Castello di Duino: quartetto di Sassofoni Accademia con Bruno Canino

Notizia inserita il 17/08/2008

Lunedì 18 agosto 2008, ore 21.00
DUINO AURISINA - Castello di Duino
Quartetto di Sassofoni Accademia
Bruno Canino pianoforte

Da non perdere nel Castello di Duino il Quartetto di Sassofoni Accademia con il grande Bruno Canino

Concerto da non perdere questa sera - lunedì 18 agosto - nell'incantevole cornice del Castello di Duino per il Festival Musicale Internazionale Nei Suoni dei Luoghi, promosso dall'Associazione Progetto Musica di Monfalcone e finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Ad esibirsi alle ore 21.00 con ingresso gratuito una formazione del tutto originale: il Quartetto di Sassofoni Accademia composto da Gaetano Di Bacco sassofono soprano, Enzo Filippetti sassofono contralto, Giuseppe Berardini sassofono tenore, Fabrizio Paoletti sassofono baritono assieme ad un interprete d'eccezione: il virtuoso del pianoforte Bruno Canino.

Per motivi di sicurezza i posti a sedere al concerto saranno limitati a 300. Dalle ore 18.00 sarà possibile ritirare presso la biglietteria del Castello la prenotazione del posto. Sempre dalle 18.00 inoltre sarà possibile visitare il Castello con ingresso scontato a 5.00 € (incluso posto a sedere al concerto).

Denominatore comune tra le composizioni in programma questa sera è la dissacrazione che in esse gli autori hanno operato nei confronti della tradizione, tanto sul piano dell'armonia che su quello del ritmo e della scelta dell'organico, in quest'ultimo caso utilizzando proprio i sassofoni per intaccare la consuetudine che pretendeva strumenti storicamente più blasonati quali unici interpreti della musica colta. Negli arrangiamenti proposti, tale ribellione viene ulteriormente accentuata dall'accostamento dei sassofoni al pianoforte, strumento della tradizione più pura, che in questo caso diventa invece complice perfetto per la realizzazione di colori e sonorità sorprendenti.

Apre il concerto una riduzione de L'opera da tre soldi, una suite per tredici strumenti e pianoforte del compositore tedesco Kurt Weill. Seguirà di Darius Milhaud, uno dei componenti di quel "Gruppo dei Sei" che negli anni '20 rivoluzionò il panorama della musica classica francese, La création du monde. E' un balletto in sei scene scritto tra il 1922 e il 1923 per piccola orchestra con sassofono ed in seguito adattato per pianoforte a quattro mani dallo stesso autore. Si tratta di uno dei primi esempi di contaminazione della musica classica da parte di elementi tratti dal jazz e dal folclore afroamericano. Il pubblico potrà poi apprezzare l'opera Porgy and Bess di George Gershwin in cui jazz, musica tradizionale ed elementi folclorici convivono in quelle pagine, tra le quali spicca il celeberrimo brano Summertime. Conclude il concerto il meraviglioso Inverno Porteño, scritto nel 1970 e movimento conclusivo della suite intitolata Quattro Stagioni Porteñe di Astor Piazzolla. Evocatrici, nel nome, delle Stagioni vivaldiane, esse trovano proprio nella conclusione dell'Inverno gli echi di quelle pagine barocche, mentre descrivono tra malinconia e passione il loro spirito porteño, cioè tipico della città di Buenos Aires.

Nato nel 1984, il Quartetto di Sassofoni Accademia ha svolto cinquanta tournée in ventiquattro Paesi tenendo più di mille concerti. Attivo sia nell'ambito della musica contemporanea (autore e dedicatario di una sessantina di opere) che nella ricerca di musica rara per sassofono, ha collaborato con solisti e compositori di fama internazionale. Tiene corsi, masterclass e conferenze in tutta Europa e nelle Americhe ed i suoi componenti sono docenti di sassofono nei Conservatori di Musica di Roma, Padova, Pescara e L'Aquila. Ha inciso una decina di cd.

Bruno Canino, napoletano, si è diplomato in pianoforte e composizione al Conservatorio di Milano. Svolge a livello mondiale un'intensa attività concertistica come solista, camerista e solista con orchestra. Ha insegnato per ventiquattro anni pianoforte principale al Conservatorio di Milano e tiene masterclass in tutta Europa e in Giappone. Dal 1999 al 2001 è stato Direttore della sezione musica della Biennale di Venezia. Ha realizzato innumerevoli registrazioni e scritto il libro "Vademecum del pianista da camera" .

Prossimo appuntamento mercoledì 20 agosto nella Chiesa di S. Fermo, Rustico, Procolo di Ronchis con Luisa Sello e il Flute Quartet Graz.

Ulteriori informazioni: www.neisuonideiluoghi.it

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!