblico di ogni tempo nella forma che ancora oggi tradizionalmente applaudiamo e che viene considerata una pietra miliare nella storia della danza. Agli occhi dello spettatore Il Lago dei Cigni possiede tutto: romanticismo, passione, un racconto avvincente, l'immaginifica contrapposizione fra la purezza di Odette, il Cigno Bianco, e il profilo oscuro e seducente di Odile, Cigno Nero... E naturalmente possiede anche un susseguirsi impetuoso di passi, danze, virtuosissimi, invenzioni di rara bellezza coreografica. Ciò rende questo titolo uno dei più cercati e desiderati anche dai danzatori, che ne affrontano i ruoli bilanciando grande intensità espressiva e tecnica di assoluta perfezione. Tanta fama non ha però avvolto il balletto di una sorta di "effetto intimidatorio" come può accadere in ogni arte ai titoli ritenuti "monumentali": esso è tuttora materia viva, cui ci si continua ad avvicinare per trarne ispirazione che viene restituita in rivisitazioni, riletture e costruzioni coreografiche sempre nuove.

Il Gran Gala Il Cigno Nero curato da Daniele Cipriani, ne è un esempio: raccoglie in una serata molti estratti del balletto originale, come il celebre pas de quatre, inserito all'interno del divertissement che anima il secondo atto, dove la danza è accompagnata da uno dei movimenti musicali più famosi dello spettacolo. Oppure come il pas de deux del Cigno Bianco che si pone come suggello dell'amore vittorioso, paladino dei sentimenti più puri: la splendida Odette, che un incantesimo trasforma in cigno di notte, danza con il principe Siegfried che durante una battuta di caccia è deciso ad ucciderla, ma assistendo alla sua mutazione in fanciulla se ne innamora perdutamente. Fa da contraltare il pas de deux del Cigno Nero in cui Odile, figlia del perfido mago che tiene prigioniera Odette, seduce il principe Siegfried... In questi brani straordinari incanteranno la dinamica prorompente e la purezza di linee dei due Principal dell'American Ballet, che saranno degnamente attorniati da una compagnia di sole star, capaci di togliere il fiato negli assoli - come quello dal virtuosismo acrobatico e divertente del Giullare - o nei sontuosi momenti della Danza Spagnola.

Da Marius Petipa a Michel Fokine, da Maurice Bejart a Ben Stevenson... sul piano coreografico si trascolorerà di genio in genio, di linguaggio in linguaggio nel nome del Cigno Nero: armoniosamente accostati al capolavoro di Tchaikovsky apprezzeremo anche momenti concepiti secondo stili diversi. Fra questi Irina Dvorovenko eseguirà il famoso assolo, La morte del cigno che Fokine creò su musica di Camille Saint-Sans nel 1901 per Anna Pavlova, mentre Alessio Carbone e Flavia Socchi - giovane promessa della danza internazionale - interpreteranno Trois Préludes su musiche di Rachmaninov, balletto in stile neoclassico che è l'emblema della dedizione che i ballerini hanno verso la loro arte.

Concepito da Daniele Cipriani, il Gran Gala Il Cigno Nero vede protagonisti Irina Dvorovenko e Maxim Beloserkovsky, stroardinari primi ballerini dell'American Ballet Theatre ed Alessio Carbone, primo ballerino dell'Opéra de Paris.

Danzano inoltre Antonella Albano (Teatro alla Scala di Milano), Stefania Ballone (Teatro alla Scala di Milano), Lucia Ermetto (Teatro Massimo di Palermo), Erika Gaudenzi (già Teatro alla Scala di Milano), Alessio Rezza (Teatro dell'Opera di Roma), Susanna Salvi (già MaggioDanza), Flavia Stocchi (già Teatro dell'Opera di Roma).

Autore dei suggestivi video che apprezzeremo durante lo spettacolo è Massimiliano Siccardi.

Informazioni e biglietti per lo spettacolo sono disponibili presso i consueti punti vendita dello Stabile regionale, sul sito www.ilrossetti.it. Naturalmente è ancora possibile sottoscrivere formule d'abbonamento che comprendano questo ed altri spettacoli di danza o comunque inseriti nella stagione dello Stabile. Per informazioni si può contattare anche il centralino del Teatro allo 040.3593511.

La Stagione 2012-2013 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste. Si ringraziano tutti i Soci, in particolare il Comune di Trieste, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia di Trieste.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!