Lo Schiaccianoci

Notizia inserita il 20/12/2009

"Il Moscow Festival Ballet è ospite del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia martedì 22 e mercoledì 23 dicembre con l'amatissimo Lo Schiaccianoci: le repliche iniziano entrambe alle 20.30 per il cartellone Danza & dintorni.".

«C'era una volta una bella principessina, che la cattivissima Regina dei Topi aveva imprigionato, rinchiudendola in un guscio di noce. Solo un principe poteva salvarla, rompendo il guscio e l'incantesimo e così avvenne. La principessa fu liberata ma la terribile Regina si adirò e trasformò il coraggioso principe in uno schiaccianoci...» La favola che il giocattolaio Drosselmeyer racconta ai bambini e alla piccola Marie - la protagonista del balletto Lo Schiaccianoci - ha un fascino eterno e particolarmente natalizio...

Non può dunque mancare, a dicembre, Lo Schiaccianoci dal programma del teatro Stabile regionale, dove è ritornato spesso e in differenti edizioni: quest'anno arriva in un allestimento accuratissimo coreografato da Vainonen ed Elena Radchenko, sulla meravigliosa partitura di Tchaikovsky e sul libretto di Marius Petipa.

Ne sono protagonisti i solisti ed il corpo di ballo del Moscow Festival Ballet diretto da Sergei Radchenko.

Il Moscow Festival Ballet è una compagnia di danza di altissimo livello, formata da oltre 50 elementi e composta da ballerini formatisi nelle grandi scuole di danza di Mosca, San Pietroburgo e Perm. I solisti invece provengono da templi della danza quali il Bolshoi e il Kirov e dallo Stanislavsky Ballet.

Brilleranno dunque per capacità tecniche e interpretative, nei molti personaggi che popolano questo amatissimo titolo del repertorio.

Fondato da Maris Liepa e Sergei Radchenko alla fine degli anni Ottanta, durante il periodo della Perestroika, il Moscow Festival Ballet è stata la prima compagnia di danza indipendente a Mosca e questo dà un segno molto significativo alla sua storia.

Radchenko è un artista molto apprezzato: è stato etoile del Bolshoi Ballet oltre che direttore artistico del Balletto Nazionale Russo. Con il Moscow Festival Ballet ha inteso sviluppare e ampliare il balletto di tradizione concentrandosi nella ricerca di nuovi talenti e assicurando alla compagnia un ampio repertorio, dai grandi balletti di Petipa a classici intramontabili quali La Sylphide e La Fille Mal Gardée.

Il balletto si avvale del libretto di Marius Petipa dal racconto di Alexandre Dumas e di E.T.A. Hoffman, le belle scenografie sono firmate da Lev Solodovnikov mentre i costumi sono creazioni di Elena e Sergey Radchenko.

Lo schiaccianoci - Atto I

L'azione si svolge in una vecchia città tedesca all'inizio del 19° secolo. È la vigilia di Natale e per le strade della città c'è aria di festa.

La casa della famiglia Stahlbaum è piena di luci. Gli ospiti sono riuniti nella sala addobbata a festa.

Drosselmeier entra. L'eccentrico vecchietto è un ingegnoso costruttore di giocattoli ed è molto amato dai bambini ai quali ha portato molti regali. Uno di questi cade a terra. È uno Schiaccianoci, il più bello dei giocattoli.

Tutto è pronto per la festa. I bambini arrivano di corsa nella sala, Franz, il figlio del padrone di casa, arriva per primo. I ragazzi girano attorno all'albero di Natale con i fucili sulle loro spalle.

I bambini iniziano a giocare a moscacieca e anche Drosselmeier vi prende parte. Gli annodano un fazzoletto attorno agli occhi. Drosselmeier e Masha iniziano a ballare, e gli altri bambini li seguono. Al termine lasciano la sala ballando.

Drosselmeier ora appare in veste di mago e prepara alcuni giochi di prestigio. Inizia poi a presentare uno spettacolo di bambole intitolato: "Il Re Topo trama per portare via la Principessa ma il coraggioso Schiaccianoci uccide Re Topo e salva la Principessa".

La riserva di sorprese di Drosselmeier è inesauribile. Fa credere di cercare qualche nuovo fantasioso giocattolo I bambini lo seguono attentamente. Improvvisamente un arlecchino meccanico appare alle loro spalle.

Una bambola danzante compare poco dopo. Da una misteriosa capelliera salta fuori un cosacco. Ma il regalo più bello è lo Schiaccianoci. Dopo una lunga ricerca, lo troviamo sul grande piano. A Masha piace più di tutti gli altri giocattoli.

Masha lo accarezza e lo coccola. Franz e i suoi amici la spaventano.

C'è ancora un momento di danza prima che la festa finisca. Il più anziano degli ospiti fa un passo in avanti, con fare comico, per ballare il vecchio Grossvater.

Gli ospiti lasciano la sala. Le candele dell'albero di Natale si spengono. Masha dà un bacio della buonanotte allo Schiaccianoci. La tata la porta a letto.

Masha si addormenta. Nei suoi sogni vede di nuovo la sala e l'albero di Natale.

Tutti gli oggetti hanno un'apparenza fantastica. Un topo esce da un buco e subito dopo molti topi sbucano da tutte le parti.

Nel silenzio l'orologio suona la mezzanotte. Il gufo sull'orologio sbatte le ali. I topi squittiscono e corrono per la stanza.

L'albero di Natale cresce sempre più fino a diventare gigantesco. La sala è piena di topi.

Masha, terribilmente spaventata, si arrampica su una poltrona. I giocattoli che hanno preso vita corrono spaventati qua e là. Il Re Topo in persona entra.

Ma lo Schiaccianoci, a capo del suo reggimento di soldati, si fa avanti in difesa di Masha. Alla guida del suo piccolo esercito, sferra l'attacco. C'è una battaglia e Masha ansiosamente guarda il suo amato.

Superando la paura, corre in suo aiuto e al momento cruciale getta la sua piccola pantofola contro il Re Topo, salvando lo Schiaccianoci.

Il Re Topo è sconfitto e scompare con il suo esercito.

Drosselmeier trasforma Masha e lo Schiaccianoci in una graziosa fanciulla e in un bel giovane. Iniziano il loro viaggio nel mondo delle fiabe.

Lo schiaccianoci - Atto II

Iniziano le feste. Una danza spagnola è seguita da una araba e da una cinese. Poi è il momento della danza russa e del Valzer dei Fiori. Masha e lo Schiaccianoci sono felici e danzano insieme agli altri.

Lo schiaccianoci - Epilogo

Masha è addormentata. Si sta facendo giorno. Il meraviglioso mondo die sogni è finito. Masha si risveglia.

Prenotazioni e acquisti di biglietti possono essere effettuate presso tutti i punti vendita del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e naturalmente presso la Biglietteria del Politeama Rossetti.

La Stagione 2009-2010 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste.

Ulteriori informazioni sono disponibili anche sul sito internet del Teatro www.ilrossetti.it e al numero telefonico 040-3593511.

Topo

"Lo schiacchianoci" è una favola, e come spesso accade gli animali fanno la parte dei "cattivi".

In realtà i topi sono animali bellissimi e intelligenti, tra i più sfortunati del pianeta. Disprezzati e uccisi col veleno quando si aggirano per le città solo perché erroneamente ritenuti portatori di malattie, comprati nei negozi come se fossero oggetti, o allevati per essere vivisezionati.

Per conoscere meglio questi splendidi animali visita il sito Vita da topi

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!