Trieste Novecento

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Trieste: una città da vedere, una città da scoprire
Trieste Novecento: tra Letteratura e Architettura

La manifestazione "Alla scoperta delle città" organizzata da Itineraria, l'Associazione Guide Turistiche Autorizzate per la Regione FVG, sabato 2 settembre fa tappa anche a Trieste.

A partire dalle ore 18.30, da piazza Ponterosso, la visita si snoderà attraverso largo Riborgo e piazza della Borsa fino a piazza Unità d'Italia e Cavana.

Da www.itinerariafvg.it:

Un'incantevole passeggiata attraverso il centro storico della città di Trieste permette di riscoprire i luoghi che segnarono la grande architettura del '900 e insieme di ripercorrere le tappe che furono fonte d'ispirazione di alcuni tra i maggiori protagonisti della letteratura europea di questo secolo.
L'apertura al libero commercio, iniziata con la Proclamazione del Porto Franco di Trieste nel 1717, il conseguente sviluppo urbano e le patenti di libertà di culto concesse dall'illuminata Maria Teresa d'Austria, attirarono a Trieste genti e comunità diverse che portarono con sé la ricchezza della propria cultura d'origine, lingua e religione. Trieste sviluppa così durante tutto l'Ottocento l'aspetto cosmopolita che le è congeniale, che ancora oggi è testimoniato dalla presenza di magnifiche chiese appartenenti a confessioni diverse e che agli inizi del Novecento raggiunge un apice umano, sociale e culturale irripetibile.
Rileggendo le vivide pagine degli scrittori che vi abitarono, operarono e l'amarono, da Italo Svevo e Umberto Saba, James Joyce, ma anche Sigmund Freud, Carlo e Giani Stuparich, per giungere fino a Fulvio Tomizza e Claudio Magris si rivive l'intensa atmosfera di quel momento fantastico della sua storia. Nei loro scritti l'itinerario letterario si fonde con quello storico, quello architettonico con l'urbanistico. Così, dall'elegante Casa Bartoli (1905 - 1906) di Max Fabiani, a Palazzo Aedes (1928) di Arduino Berlam, a largo Riborgo, il cuore della "città vecchia" che a partire dagli anni Trenta viene rinnovato per diventare la "città nuova", e ancora l'Idroscalo, la Stazione Marittima e il Molo Bersaglieri, Trieste è una città che in ogni tempo e "in ogni parte è viva" come nei versi stupendi di uno dei suoi figli prediletti.

Per informazioni e prenotazioni:
ITINERARIA
via Ermes di Colloredo, n.11/8, 33100 Udine
telefono: 347-2522221
e-mail: itineraria@itinerariafvg.it
sito web: www.itinerariafvg.it

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Turismo'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!