Natalino Balasso al Teatro Stabile

Notizia inserita il 18/10/2007

"Natalino Balasso è autore, regista e interprete di Ercole in Polesine, il secondo e divertentissimo appuntamento del cartellone altripercorsi: l'artista che il pubblico dello Stabile regionale ha già applaudito spesso ritorna al Politeama Rossetti venerdì 19 e sabato 20 ottobre alle ore 20.30".

Natalino Balasso è stato un ospite assiduo e molto amato del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia, nelle ultime stagioni: lo si ricorderà bravissimo, nel gennaio 2006, in Libera nos, il poetico spettacolo ispirato alla scrittura di Luigi Meneghello.

Risulta dunque ancor più gradito il suo ritorno nel cartellone altripercorsi 2007-2008, protagonista del secondo appuntamento della Stagione, venerdì 19 e sabato 20 ottobre alle 20.30 al Politeama Rossetti.

Questa volta, a catturare la fantasia e l'attenzione del simpaticissimo artista è la mitologia greca: tema sorprendente all'apparenza, ma che Balasso tratta con rigore e competenza, restituendogli - come vedremo - un soffio di vitalità e umanità. A partire dal più celebre degli eroi di tutti i tempi: Ercole.

Ercole è il più grande eroe della mitologia: molti studiosi credono che il suo mito raccolga le gesta di almeno quaranta personaggi. Semidio, figlio di Zeus ed Alcmena, suscitò fin da prima di nascere l'orgoglio del padre e l'odio di Era. Crebbe a Tebe, istruito dai maggiori maestri fra cui Eurite per l'arco, Chitone per la medicina e Anfitrione per la guida dei carri... Divenne simbolo di coraggio ed eroismo, venerato dai mortali per la sua forza, ma anche per l'umanità e la generosità. Sono celeberrime le sue dodici fatiche che adombrano la lotta vittoriosa degli uomini contro la morte e la natura ostile: ucciso dalla gelosa Deianira che, ingannata, gli fece indossare una tunica intinta nel sangue velenoso di Nesso, fu accolto sul carro di Atena e condotto fra gli Olimpi...

Fino a qui la mitologia classica. Ma che accadrebbe se un simile personaggio, in tutto il suo ardimento e la sua nobiltà, si trovasse improvvisamente in Polesine, magari avvolto dall'eterna nebbia padana?

Parte da qui la riflessione di Natalino Balasso, capace di conquistare l'affetto degli spettatori stupendoli continuamente, con scelte insolite e sfide sempre nuove.

«Quello che salta agli occhi a chiunque guardi uno degli sceneggiati tv nostrani, è che non siamo più in grado di innamorarci delle storie» spiega infatti l'attore, che di Ercole in Polesine è anche autore e regista. «E non è perché le storie, gira gira, sono sempre le stesse (anche una volta erano sempre le stesse): è perché oggi ci interessano più gli attori che i personaggi, più i nomi che le vicende. C'è tutto un materiale umano negli antichi racconti mitologici, fatto di sudore e di gioia, di guerra e di sesso, che sembra nascosto dalle parole difficili dei nostri letterati traduttori. Quello che voglio fare con questo spettacolo è restituire a quelle storie le passioni vere, gli odori e i sapori che non sono perduti, perché sono quelli che viviamo tutti i giorni, in quest'epoca poco epica».

Balasso dunque sceglie ancora una volta materiali assai singolari per le sue iperboli comiche: questa volta sono le storie fantastiche del mito, le vicende degli antichi Dei ed eroi greci che ci sembrano lontane ma che invece ci si riveleranno molto affini.

Nel viaggio che Balasso compie attraverso oltre 5.000 anni di storie e leggende, raccontate negli accenti della sua divertentissima e grottesca parlata, conosceremo infatti Dei cornuti e imbroglioni, eroi mitomani o svogliati, uomini sbruffoni e disperati, i cui tratti riverberano anche in molti nostri contemporanei... E così, la strada immensa che ci sembrava di aver fatto dalla civiltà dell'Olimpo all'"era del bancomat" si annulla e - grazie al talento del comico veneto e al suo acuto mix di razionalismo popolare e di spirito irriverente, che non risparmia acute frecciatine nemmeno agli Dei più sacri - ci appassioniamo alle particolarità dell'era matriarcale, al Viaggio degli Argonauti, alle evoluzioni del Carro del Sole, ai misteri della nascita di Paride e a quelli della morte di Euridice.

E fra la spiegazione di un episodio dell'Odissea e il racconto dell'amore fra Cadmo e Armonia, Natalino Balasso ci sorprende ancora una volta, costruendo un monologo di assoluta comicità ma rigoroso nella trattazione, capace di coniugare rispetto filologico e parodia, risate e intelligenza.

Lo spettacolo - prodotto da Teatria Srl - va in scena al Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia il 19 e il 20 ottobre alle ore 20.30.

La Stagione 2007-2008 del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!