Trieste Calling the Boss festeggia i suoi 6 anni con 5 giorni di musica

Bill Toms

Notizia inserita il 19/04/2017

27 Aprile - 1 Maggio 2017

Trieste Calling the Boss nasce nel 2012 per festeggiare il concerto di Bruce Springsteen a Trieste, da allora la manifestazione diventa un appuntamento fisso che convoglia ogni anno un afflusso di pubblico da città e fuori. La musica fa da collante e punta ad attrarre un pubblico di tutte le età, come avviene ai concerti del Boss.

Diverse le location triestine che ospiteranno il Festival: il Teatro Miela, Serra Hub, la Chiesa Evangelica Luterana, l'Ausonia. Tra gli headliner in cartellone: l'americano Bill Toms, e poi Treves Blues Band, Graziano Romani, Daniele Stallone & His Loud Roll Shuffle, Miami & The Groovers, The Springstreet Band, Francesco Piu, Nashville & Backbones... Numerosi, come sempre, gli artisti locali e nazionali che apriranno gli spettacoli (Basic Us, Andrea Belgrado, Matteo E Basta, Eliana Cargnelutti, Paola Rossato, The Enema Bandits, Road Junkers, Grinders, Frank Get, The Mons, Brazos, The Wooden Brothers, On The Road, Powlean...). Dopo il successo dell'anno scorso si ripete anche il concerto gospel della domenica pomeriggio.

Per info: press@triesteisrock.it

DAY 1

Giovedì 27 aprile 2017

"Come on, we gotta keep on dreaming"

La sesta edizione del Trieste Calling The Boss si inaugura in una location inedita per la manifestazione: la Serra Hub di Via Economo, realtà recente ma già punto di riferimento live della città. La serata avrà un chiaro timbro folk e cantautorale con un primo set dedicato a personali versioni delle canzoni di Bruce Springsteen per poi sfociare nel rock'n'roll e rockabilly con Daniele Stallone & His Loud Roll Shuffle per il gran finale.

ACOUSTIC BOSS - tribute set

ore 20.30 Serra HUB,

Via Economo 12/1 Trieste

FREE ENTRY

  • BASIC US (from Trieste)

Giovanissimo duo triestino: la voce è quella di Giacomo Sasso (classe 1996) mentre alla chitarra c'è Francesco Cenzon (classe 1998). Dicono: «La musica è la nostra passione: amiamo pensare a melodie, testi e nuovi arrangiamenti».

ANDREA "Cipo" BELGRADO (from Trieste)

Chitarrista e cantante triestino, cresce con una particolare predilezione per il Seattle sound degli anni '90. Ha fatto parte di varie band cittadine tra cui i King Bravado e gli Elbow Strike; attualmente è chitarra e voce dei Black Mamba Rockexplosion.

  • MATTEO E. BASTA (from Trieste)

Diplomato in chitarra classica, un cantautore molto preparato musicalmente, che incuriosisce sin dal primo ascolto dei suoi lavori: si va dal rock acustico, a riff elettrici, passando per ballate intime, a pezzi che mostrano chiaramente il notevole background musicale di Matteo.

  • ELIANA CARGNELUTTI (from Udine)

Giovane e grintosa cantautrice, chitarrista di ottima scuola, la nuova speranza del rock blues made in Italy. Vincitrice del Blues Guitar Contest 2010 a Pordenone e del titolo di miglior strumentista blues emergente italiana agli Oscar del blues 2013 di Modena, citata nel 2015 tra le migliori chitarriste rock blues internazionali agli americani Jimi Awards e nominata tra le migliori cinque donne chitarriste dell'anno 2015 dalla rivista americana Blues-E-News. Il suo ultimo cd prodotto è "Girls with guitars 2015", del progetto annuale Blues Caravan, registrato per la Ruf Records, a Nashville, con il produttore storico di Stevie Ray Vaughan e Santana, Jim Gaines.

