La Variante di Lüneburg

Notizia inserita il 9/11/2007

"La Variante di Lüneburg di Paolo Maurensig è in scena al Politeama Rossetti sabato 10 e domenica 11 novembre: Milva è la grande protagonista dello spettacolo reso in forma di fabula in musica. Si tratta di un suggestivo intreccio di musica (dirige il maestro Valter Sivilotti) e canto, e di recitazione, affidata al talento di Walter Mramor. L'appuntamento è in cartellone per altripercorsi".

È atteso il ritorno di Milva sul palcoscenico del Politeama Rossetti: avviene con uno spettacolo di grande interesse, tratto dal romanzo di Maurensig La variante di Lüneburg. L'appuntamento è per sabato 10 novembre e domenica 11 (il primo giorno alle 20.30 e il secondo alle 16). Accanto a Milva ci sarà Walter Mramor, l'adattamento teatrale e i testi delle canzoni sono dello stesso autore Maurensig, e musiche originali e la direzione di Valter Sivilotti e prendono parte allo spettacolo l'Orchestra e il Coro ArsAtelier.

«Quale amore o compassione si può provare per un pezzo di scacchi sacrificato al gioco?» la battuta di Frisch, uno dei personaggi centrali de La variante di Lüneburg potrebbe senz'altro apparire, di primo acchito, condivisibile: non c'è rischio, non c'è responsabilità... Perdere una pedina sulla scacchiera significa rifarsi alla mossa successiva; nel peggiore dei casi, perdere quella partita e dover convincere l'avversario a concedere una rivincita. Ma se la metafora della partita a scacchi assume un significato diverso, crudele e sconcertante, allora il gioco non è più leggero.

È quanto ha immaginato lo scrittore goriziano Paolo Maurensig nel suo La variante di Lüneburg, pubblicato nel 1993 e divenuto in breve un best-seller internazionale.

Intrecciando la passione per il gioco degli scacchi a un climax da libro giallo, e a una riflessione invece molto profonda su uno dei periodi più bui della storia dell'umanità - come è stato il nazismo - Maurensig si è rivelato al mondo: il suo romanzo, molto corteggiato dal cinema e dal teatro, è rimasto a lungo lontano da tali dimensioni, per volere dello stesso autore, che non ha mai nascosto di guardare con sospetto a qualsiasi "traduzione altra" rispetto alla complessità della pagina letteraria.

Ma grazie a un affascinante progetto di a.Artisti Associati, La variante di Lüneburg approda ora al palcoscenico in una versione ricca di suggestioni: quella della "fabula in musica". La riduzione è stata firmata dallo stesso Maurensig, autore anche dei testi delle canzoni che tanta parte hanno nell'economia della messinscena.

Dà loro anima la sensibilissima interpretazione di Milva, una raffinata signora della scena italiana e internazionale, interprete appassionata e toccante che attraverso la forza della propria voce ci restituisce a quella capacità di commozione, a quel pathos emotivo, a quel guardare gli eventi del passato con partecipazione, che fa uomini.

Accanto a lei, Walter Mramor interpreta le parti recitate del monodramma, mentre le musiche originali portano la firma di Valter Sivilotti.

A restituire sulla scena in palpabile vibrazione le emozioni del testo, un assieme di voci e strumenti tanto imponente da rendere necessaria la partecipazione di molte realtà della regione, alla realizzazione dello spettacolo, in un'unione artistica e di anime che supera confini storici, geografici e culturali: giusto menzionarle tutte, dall'Associazione ArsAtelier Centro sloveno di Educazione Musicale "Emil Komel" , all'Associazione Culturale "Canzoni di Confine", dalla Glasbena sola Nova Gorica al Kulturni dom di Gorizia, all' U.S.C.I. e al Comune e alla Provincia di Gorizia.

Uno spettacolo dunque composito e di sicuro effetto, per ripercorrere le emozioni de La variante di Lüneburg. Il testo è fondato su un lungo flash back: il giovane narratore, Hans, si assume la responsabilità dell'apparente suicidio di un grande sperto di scacchi, il signor Frisch. Più tardi si scoprirà che anche Hans è un campione di scacchi ed è stato allievo del misterioso Tabori «un uomo che ha giocato all'inferno». L'inferno di Tabori, di famiglia ebrea, è stato quello del lager. Un ulteriore e personale inferno era stata poi la durissima, cinica partita di scacchi in cui aveva dovuto affrontare l'ufficiale nazista Frisch: la posta in gioco allora non erano le semplici pedine sulla scacchiera, ma le vite vere e innocenti di tanti internati, per la cui salvezza Tabori si batte indefessamente in una guerra infinita e tesissima, fino all'arrivo dei russi. Sarà Hans ad accogliere il segreto del maestro, ormai giunto alla fine dei sui giorni, e a spegnere per sempre l'ombra di quell'inferno, inducendo Frisch a togliersi la vita, ancora una volta attraverso una sfida all'ultimo respiro, sulla scacchiera.

I biglietti sono ancora disponibili presso i consueti punti vendita della Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e del Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19) e presso Agenzia Bagolandia (via S.Marco 5, da lunedì a venerdì 9-13 e 16-19; sabato 9-12), Agenzia Pansepol (via del Monte, 2, giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), Agenzia Peekabooh (Muggia, Riva De Amicis, 21, da lunedì a venerdì 9-12.30, 16-19; sabato 9-12) e presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani), San Vito al Tagliamento (Agenzia Medina Viaggi), Udine (Biglietteria del Teatro Nuovo Giovanni da Udine), Venezia (Agenzie IAT di Piazzale Roma, San Marco e Bookshop di Venice Pavillon), Mestre (Agenzia Felicità Viaggi), Vittorio Veneto (Agenzia Medina Viaggi) e Vicenza (Agenzia Vicenza.com) e presso le altre Agenzie del Circuito Charta presenti sul territorio nazionale (elenco sul sito del Teatro). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.ilrossetti.it. e al tel. 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!