The Seven Fingers: "Traces"

Notizia inserita il 31/12/2010

"Il 2011 al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia si apre il 5 gennaio con una prima nazionale: Traces nuovo spettacolo della compagnia canadese "The Seven Fingers". Atletismo e acrobazia, sorpresa, danza, fantasia e tanta poesia si armonizzano in uno show cui va stretta ogni definizione e che sta incantando e lasciando senza fiato il pubblico di tutta Europa. Repliche a Trieste fino a sabato 8 gennaio."

Un grande evento - inserito nel cartellone Musical del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia - apre il nuovo anno sul palcoscenico della Sala Assicurazioni Generali: si tratta di Traces, il nuovo spettacolo della compagnia canadese "The seven Fingers" che approda a Trieste in "prima nazionale".

Traces assicura al pubblico un inizio d'anno "al calor bianco", con un gruppo d'artisti a cui va stretta ogni definizione e capaci di fare veramente tutto, anche di volare.

In scena qualche strumento musicale, due aste alte, una poltrona, stoffa nera, un tavolino... una cornice apparentemente scarna a cui si aggiungeranno pochi altri elementi che mai potrebbero far presupporre il tipo di sorprese a cui Traces condurrà la platea del Politeama Rossetti.

Lo spettacolo infatti, ha fatto il giro del mondo, riscuotendo successi da Parigi a Seul passando per New York e Londra, e lasciando agli spettatori ovunque uno stordimento fatto di poesia, entusiasmo, incanto, divertimento, commozione. Un'emozione a cui si arriva, partendo dalla semplicità, ma attraverso la perfezione di un linguaggio artistico di assoluta suggestione, che connota fortemente la compagnia canadese "Les 7 doigts de la main/ The seven fingers".

Un nome curioso che svela le linee poetiche del gruppo, fondato nel 2002: storpia l'espressione "come le cinque dita della mano" per sottolineare lo stretto legame che unisce le diverse personalità dell'assieme (composto appunto da sette fondatori) portandole a muoversi ed esprimersi in armonia, seguendo un obiettivo comune, e con un affiatamento incredibile.

I loro spettacoli sono un mélange di linguaggi e forme artistiche differenti, adatte al pubblico di ogni età e provenienza, una fusione d'espressioni che ha meritato ammirazione fin dalla prima esibizione. Musica, canto, disegno e chiaramente le acrobazie ad alto voltaggio: è un modo di andare oltre al circo moderno, librarlo verso un orizzonte che non ha confini.

I cinque giovani artisti in scena sono mossi da un "La" iniziale, una motivazione che li protende verso l'incandescente creatività che è il segno di Traces: si trovano in un rifugio di fortuna, fatto di tela e nastro adesivo. C'è infatti una catastrofe annunciata, a cui reagiscono cercando di esprimere e dirsi tutto, senza lasciare nulla d'incompiuto: come se il darsi in modo esuberante l'un l'altro emozioni, racconti, ricordi potesse proteggerli da ciò che li minaccia.

Ecco allora il loro agire. Che parte da ciò che è normale fare alla loro età: suonare il pianoforte, disegnare, giocare a basket, sfrecciare con lo skateboard, leggere un libro, schermirsi fra abbracci e scaramucce d'amore... Ma ognuna di queste azioni prende forme meravigliose, inimmaginabili, che toccano l'acrobazia, si vestono di lirismo, divertono e sorprendono.

Si gioca con l'illusione dei segni e dei corpi, con il sottile limite fra equilibrio e disequlibrio e lo spettatore resta affascinato, incantato da quelle magie.

I corpi degli artisti vengono proiettati sulla scena con un ritmo che non lascia spazio al respiro, sono vettori delle loro stesse pulsioni creative e dei loro desideri, ogni immagine trascolora nell'altra, la dimensione della realtà è sempre più evanescente anche se il legame con l'oggi rimane forte, sempre... E nel vortice in cui ci accompagnano, i cinque artisti di Traces finiscono addirittura per scivolare su altissime aste infischiandosene della gravità, per volare infilandosi in grandi cerchi di metallo, regalandoci una affascinante alternanza di momenti corali e altri dove emerge la personalità di ogni singolo.

Danno tutti prova di un talento e di una capacità di presa del rischio impensabili: in questa affermazione della vita, in questa energia debordante si condensano i battiti del cuore di Traces, che è una performance di pura energia acrobatica e urbana, allegra ed esplosiva ma che si rivela molto più del puro intrattenimento. È poesia, è messaggio, un'iniezione di energia positiva per guardare con speranza al nuovo anno.

I cinque artisti che ammireremo in scena sono Antoine Carabinier-Lépine, Jonathan Casaubon, Gisle Henriet, Geneviève Morin, Julien Silliau.

Traces nuova produzione della compagnia "The Seven Fingers" è realizzato in coproduzione con le Centre National des Arts d'Ottawa con il sostegno del Conseil des Arts et Lettre du Québec e du Conseil des Arts du Canada. Ne sono autori i cofondatori e direttori artistici Shana Caroll, Isabelle Chassé, Patrick Léonard, Faon Shane, Gypsy Snider, Sébastien Soldevila, Samuel Tétreault.

Il tour italiano dello spettacolo è curato da Just In Time.

Traces va in scena alla Sala Assicurazioni Generali del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, da mercoledì 5 a sabato 8 gennaio alle ore 20.30; govedì 6 e sabato 8 gennaio le recite sono anche pomeridiane con inizio alle ore 16. I biglietti ancora disponibili sono in vendita a prezzi che vanno dai 40 ai 16 euro.

Informazioni complete sono disponibili sul sito internet del Teatro www.ilrossetti.it e al numero telefonico 040-3593511.

La Stagione 2010-2011 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!