Secondo appuntamento del Circolo del Jazz con il Samo Salamon Bassless Trio

Samo Salamon Trio

Notizia inserita il 13/10/2016

18 ottobre 2016 - ore 21
presso la Casa della Musica di via dei Capitelli 3, Trieste

Samo SALAMON - chitarra
Paul McCANDLESS - sax soprano, oboe, clarinetto basso
Roberto DANI - batteria

La musica del trio, composta tutta da brani originali del chitarrista sloveno, sono spesso influenzati dalla musica folk ungherese e slovena, ampi sono però gli orizzonti espressivi di Samo Salamon e il percorso musicale si snoda tra situazioni d'astratto camerismo, dolci e cantabili ballad, momenti liberamente improvvisati. In questa prima data del loro mini tour europeo verrà presentato l'album Little River uscito nel 2015.

Trentasette anni, nato a Maribor (Slovenia), Samo Salamon è un prolifico chitarrista, compositore e leader, che dal 2003 a oggi ha realizzato 18 album alla guida di propri gruppi. Il valore dei partner che l'hanno affiancato in questi anni chiarisce bene la considerazione che ottiene tra i colleghi, anche se presso il pubblico e gli addetti ai lavori (italiani, in particolare) resta sottovalutato. Tra coloro che hanno collaborato con lui Tim Berne, Drew Gress, Achille Succi, John Hollenbeck, Tom Rainey, Michel Godard, David Binney, Tony Malaby, Josh Roseman, Gerald Cleaver , Mark Helias.

Paul McCandless , storico sassofonista americano fondatore del mitico gruppo degli "Oregon", è considerato il più grande oboista jazz della storia ma anche uno dei maggiori strumentisti a fiato del '900 per il jazz e le musiche improvvisate . Suona un autentico "arsenale" di strumenti : l'oboe, il corno inglese, il sax soprano, il sax tenore, il clarinetto basso e il penny whistle . Pur essendo un musicista e compositore fortemente legato alla tradizione, è tuttavia un antesignano della musica strumentale moderna, ed ha reso contemporaneo ed originale il linguaggio dei suoi strumenti. Le sue composizioni, ed il suo stesso sound, sono percorsi da un elevato lirismo che hanno reso innovativo il leggendario quartetto degli Oregon. Il gruppo, molto amato da musicisti e appassionati, ha sempre avuto un seguito talmente vasto di sostenitori che persino gli astronauti dell'Apollo portarono la loro musica sulla luna , dando a due crateri lunari il nome di due loro composizioni. McCandless, magnifico virtuoso degli strumenti a fiato, dallo stile sobrio e brillante, importa nelle sue composizioni contemporanee le sonorità raffinate dell'oboe e del corno inglese, normalmente associati alla musica da camera e sinfonica, arricchendole di fascino e conferendo a tutti gli strumenti che suona, una voce personalissima ed un'enorme sensibilità melodica.

Roberto Dani è un musicista autodidatta. La sua ricerca è incentrata sull'improvvisazione, i confini tra la musica improvvisata e la musica scritta, in particolare nella performance solitaria, dove indaga le relazioni tra suono/corpo/spazio. Da qui le molteplici esperienze nell'ambito contemporaneo. Tra le sue collaborazioni da ricordare quelle con Annette Peacock, Louis Sclavis, Kenny Wheeler, Dave Liebman, Paul McCandless, Norma Winstone, Michel Godard, Al Di Meola, Mick Goodrick, Ralph Alessi, Ravi Coltrane, Drew Gress, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Giorgio Gaslini, Stefano Battaglia.

Ingresso 10 euro. Soci ingresso gratuito con possibilità di prenotazione del posto tramite sms o mail entro la mattinata dell'evento.

Info: 3200480460 thelonious.trieste@gmail.com

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!