Il berretto a sonagli

Notizia inserita il 8/04/2008

"Il berretto a sonagli un classico della drammaturgia pirandelliana riporta a Trieste Sebastiano Lo Monaco, carismatico protagonista giÓ spesso applaudito allo Stabile regionale. La regia Ŕ del compianto Mauro Bolognini, fedelmente ripresa dallo stesso attore. Debutto al Politeama Rossetti martedý 8 aprile alle ore 20.30".

╚ in scena al Politeama Rossetti, per la stagione Prosa del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello, nella regia di Mauro Bolognini e con il carismatico Sebastiano Lo Monaco nel ruolo del protagonista: debutto martedý 8 aprile e repliche fino a domenica 13.

źIl personaggio di Ciampa, apparentemente grottesco Ŕ in realtÓ straziante, ma sopratutto Ŕ il pi¨ moderno degli eroi Pirandelliani. Il berretto a sonagli Ŕ la storia di un uomo giovane, poco pi¨ di quarant'anni (...) per tradizione questo personaggio Ŕ stato affrontato da attori alla fine della propria carriera, ad ogni modo avanti con gli anni. Questo travisava la forza drammatica di Ciampa, cosý eroico e pieno di umanitÓ. Una umanitÓ silenziosa e astuta che gli dÓ la forza di difendere la sua infelicitÓ coniugale, contro la societÓ ridicola di quel tempo. Un personaggio insomma apparentemente piccolo ma infinitamente grande╗.

Mauro Bolognini spiegava attraverso queste riflessioni, il suo interesse per la commedia pirandelliana che nel 1993 port˛ in scena, seguendo l'intuizione di allontanarsi dalla tradizione e affidare il ruolo del protagonista a un giovane Sebastiano Lo Monaco. Una scelta premiata dalla risposta della critica e delle platee, e soprattutto dalla prova d'attore di Lo Monaco, che colse coraggiosamente la sfida e diede vita con appassionato impegno a un ruolo che era stato cavallo di battaglia di maestri della statura di Eduardo De Filippo, Turi Ferro, Paolo Stoppa, Salvo Randone... D'altra parte il pubblico conosce bene il temperamento e il carisma di Sebastiano Lo Monaco, interprete generoso e di personalissima forza espressiva, applaudito allo Stabile regionale in Cirano di Bergerac (2000), nel pirandelliano Enrico IV (2002), quale Eddie Carbone in Uno sguardo dal ponte (2003).

Sono trascorsi quindici anni dal suo debutto nel personaggio di Ciampa e ora - riprendendo con fedeltÓ e rigore la regia di Bolognini, scomparso nel 2001 - Lo Monaco ripropone lo spettacolo. Un capolavoro in cui si manifestano appieno il genio della scrittura pirandelliana, e i capisaldi della sua poetica, sempre prodiga di induzioni sul sottile dialogo fra veritÓ e menzogna, volto e maschera, sinceritÓ privata e convenzioni sociali... Una dialettica fra opposti, che Bolognini lascia simbolicamente riecheggiare anche nella scenografia, tutta giocata sulla sospensione fra aperto e chiuso, interno ed esterno, privato e pubblico, e che ambienta la piÚce invece che nel consueto "salotto borghese", in una sorta di giardino d'aranci, davanti alla solida facciata di una dimora.

Tratta dal racconto La veritÓ del 1912, la commedia ebbe una prima edizione in dialetto siciliano (A birritta cu' i ciancianeddi) portata in scena nel 1917 da Angelo Musco; nell'anno successivo fu pubblicata nell'edizione in lingua italiana che tuttora viene recitata. In tale edizione fu subito molto apprezzata all'estero, mentre in Italia si rivel˛ veramente solo nel 1936 nella giÓ citata messinscena della Compagnia De Filippo, con Eduardo nel ruolo di Ciampa e Titina in quello di Beatrice.

Ciampa Ŕ uno scrivano, presentato fin da subito in una posizione di deferente sudditanza rispetto al cavalier Fiorýca, per cui lavora: questo atteggiamento assieme alla dedizione per la moglie Nina, lo spingono a sopportare il tradimento di quest'ultima e a dividere il suo amore con il Fiorýca, a cui la donna Ŕ segretamente legata. La vicenda vuole per˛ che anche Beatrice, la giovane moglie del cavaliere, sia venuta a conoscenza della tresca: Ŕ furiosa e - a dispetto delle forme borghesi e perbeniste della Sicilia di fine Ottocento - non intende subire in silenzio l'onta del tradimento. Vuol divorziare e per questo Ŕ pronta a scatenare lo scandalo e a far cogliere i due amanti in flagrante. A nulla valgono i ragionamenti di Ciampa, che - temendo il disonore e la perdita della moglie - tenta di farla desistere. Peccato che in quel mondo retrogrado e maschilista, a Fiorýca basti davvero poco per convincere tutti dell'inconsistenza delle prove... Ciampa Ŕ ora coinvolto: un simile torto andrebbe lavato con il delitto d'onore, ma lo scrivano escogita un "delitto" pi¨ sottile, di cui sarÓ vittima Beatrice. Per ricomporre l'ordine e conservare l'onore, accusa infatti la donna di follia: portare metaforicamente il "berretto a sonagli" del buffone, dell'emarginato Ŕ quanto la societÓ riserva a chi ne sfida le convenzioni, a chi ne scuote la facciata mostrando la propria "corda pazza".

Dolente di una chiara vena autobiografica (Pirandello, proprio allora, decideva dolorosamente di ricoverare la moglie schizofrenica in una casa di cura) Il berretto a sonagli bilancia in modo ammirevole umorismo e dramma, e - nell'allestimento pregevole di Bolognini - dona nuovo respiro alla ricca coralitÓ delle figure talvolta minime, ma sempre acute e significanti, che attorniano i protagonisti.

Lo spettacolo si avvale delle scene di Helena Calvarese, i costumi sono di Giuseppe Avallone e Cristina da Rold, le musiche sono create da Giovanni Zappalorto e le luci sono firmate da Giuseppe Di Stefano. Il berretto a sonagli Ŕ una produzione di SiciliaTeatro.

Oltre al giÓ citato Lo Monaco nel ruolo di Campa, in scena ammireremo Maria Rosaria Carli (Beatrice Fiorica), Clelia Piscitello (La Saracena), Claudio Mazzenga (Fifý La Bella), Franca Maresa (Fana), Viviana Larice (Assunta La Bella), Rosario Petix (Delegato Span˛), Benedetta Borciani (Nina Ciampa).

La Stagione 2007-2008 del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste.

I biglietti per Il berretto a sonagli sono ancora disponibili presso i consueti punti vendita della Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedý a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e del Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19) e presso Agenzia Bagolandia (via S.Marco 45, da lunedý a venerdý 9-13 e 16-19; sabato 9-12), Agenzia Peekabooh (Muggia, Riva De Amicis, 21, da lunedý a venerdý 9-12.30, 16-19; sabato 9-12) e presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani), San Vito al Tagliamento (Agenzia Medina Viaggi), Udine (Biglietteria del Teatro Nuovo Giovanni da Udine), Venezia (Agenzie IAT di Piazzale Roma, San Marco e Bookshop di Venice Pavillon), Mestre (Agenzia FelicitÓ Viaggi), Vittorio Veneto (Agenzia Medina Viaggi) e Vicenza (Agenzia Vicenza.com) e presso le altre Agenzie del Circuito Charta presenti sul territorio nazionale (elenco sul sito del Teatro). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.ilrossetti.it. e al tel. 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!