  • PAOLA ROSSATO (from Gorizia)

Cantautrice goriziana, si è distinta sulla scena della canzone d'autore italiana ricevendo numerosi premi per i propri brani, tra questi: nel 2013 il premio di miglior testo e il secondo posto in classifica a "Botteghe d'autore" con il brano "È ancora casa", con cui ha vinto il premio "Oltremusica" ed è stata finalista al Contursi Festival e al Premio Donida, ha inoltre ricevuto la targa del secondo classificato al prestigioso premio Lunezia con "Infame". Per due volte è stata finalista ad Areasanremo.

HEADLINER

  • DANIELE STALLONE & HIS LOUD ROLL SHUFFLE (from Gorizia)

Gruppo fondato nel 2010 da Daniele Stallone e Norby Violano con alle spalle più di 100 live, anche in Europa e America facendo riscoprire il sound degli anni '50 attraverso i grandi successi del tempo e canzoni originali sempre nello stesso stile. Nel 2014 hanno vinto il concorso europeo Rockabilly Rumble a Pullman City, grazie al quale hanno potuto partecipare come ospiti oltreoceano al Rockabilly Rumble di Philadelphia. Nel 2016 è uscito "Endless Wanderer", un concept album contenente 13 brani che ruota attorno alla tematica di volersi lasciare tutto alle spalle e ricominciare. Preparatevi quindi a un finale dalle sonorità anni '50 con influenze country e blues fino all'elaborata esuberanza funky degli anni '70.

DAY 2

Venerdì 28 aprile 2017

"Come on, we gotta keep the fire burning"

Dopo la serata inaugurale prettamente folk e acustica il secondo appuntamento sarà decisamente rock, con qualche venatura hard e blues. L'inizio sarà affidato a tre band triestine che con personali versioni delle canzoni del Boss scalderanno a dovere il pubblico. Spazio poi ai riminesi Miami & the Groovers, già idoli locali da anni, e al ritorno a Trieste della Bill Toms Band dopo un magnifico concerto in Piazza Verdi due anni fa; un artista che più volte ha diviso il palco con Bruce Springsteen nel New Jersey e che ne ricorda il sound anche grazie allo splendido suono del sassofonista Phil Brontz.

ore 20.30 Teatro Miela

Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste

biglietti:

soci Trieste is Rock: prevendita 5 euro - intero 8 euro

non soci: 8 euro

offerta speciale UNDER 25

per i nati dall'1.01.1992: 3 euro entro le ore 20.45 —> acquistabile solo alle casse del teatro

prevendite:

Sede Trieste is Rock, Via Crosada 3, Trieste orario: lunedì e giovedì dalle 17 alle 19 - martedì dalle 11 alle 12

Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste

Radioattività, Via campo Marzio 6 - Trieste

Biglietteria Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste

In tutti i punti vendita Vivaticket d'Italia

ONLINE su www.vivaticket.it

ELECTRIC BOSS - tribute set

THE ENEMA BANDITS PLAY THE MUSIC OF FRANK ZAPPA (from Trieste)

Band nata nel 2015 dall'idea di Jacopo Tommasini e Pietro Ieraci, due zappiani incalliti che hanno riunito sette giovani musicisti dai 20 ai 27 anni provenienti da Trieste e dintorni. Il progetto solitamente ripropone le canzoni rese celebri da alcuni dei più grandi gruppi capitanati da Frank Zappa ma solo per una sera si cimenterà con la E Street Band di Bruce Springsteen, in puro Zappa Style!

  • ROAD JUNKERS (from Trieste)

I Road Junkers nascono nel 2013 per omaggiare le grandi rock band degli anni 70-80 e i loro indimenticabili successi. Esibizioni energiche e divertenti riportano ai fasti dell'hard and blues più raffinato e sanguigno, senza tralasciare momenti più heavy oriented.

  • GRINDERS (from Trieste)

Nascono nel 2006 come cover band di AC/DC, Judas Priest, ZZ Top e gruppi simili e con il tempo sviluppano un repertorio di inediti, orientandosi su potenti riff rock'n'roll e venature blues che si concretizzano nell'uscita di un ep e nel 2015 di un cd intitolato "Beer on Venus".

