Trieste, l'aria natia. Con il poeta Claudio Grisancich

Notizia inserita il 02/04/2017

5 aprile 2017
Teatro Bobbio

Per l'ultimo appuntamento con il teatro a leggio mercoledì 5 aprile alle 18 ritorna il poeta Claudio Grisancich con "Trieste, L'aria Natia", la città, la sua anima raccontata attraverso le voci dei suoi poeti.

«Con questo testo - spiega Grisancich - ho voluto comporre un omaggio rapsodico a una città che spesso è stato detto come non sia "una città come le altre: che è bella, diritta, luminosa ma che il dialogo è difficile, che non si sa cosa vogliamo noi triestini, tra vampate storiche e la quieta follia degli intervalli che le dividono; e, chissà, forse in fondo non vogliamo proprio niente, o almeno niente di eccezionale e quindi nemmeno lusinghe e complimenti".

La voce di Libero Mazzi, acuto, sensibilissimo interprete della realtà triestina, ci arriva dai lontani anni 60, ma ancora oggi l'affettuosa sferzata del suo disincanto dà il "la" a un coro di voci (da Saba a "Bobi" Bazlen, da Alberto Spaini a Virgilio Giotti, all'Anonimo Praghese(1836), a Carolus Cergoly, a Giani Stuparich, a "Corrai", a Sergio Miniussi, a Flaminio Cavedali, a James Joyce e a tanti altri ancora) che da vari strati di "passato" (remoto, prossimo e appena di ieri) al graffito incerto del presente... protesta con ossimorica tri(e)ste allegria la sua "aspra e vorace" triestinità.»

Le iscrizioni agli Amici della Contrada sono già in corso presso la biglietteria del teatro Bobbio e continueranno lungo tutta la stagione.

Informazioni: 040.390613; info@amicicontrada.it; www.contrada.it.

La Contrada Teatro Stabile di Trieste - Via del Ghirlandaio, 12

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!