Mario Luzzatto Fegiz: Io odio i talent show

Notizia inserita il 18/11/2012

Locandina dello spettacolo Io odio i talent show, di e con Mario Luzzatto Fegiz

"Un evento prestigioso avere al Teatro Stabile regionale il grande critico Mario Luzzatto Fegiz: è protagonista e coautore di Io odio i talent show, spettacolo pieno di musica e racconti, aneddoti ironici e colte riflessioni di uno dei più autorevoli giornalisti e intellettuali del panorama contemporaneo. In scena al Politeama Rossetti solo martedì 20 novembre alle 20.30".

Dopo un'ineguagliabile carriera di critico musicale sulle pagine del Corriere della Sera, forte di una competenza profonda, di un'inesauribile curiosità e apertura, di esperienze le più vaste, Mario Luzzatto Fegiz accetta la sfida del palcoscenico che - assieme alle tante prove prestigiose di saggista, giurato, conduttore, autore radiofonico e televisivo, docente, direttore editoriale - corona la carriera di uno dei più autorevoli giornalisti e intellettuali del panorama contemporaneo.

È così che la platea del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia lo accoglie, ed ha l'onore di fargli da cornice nella città d'origine, come protagonista e coautore - assieme a Giulio Nannini - di un curiosissimo spettacolo: Io odio i talent show.

L'appuntamento - solo per una serata nel cartellone altripercorsi , martedì 20 novembre alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti - è senza alcun dubbio, di quelli da non perdere: non foss'altro perché ogni incontro con Luzzatto Fegiz rappresenta un modo singolare di rivivere la storia della musica italiana e straniera, attraverso dettagli, squarci ma anche giudizi taglienti. In ogni spettacolo, egli fonde con acutezza e lievità memoria storica, analisi del presente e proiezioni sul futuro.

Ma cos'avrà spinto il più grande critico musicale italiano a lasciare la penna per calcare le scene come interprete e coautore? L'urgenza di un "faccia a faccia" con il pubblico su una questione che attanaglia l'intero mondo dei recensori: che fine farà il lavoro di un critico in un epoca in cui vanno di moda i talent show, i televoti e i pensieri espressi nel terrificante slang "compresso" degli SMS? Possono coesistere i "mi piace" dei social network e le arricchenti riflessioni di un serio recensore?

Io odio i talent show - che si avvale della regia di Maurizio Colombi - è uno psicodramma che racconta di un critico musicale, un tempo temuto e rispettato, costretto oggi a confrontarsi con questo panorama e conimprobabili giudici dal retroterra culturale esile. Abituato daglianni Settantaa tuonare giudizi, il critico viene travolto da una contestazione di fan di giovani artisti, pronti a coglierlo in fallo. Abituato a occuparsi di Elton John e dei Beatles, Fegiz "odia i talent show"perché hanno posto fine alla dittatura della (sua) critica. Così, in un crescendo tragicomico, racconta leggende, fatti e svariati misfatti vissuti in prima persona insieme ai grandi protagonisti degli ultimi 40 anni di musica in Italia.

Sul palcoscenico lo accompagnano i musicisti Roberto Santoroe Vladimir Denissenkov, attenti a impreziosire il monologo con canzoni celebri. Celebri come i personaggi che punteggiano il racconto di Fegiz: una sorta di delirio-vendetta-sfogo colto e ironico, che richiama decine di aneddoti su leggende comeTenco, De Andrè, Dalla, Michael Jackson o Elton John, o sui nomi più popolari degli ultimi decenni, comeVasco, Pausini, Madonna e Ramazzotti, fino agli odierni idoli da talent comeAlessandra Amoroso, Arisa, Giusy Ferreri e Marco Carta, che dello spettacolo diviene quasi il "tormentone"... Luzzatto Fegiz rivelerà molto delle canzoni, dei Festival di Sanremo, dei segreti custoditi da chi, in 40 anni di lavoro, ha conosciuto oltre mille artisti.

Creando Io odio i talent show, Luzzatto Fegiz ha mutato "posizione": ora è il suo turno di essere recensito... Il verdetto però è stato positivo, come dimostrano questi stralci, tratti da La Stampa a firma di Mariella Vengoni «La descrizione della deriva è istrionica quanto il protagonista. Fegiz riempie la scena con il suo fisico imponente, alle spalle una vecchia radio, di fianco un jukebox, agli angoli il fisarmonicista Vladimir Denissenkov e il chitarrista Roberto Santoro impegnati (quando possono) a interrompere un flusso sarcastico e orgoglioso di ricordi, confessioni (...) incalzante cavalcata di ricordi e battute»

Io odio i talent show di Mario Luzzatto Fegiz e Giulio Nannini, regia di Maurizio Colombi, con Mario Luzzatto Fegiz e con Roberto Santoro (one man band) e Vladimir Denissenkov (fisarmonica russa) è una produzione Barley Arts.

Io odio i talent show rimane in scena solo martedì 20 novembre con inizio alle 20.30: è inserito nel cartellone altripercorsi del Teatro Stabile regionale.

Informazioni e biglietti per lo spettacolo sono disponibili presso i consueti punti vendita dello Stabile regionale, sul sito www.ilrossetti.it. Per informazioni si può contattare anche il centralino del Teatro allo 040.3593511.

La Stagione 2012-2013 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste. Si ringraziano tutti i Soci, in particolare il Comune di Trieste, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia di Trieste.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!