HEADLINER

  • MIAMI & THE GROOVERS (from Rimini)

L'Emilia Romagna è fucina di moltissimi artisti e gruppi di chiara matrice rock e tra questi ci sono i Miami & the Groovers, una delle rock band indipendenti più apprezzate e seguite in Italia.

Fondata nel 2000 da Lorenzo Semprini, leader, autore e cantante, hanno prodotto quattro album in studio ("Dirty Roads" 2005, "Merry go round" 2008, "Good things" 2012, "The Ghost King" 2015), un box live cd/dvd ("No way back" 2013), due ep ("Are you ready?" 2008, "Biancorosso" 2011), ricevendo ottime critiche ed un appassionato seguito di pubblico. La vena bluesy di Alessio Raffaelli (piano e fisarmonica), le chitarre Clash di Beppe Ardito, la ritmica solida di Marco Ferri (batteria) e Luca Angelici (basso) insieme alla voce, armonica e chitarra di Lorenzo Semprini sono un mix esplosivo dal vivo. E il pubblico triestino lo sa bene visto che dal 2006 sono arrivati in città con cadenza quasi annuale.

BILL TOMS (from USA)

Difficilmente nella East Coast americana troverete una rock'n'roll bar band più potente e incisiva di quella di Bill Toms. Ex chitarrista degli Houserockers (la storica band di Joe Grushecky che spesso ha accompagnato Springsteen), Bill Toms torna a gran voce a Trieste (dopo Piazza Verdi a luglio 2015) con il suo mix di soul, blues e rock da acciaieria per i suoi show carichi di entusiasmo e di passione, accompagnato dall'amico Phil Brontz al sassofono, ma anche da due pilastri inamovibili delle sue esperienze italiane ed europee, come Simone Masina al basso e Antonio Perugini alla batteria.

Toms è un frontman vero, onesto, e pienamente dedito all'arte del rock'n'roll, difficilmente si esce dai suoi spettacoli senza un sorriso vistoso sulla faccia.

DAY 3

Sabato 29 aprile 2017

"Come on, we gotta keep the light burning"

La terza sera è quella più "old time rock'n'roll": due istituzioni della storia musicale rock/ blues italiana saliranno sul palco del Teatro Miela in una serata che potrebbe regalare grandi sorprese. Graziano Romani presenterà in anteprima mondiale il disco «Soul Crusader Again: the songs of Bruce Springsteen» in cui ri-arrangia in chiave soul dei pezzi nascosti della discografia del Boss mentre Fabio Treves ripercorrerà oltre 40 anni di carriera (spesi anche accanto a grandissimi nomi di livello mondiale). Ad aprire la serata il triestino Frank Get e il friulano Anthony Basso che ci regaleranno un inedito duo acustico.

ore 20.45 Teatro Miela

Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste

biglietti:

soci Trieste is Rock: prevendita 10 euro - intero 12 euro

non soci: 12 euro

prevendite:

Sede Trieste is Rock, Via Crosada 3, Trieste orario: lunedì e giovedì dalle 17 alle 19 - martedì dalle 11 alle 12

Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste

Radioattività, Via campo Marzio 6 - Trieste

Biglietteria Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, Trieste

In tutti i punti vendita Vivaticket d'Italia

ONLINE su www.vivaticket.it

OPENING ACT

  • FRANK GET & ANTHONY BASSO (from Friuli Venezia Giulia)

Un inedito duo giuliano/friulano ci regalerà un'apertura di serata di assoluto valore:

Il rocker triestino Franco Ghietti, in arte Frank Get, nome da lui astutamente scelto perché il suo cognome è impronunciabile all'estero, è sulle scene da più di trent'anni, tutti spesi suonando in giro per il mondo. Frank Get è salito sul palco per la prima volta nel 1979 e da allora non ha più smesso. Un artista capace di coniugare il rock nelle sue molteplici sfaccettature, senza mai dimenticare le proprie origini e la propria storia. E' stato l'unico artista triestino a suonare più volte al Light of Day Benefit nel New Jersey, evento nato dall'impulso del Boss e a cui partecipa quasi ogni anno.

