The Blues Brothers

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

The Official Tribute to The Blues Brothers

John Belushi e Dan Aykroyd: un'accoppiata di grande successo. Chi non conosce infatti i Blues Brothers, diventati un mito della storia del cinema?

Ma un'accoppiata vincente è anche quella data dalle musiche e i ritmi della colonna sonora e il London Musical Theatre (che gli affezionati spettatori del Rossetti ricorderanno per la recente produzione del The Rocky Horror Show, riproposto nella nostra in città con grande successo 5 volte in 7 anni).

Grande spettacolo quindi e grande musica il 16 marzo con canzoni del calibro di "Soul Man" o "Everybody needs Somebody".

per saperne di più:

Comunicato stampa Stabile FVG

"The official tribute to... The Blues Brothers è il musical che contagerà d'entusiasmo il pubblico del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia giovedì 16 marzo. La musica e lo stile dei Blues Brothers e una colonna sonora punteggiata dai più leggendari successi del Rhythm & Blues saranno protagonisti assoluti della serata."

Cappelli, cravatte, vestiti neri, occhiali da sole, la battuta pronta e un irresistibile talento per la musica... Gli indimenticabili Blues Brothers sono vere e proprie icone nel mondo dello spettacolo e della musica: ritornano ora in musical al Politema Rossetti per una sola serata programmata "fuori abbonamento" nella stagione del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia.

Appuntamento dunque giovedì 16 marzo alle ore 20.30 per lasciarsi contagiare dall'entusaismo e dal ritmo incalzante di The official tribute to... The Blues Brothers.

Il musical propone due ore intensissime di spettacolo, divertente e impreziosito da una colonna sonora eccellente, dove spiccano oltre venti leggendari successi del Rhythm & Blues e del Soul fra cui Sweet Home Chicago, Soul Man, Think, Minnie the Moocher, Gimme Some Lovin' e l'immancabile Everybody Needs Somebody... Il tutto interpretato ed eseguito rigorosamente dal vivo grazie a una band di sei elementi, a cui si aggiungono tre coristi (I Bluettes) e ovviamente il talento di Jake ed Elwood Blues, i Blues Brothers e impreziosito dall'apporto di un disegno luci di grande impatto, curato da Patrick Woodroffe ha ricevuto una nomination per l'Oliver Award... Uno spettacolo divertente e delizioso che promette di non far rimpiangere le atmosfere del celeberrimo film.

La trama dello spettacolo è pretesto per creare musica e divertimento: Jack e Elwoood Blues, due spericolati fratelli dal burrascoso passato, devono recuperare in poco tempo i cinquemila dollari necessari per pagare le tasse arretrate dell'orfanotrofio nel quale sono cresciuti ed evitarne così la chiusura.

I due decidono quindi di riunire i vecchi componenti della loro band musicale e organizzare un concerto. Ma l'impresa si rivela più difficile del previsto, soprattutto quando si è braccati dalla polizia e da una ex moglie abbandonata pronta a vendicarsi...

Sul palcoscenico i due protagonisti avranno il volto di Brad Henshaw (Joliet Jack Blues) e David Stoller (Elwood Blues): entrambi inglesi, i due protagonisti assomigliano allo storico duo non tanto dal punto di vista fisico, quanto nel feeling, nel muoversi energicamente e nel talento canoro.

Brad Henshaw ha iniziato la sua carriera cantando in alcune band di Birmingham. Dopo aver formato due band, si è unito agli UB 40 e ai Fine Young Cannibals. Ha recitato nel ruolo di Joliet Jake Blues sia nel tour inglese che in quello europeo e ha ottenuto un grande successo nelle otto settimane all' Apollo Theatre, nel West End (stagione 1996/97).

David Stoller si è laureato all'Università dell'Hertfordshire nel 2000 ed ha ottenuto il Sir Nigel Hawthorne Award come miglior studente dell'anno. Apparso ripetutamente in varie produzioni teatrali, cinematografiche e televisive, è alla sua seconda tournée europea con The official tribute to The Blues Brothers, interpretando però per la prima volta e con passione il ruolo di Elwood.

Assieme ai Blues Brothers è impossibile non scatenarsi: Jake ed Elwood hanno composto una miscela esplosiva di due generi musicali, il Rhythm & Blues ed il Soul.

