Ma no iera mejo se stavimo a casa?

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

XIV FESTIVAL INTERNAZIONALE AVE NINCHI

Proseguono gli spettacoli del "XIV Festival Internazionale AVE NINCHI Teatro nei Dialetti del Triveneto e dell'Istria" de L'ARMONIA.

Venerdì 15 dicembre 2006, alle ore 20.30, al Teatro MIELA di Trieste, il Gruppo PROPOSTE TEATRALI - F.I.T.A. (Trieste) metterà in scena la C

Siamo davvero tutti matti? E la fedeltà esiste ancora? MA NO IERA MEJO SE STAVIMO A CASA? Una fredda serata invernale a casa del dottor Frausin, uno psicanalista. Una cena con i suoi pazienti che egli organizza annualmente. Quest'anno però gli ospiti inaspettatamente si moltiplicano ed il clima, tra frecciatine e doppi sensi, si fa sempre più intrigante nella comica corsa verso il colpo di scena finale.

Ancora una volta il Gruppo PROPOSTE TEATRALI del CRAL Poste Trieste - F.I.T.A. presenta una storia piena di gag, di ironia e di follia, con personaggi, alla ricerca di sensazioni originali, che peggio assortiti non potrebbero essere. L'amore comunque trionferà come sempre accade nelle storie a lieto fine.

Domenica 17 dicembre 2006, alle ore 17.30, sarà la volta della Compagnia Teatro Veneto CITTA' DI ESTE - F.I.T.A. (Vittorio Veneto - TV) con la commedia veneta in tre atti di Enzo Duse "VIRGOLA", regia di Alberto Barbatella, direzione artistica a cura di Stefano Baccini.

In casa degli anziani fratelli Virgola (negli anni attorno alla seconda guerra mondiale) da un paio di giorni continuano ad arrivare telegrammi. Ritenendoli corrispondenza d'ufficio di Giacomo - titolare della fabbrica di conserve "VIRGOLA", fuori casa da alcuni giorni - Memi e Betta li depositano come d'uso sulla sua scrivania. I telegrammi annunciano però la morte, per incidente stradale, proprio di Giacomo. L'imprenditore in realtà non era in viaggio per affari, come si riteneva; ma per Luisa, una vedova "consolabile". Per testamento, i Virgola superstiti - all'oscuro della lunga relazione del fratello - sono ora tenuti ad accogliere in casa Luisa e la cospicua "eredità d'affetti" di Giacomo (ossia vari bambini), oltre che accollarsi i debiti della fabbrica. L'abulica esistenza di Memi Virgola, allergico a tutto ciò che sa di responsabilità, è scossa alle fondamenta. A seguito del suo sostanziale rifiuto di condurre la fabbrica ereditata, lo scaltro avvocato Bertoldi - esecutore testamentario - e il Direttore dell'azienda cercano di approfittare della situazione. Intuito l'intrallazzo, il vecchio amico di casa Vittorio spinge Memi con tutte le forze a reagire alla sua indolenza....

Il Festival, ad ingresso gratuito, si svolge con il contributo e il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con il patrocinio del Comune di Trieste e della Provincia di Trieste.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!