Il chitarrista udinese Anthony Basso, vero enfant prodige della scena chitarristica rock blues friulana: ha debuttato infatti su un palcoscenico a soli undici anni. Conosciuto per essere stato per otto anni la chitarra dei Wind, la storia artistica di Basso è costellata da concerti in vari parti del mondo e collaborazioni con musicisti di fama internazionale come Allman Brothers Band, Gov't Mule, Deep Purple, Whitesnake, tanto per menzionare alcuni nomi. Ha anche lui calcato il palco del Light of Day Benefit nel New Jersey.

HEADLINER

  • GRAZIANO ROMANI & BAND (from Reggio Emilia)

Cantautore rock di Casalgrande, band leader e saggista, considerato fin dagli anni Novanta dalla critica musicale specializzata la "miglior voce rock & soul in assoluto della scena musicale italiana", autore poliedrico e particolarmente produttivo.

Leader, voce e fondatore dei Rocking Chairs (gli altri musicisti del gruppo avrebbero in seguito costituito la band di Luciano Ligabue), Romani è ormai salito a 22 album complessivi grazie all'ultimissimo "Soul Crusader Again: the songs of Bruce Springsteen", un nuovo capitolo dell'album che reinterpreta in chiave soul le gemme più nascoste della discografia del Boss e che vivrà un'anteprima mondiale proprio al Teatro Miela.

Graziano ha avuto tante esperienze artistiche, da solista in italiano e in inglese, nonché numerose altre collaborazioni: Megajam 5 e Souldrivers su tutte, senza dimenticare il Gruppo Misterioso con Elio e le Storie Tese del quale era il "cantante misterioso".

E' stato inoltre uno dei pochissimi artisti italiani di settore a godere di reale credibilità all'estero, forte di solide amicizie e nobili collaborazioni (da Elliott Murphy a Willie Nile e Robert Gordon), dividendo perfino il palco con Willy Deville e Ian Anderson; nel 1987 è stato anche il primo italiano a incidere una cover di Springsteen ("Restless nights"), l'unico artista europeo a essere presente su entrambi i tributi mondiali a Bruce e primo in assoluto ad aver dedicato un album intero al collega di Freehold ("Soul crusader" del 2001).

Voce straordinaria, polistrumentista (chitarra, armonica e flauto in particolare), scrittore, produttore ed editore discografico, è tanto minuzioso in sala di incisione quanto straripante sul palco dove detta legge tanto nelle soluzioni elettriche full band quanto in quelle acustiche, in trio o anche solitario.

  • TREVES BLUES BAND (from Milano)

L'avventura della Treves Blues Band nasce nel 1974 quando un giovane armonicista di Lambrate decide di partire con una "missione impossibile": divulgare i valori del blues, la sua storia e i suoi grandi interpreti. L'armonicista in questione è Fabio Treves, da qui in poi ribattezzato il "Puma di Lambrate", che con la sua band ha viaggiato in lungo e in largo per l'Italia e per il mondo e ha tenuto alta la bandiera del blues italiano. I suoi concerti sono un viaggio nella storia di questa musica, dai primi canti di lavoro a quello arcaico e campagnolo, dal blues elettrico di Chicago a quello più moderno.

Nel corso della sua carriera ha collaborato con diverse leggende del blues come Chuck Leavell, Mike Bloomfield, Roy Rogers, Dave Kelly, Willy DeVille, John Popper, Warren Haynes e molti altri, ed è l'unico artista italiano ad aver suonato sul palco con il grande genio Frank Zappa. Il Puma ha prestato la sua armonica anche a molti artisti italiani, suonando nei loro dischi: Branduardi, Elio e le Storie Tese, Finardi, Bertoli, Graziani, Ferradini, Cocciante...

Nel 2011 Treves ha realizzato il suo progetto di un nuovo spettacolo musicale "Blues in Teatro": una scommessa vinta alla grande e un tour indimenticabile che ha portato nei teatri di tutta Italia quasi 4000 persone.