Due generi che nascono dal Blues, che a sua volta trae le sue radici dai malinconici canti di lavoro e religiosi degli schiavi neri. Il Blues però non è necessariamente triste, è piuttosto l'espressione musicale delle esperienze sociali e culturali degli afro-americani: un mezzo di comunicazione che poteva esprimere allo stesso modo la durezza e la sofferenza del ghetto come la gioia delle celebrazioni o la speranza per tempi migliori.

Negli anni Quaranta alcuni fondamentali cambiamenti influenzarono il Blues, rendendolo adatto e fruibile ad un pubblico più vasto. La naturale evoluzione fu il Rhythm & Blues: un genere meno solenne, adatto anche ad accompagnare occasioni d'intrattenimento e balli. Da allora il Blues ha influenzato tutte le successive forme musicali come il Rock'n Roll e la musica Rock odierna. Band come i Rolling Stones e i Beatles hanno molti elementi di Blues nei loro brani.

Anche il Soul trae le proprie origini dal Blues, e dal Gospel, l'emozionante musica religiosa nera. Il Soul contribuì ad instillare negli afro- americani un nuovo orgoglio razziale negli anni Cinquanta e Sessanta. Questo nuovo modo di pensare non era espresso in maniera sottile ma gridato in una forma estrema di orgoglio e solidarietà. Per questo i critici talvolta trovarono che il Soul era troppo rumoroso e volgare, troppo tempestoso ed emotivo.

Fra i brani che saranno interpretati nel corso dello spettacolo, alcuni titoli meritano senz'altro una particolare attenzione: fra essi Soul Man, che nel 1967 era cantata da Sam & Dave, un duo soul nero di Memphis. Samuel Moore e Dave Prater attirarono l'attenzione soprattutto per i loro fastosi spettacoli che potevano contare fino a trentacinque artisti e oltre cento costumi. Combinavano sul piano musicale i principi del Gospel e del Blues. Dopo una serie di successi, il duo si sciolse nel 1970. Un anno dopo tentarono una riunione che però ebbe esiti negativi. Fu solo con la versione di The Blues Brothers che Sam & Dave riguadagnarono popolarità. Negli anni Ottanta si esibirono sia individualmente che come duo.

Un'altra pietra miliare è Everybody Needs Somebody, grande successo del "re del Rock'n Soul" Solomon Burke. Burke nacque a Filadelfia nel 1936 e affascinò le platee già in giovane età con la sua voce potente. Nel 1955 Burke iniziò a registrare brani religiosi e secolari. Presto dedicò sempre meno attenzione allo stile Gospel e divenne un maestro di ballate Blues-Soul e di esplosivi numeri di ballo. L'influenza di Burke fu enorme sui Rolling Stones, Tom Jones e altre star. Negli anni Settanta, mentre la sua carriera sfumava lentamente, Burke riprese a dedicarsi al lavoro in chiesa e alle interpretazioni Gospel. Nel 1986 ritornò sul palco con un notevole successo. E infine Think, il primo successo della "prima donna" del Soul, la grande Aretha Franklin che con la sua incomparabile voce gospel è generalmente conosciuta come la più importante cantante Blues di tutti i tempi. Nata a Memphis nel 1942, già all'età di quattordici anni lavorava accanto al padre, un predicatore Gospel, seguendolo nei suoi tour. Nel 1960 Aretha lasciò il coro Gospel per registrare canzoni: divenne "la regina nera del Soul" con innumerevoli successi, sia come autrice che come interprete. Dal 1975 il suo successo si incrinò per poi scoppiare nuovamente negli anni Ottanta proprio a partire dalla sua apparizione nel film The Blues Brothers.

Presentato da AGR Associati The official Tribute to... The Blues Brothers è uno spettacolo prodotto da "Ballett, Classic & Entertainment" - la stessa produzione dell'ormai mitico The Rocky Horror Show, applauditissimo anche al Politeama Rossetti - in collaborazione con David Pugh Ltd. David Pugh firma la regia del musical, che conta pure sulle coreografie di Michael King, sulla supervisione musicale di Steve Parry e sul disegno luci originale di Patrick Woodroffe.

The official Tribute to... The Blues Brothers va in scena al Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia soltanto giovedì 16 marzo 2006 alle ore 20.30. I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e il Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani) e Udine (Associazione Culturale Udine Sipario), San Vito al Tagliamento (Medina) e presso le Agenzie del circuito Charta presenti sul territorio nazionale. Vendite telefoniche chiamando CallTicket allo 040.986.986.6 Informazioni anche sul sito www.ilrossetti.it. e al tel. 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!