L'azalea della ricerca e il "sacrificio" dei topi

Azalee ricerca AIRC e sperimentazione animale

Notizia inserita il 13/05/2019

Articolo tratto da AgireOra Network

Ieri, domenica 12 maggio, l'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, AIRC, ha venduto nelle piazze le sua azalee: purtroppo i proventi raccolti non vanno solo a finanziare la ricerca scientifica, ma anche la vivisezione.

Ce lo conferma AIRC stessa con un recentissimo comunicato stampa, che però tace dell'utilizzo di topi e del loro "sacrificio" a 12 settimane di vita: parlano sì di esperimenti su animali, ma citano solo il moscerino della frutta come animale utilizzato. Una volta non si facevano problemi a citare gli esperimenti sui topi... ora lo ritengono un problema d'immagine? Si vede che i tempi sono cambiati, allora è proprio il caso di aumentare la pressione e le proteste.

Ecco le loro parole:

"Grazie ai risultati di uno studio sostenuto dalla Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro, pubblicati recentemente sull'autorevole rivista scientifica Nature Communications, stanno emergendo interessanti informazioni sulla relazione causa-effetto che intercorre tra la rigidità cellulare e il metabolismo dei lipidi. [...] I risultati sono stati ottenuti con esperimenti in cellule di epitelio mammario umano, di fegato e polmone e in studi con animali di laboratorio come il moscerino della frutta Drosophila melanogaster."

Andando a leggere l'articolo originale si scopre invece che, oltre alle colture cellulari umane, che sicuramente danno risultati applicabili agli esseri umani, i ricercatori hanno sprecato tempo, soldi e soprattutto vite, a fare esperimenti inutili anche sulle cellule dei topi, uccidendoli appositamente. O meglio, "sacrificandoli", come dicono loro: il linguaggio usato dai vivisettori è questo, da sempre. Loro non uccidono, "sacrificano", come fossero sacerdoti di una religione cruenta.

Leggiamo che sono state usate "le ghiandole mammarie di topi femmina vergini di età di 8-12 settimane", e che "il fegato è stato rimosso velocemente da topi eutanasizzati e i tessuti sono stati finemente macinati con le forbici e lavati per rimuove i coaguli di sangue". E ancora, che cellule staminali "sono state isolate da topi di 12 settimane. I topi sono stati anestetizzati, sacrificati e i loro femori sono stati prelevati".

Certo l'AIRC preferisce non parlare di questi "sacrifici animali" nei suoi comunicati e limitarsi a parlare del moscerino della frutta, che non suscita empatia. Ma perché mai uccidere i topi per prelevarne le cellule, quando il resto della ricerca si è svolto su cellule umane? Bastava così poco per rendere questa ricerca del tutto cruelty-free e scientifica...

Per fermarli, bisogna toccarli sul portafoglio: niente azalee, niente donazioni, fino a che non smetteranno di finanziare i "sacrifici animali".

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Natura e Animali'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!