Nel 2014 la TBB ha festeggiato i suoi 40 anni con un tour teatrale di grande successo che ha inanellato una serie di entusiastici sold out. Il concerto conclusivo di questo storico "Tour dei 40 anni" si è tenuto all'Auditorium di Milano davanti ad oltre 1000 spettatori, un vero evento musicale impreziosito dalla partecipazione di musicisti amici del Puma, come Eugenio Finardi, Stef Burns, i musicisti di Elio e le Storie Tese, Paola Folli, che hanno voluto festeggiare con lui questo storico traguardo.

Il 7 dicembre 2014 a Fabio Treves è stato conferito l'Ambrogino d'Oro, importante onorificenza del Comune di Milano e la sua foto è stata inserita dalla rivista "Rolling Stones" nel numero di febbraio 2015 intitolato "Le 100 facce della musica italiana".

Nel 2015 la TBB ha fatto da supporter ai Deep Purple nel loro tour italiano e nel 2016 la band è stata eccezionale opening-act al concerto di Bruce Springsteen al Circo Massimo di Roma il 16 luglio.

DAY 4

Domenica 30 aprile 2017

"I wanna see you smile"

Penultima giornata: si parte nel pomeriggio con la seconda edizione di "C'mon rise up - rock meets gospel", il suggestivo ed emozionante evento in chiesa con il coro gospel ad accompagnare gli artisti; la sera spazio alla tribute band che quest'anno vedrà il ritorno della Springstreet Band di Torino, ma non saranno i soli protagonisti della serata: ci saranno infatti anche i giovanissimi The Mons da Torino e gli idoli locali Brazos Black Suit Trio.

C'MON RISE UP vol. 2

ROCK MEETS GOSPEL

ore 15.00 Chiesa Evangelica Luterana

Largo Panfili 1, Trieste

biglietti:

soci Trieste is Rock: 12 euro

non soci: 14 euro

prevendite:

Sede Trieste is Rock, Via Crosada 3, Trieste orario: lunedì e giovedì dalle 17 alle 19 - martedì dalle 11 alle 12

Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste

Il gospel è una delle fonti d'ispirazione del rock'n'roll che a sua volta porta con sé questa dimensione di fervore e spiritualità fortemente influenzata dalla cultura afroamericana; una carica emozionale evocativa all'origine della storia musicale che traspare viva dalle note di Aretha Franklin o Elvis Presley.

Springsteen raccoglie queste radici e trasmette tutto questo nel suo rock, facendo dei suoi concerti e della musica un momento di unificazione, un cerimoniale, un rito collettivo. "C'MON RISE UP - Rock meets Gospel", nasce per raccontare questo aspetto del rock. Nella perfetta cornice della Chiesa Evangelica, con le sue bianche facciate in pietra carsica e il suo stile neogotico, il coro gospel Soul Circus diretto dal Maestro Massimo Devitor accompagnerà le esecuzioni di numerosi artisti che si alterneranno con brani di Bruce e di altri artisti del mondo del rock a cui il Boss negli anni ha voluto rendere omaggio.

Cantanti: Renato Tammi, Raffaele Pastore, Massimo Devitor, Powlean, Anthony Basso, Frank Get, Daniele Stallone

Backing band: Gateano Pastore, Giulio Scaramella (piano), Antonio Tedde (chitarra), Diego Alloj (sax), Sebastiano Frattini (violino), Marco Vattovani (percussioni)

THE LAST NIGHT

ore 20.30 Ausonia Beach Club

Riva Traiana 2, Trieste

consumazione obbligatoria 7 euro

entrata libera tra le 20 e 20.20

OPENING ACT

  • THE MONS (from Torino)

I Mons nascono nei primi mesi del 2015. Il nome prende spunto dalla loro canzone preferita "Snow" (Red Hot Chili Peppers) ma vista rovesciata. I gusti musicali tendenti al punk-rock portano i Mons ad eseguire numerose cover dei Ramones, Green Day, Red Hot Chili Peppers e Rage Against the Machine. Tutto questo non è più sufficiente per loro ed iniziano a scrivere brani inediti, fino all'uscita del loro primo EP datato febbraio 2016.

  • BRAZOS BLACK SUIT TRIO (from Trieste)

Giovane trio rockabilly blues di Trieste, ormai un'istituzione cittadina grazie ai numerosi concerti: dal palco di Piazza Unità per la Barcolana a quello del Teatro Verdi di Muggia per il Light of Day Benefit passando per numerosi live svolti lungo le strade cittadine.

La formazione è nata da un'idea del chitarrista e cantante Bobby Brown ed il contrabbassista Tramp Soul Simon che iniziarono ad esibirsi nelle strade di Trieste, dove in occasione di un concerto si aggiunse il batterista Mathias Slim Butul dando così vita al trio. Per un paio d'anni si aggiunge Paul all'armonica e girano in quartetto, per poi ritornare al trio originale.

Le loro fonti d'ispirazione sono artisti quali Gene Vincent, Eddie Cochran, Stray Cats, Gov't Mule ed Allman Brothers proponendo un suono originale basato sul rock'n'roll degli anni 50.

HEADLINER

  • THE SPRINGSTREET BAND (from Torino)

Born to Run & Born in the Usa from start to finish SHOW

Una tribute band di Torino formata da otto elementi ad alto impatto scenico e sonoro, una voce che ricorda lo Springsteen degli anni '70. Un pianoforte ed un Hammond rendono piena giustizia all'atmosfera creata dalla E-Street Band. La sezione ritmica composta da basso e batteria che rappresenta il cuore pulsante del rock del Boss. Tre chitarre che si alternano in strepitosi "soli" con raffinatezza e maniacale ricerca del giusto sound. Un sax tenore che sia per dimensioni sia per timbrica ricorda il Clarence Clemons degli anni 70/80. Hanno avuto l'onore di esibirsi con Vini Lopez, il primo batterista della E Street Band!

Non ci sarà miglior modo per tornare con la mente e il corpo ai grandi live di Bruce Springsteen & the E Street Band: la band infatti eseguirà interamente e secondo la sequenza delle canzoni gli album "Born to run" del 1975 e "Born in the Usa" del 1985.

DAY 5

lunedì 01 maggio 2017

"Come on dream on, dream baby dream"

Il festival vivrà la sua giornata conclusiva ma lo farà nel suo stile: cibo e musica! E che musica... Una grigliata del primo maggio in riva al mare accompagnerà un vero festival nel festival, artisti locali e artisti di rilevanza nazionale che creeranno una colonna sonora rock'n'roll, country, blues, folk di altissima qualità. Perché il Calling the Boss ogni giorno riserva grandi sorprese!

ROCK'N'GRILL

ore 12.00 Stabilimento Balneare Ausonia

Riva Traiana 2, Trieste

fino alle ore 16 entrata riservata a chi pranza

  • Grigliata carne: carne mista + dolce + birra da 0,40: 20€

  • Grigliata vegetariana: verdure grigliate + frittata + dolce + birra da 0,40: 20€

  • Grigliata Bambini: cevapcici + patatine fritte + bibita: 12 €

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA PER GARANTIRSI IL POSTO: associazione.tsrock@gmail.com

dalle ore 16 entrata con consumazione obbligatoria 5 euro

  • THE WOODEN BROTHERS (from Torino)

I Wooden Brothers nascono a Torino nell'autunno del 2014 da un'idea di Renato Tammi e Antonio Tedde, che oltre ad essere amici di lunga data suonano insieme in parecchie tribute band, ormai presenti da diversi anni nel panorama italiano, che spaziano da Bruce Springsteen, ai Rolling Stones. Il progetto Wooden Brothers si discosta però dall'idea di cover band, l'intenzione principale è infatti la proposta di materiale inedito, brani personali che si potrebbero definire Folk'n'Roll, difficili però da incasellare in un genere poiché le influenze oltre ad essere spiccatamente folk hanno derive blues, ma c'è anche molto del country e del rock'n'roll.

A settembre 2016 è arrivato l'esordio discografico con un disco composto esclusivamente da canzoni scritte e arrangiate dai membri della band col supporto dell'etichetta indipendente GoodLuck Factory.

  • ON THE ROAD (from Trieste)

Band nata durante una serata del 2011, dall'idea di tre amici ventenni: Giacomo Colombin, Giacomo Ricardi e Jacopo Starini con solo 2 chitarre e alcune percussioni, stupendo i passanti per il fatto che ragazzi così giovani avessero scelto di riprodurre brani d'epoca di artisti come i Beatles, Elvis Presley, Bob Dylan, Johnny Cash, Neil Young, Eric Clapton, così come canzoni di artisti moderni come U2, Oasis, Kasabian, Coldplay.

Negli anni, con alcuni cambi di formazione e molti concerti anche lungo le strade, la band ha trovato la sua conformazione definitiva che ha portato a registrare il primo disco in studio uscito a dicembre 2015 e intitolato "We'll be back sometimes".

  • POWLEAN (from Trieste)

Nato a Trieste nel 1973, è cresciuto ascoltando quasi esclusivamente interpreti americani, da Neil Young a Springsteen a Johnny Cash. A 20 anni attraversa l'America in bus da costa a costa. Rientrato in Italia, inizia ad esibirsi nel sottopassaggio della stazione con chitarra e armonica riscuotendo grandi apprezzamenti e riuscendo a guadagnare abbastanza per comprare una chitarra e un impianto. Un percorso fatto di viaggi oltreoceano e grandi riconoscimenti anche in Italia dal '98 ad oggi, ormai trasferito a Fuerteventura ma senza disdegnare qualche tour in Italia o Europa un paio di volte all'anno.

  • FRANCESCO PIU (from Sassari)

Il futuro del blues italiano arriva dalla Sardegna. Questo giovane chitarrista autodidatta, armonicista e cantante, presentandosi in versione solitaria ha già saputo stupire gli spettatori di festival prestigiosi quali l'International Blues Challenge di Memphis e il Pistoia Blues. Ha aperto per il padre del british blues John Mayall e duettato con un artista del calibro di Tommy Emmanuel.

Una miscela esplosiva di blues, funky e soul in chiave acustica, questa la formula magica del sound di Francesco Piu, un prodigioso one man band che viene definito dalla rivista Guitar Club "una vera e propria forza della natura!" e che a Trieste si presenterà assieme al suo fido batterista.

Accompagnando la propria voce con strumenti quali chitarra acustica, dobro, weissenborn, banjo, lap steel e armonica, questo bluesman sardo si è ritagliato uno spazio di rilievo nel panorama del blues italiano ed internazionale.

Ha Partecipato ai più importanti festival del genere (IBC Memphis, Blues to Bop, Pistoia Blues, Narcao Blues, Blues en Bourgogne, Trasimeno Blues, Magic Blues, Santa Blues de Tenerife, Blues au Chateau, Salaise Blues, Rootsway per citarne alcuni) ed ha aperto anche concerti per grandi artisti quali Jimmie Vaughan, Robert Cray, Johnny Winter, John Mayall, Charlie Musselwhite, The Derek Trucks Band, The Fabulous Thunderbirds, Sonny Landreth, Joe Bonamassa, Larry Carlton e calcato il palco con artisti del calibro di Tommy Emmanuel, Eric Bibb, Roy Rogers, Guy Davis, Sandra Hall, Kevin Welch, Andy J.Forest, Watermelon Slim, Fabio Treves, Davide Van De Sfroos, Sugar Blue, Eugenio Finardi e molti altri.

  • NASHVILLE & BACKBONES (from Rimini)

Attivi fin dal 1998, prima come duo, poi come Nashville Trio, ampliano ulteriormente la formazione nel 2011 quando decidono di entrare in studio per registrare il primo album di inediti ("Haul In The Nets"), assumendo l'attuale nome definitivo.

Le origini del loro sound sono nella west coast americana, quella di artisti come Eagles, Creedence Clearwater Revival, America, CSN&Y. Ma non si ferma lì. Radici nel passato e sguardo al futuro, per un folk/country dalle forti tinte pop e rock, senza mai rinunciare alla sperimentazione e alla contaminazione.

L'ormai lunga e consolidata esperienza live li rende una delle band più interessanti da vedere dal vivo; nei loro concerti c'è spazio per il divertimento fine a se stesso così come per un ascolto più attento alle sfumature e ai colori cangianti.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!