Concerto dell'Epifania della Banda Cittadina di Muggia online

Banda cittadina di Muggia

Notizia inserita il 06/01/2021

Mercoledì 6 gennaio alle ore 17.00 su facebook il Concerto dell'Epifania: un lungometraggio con sottofondo musicale composto da brani eseguiti dalla Banda Cittadina di Muggia "Amici della Musica" e registrati durante un concerto del 2006 alla Sala Tripcovich di Trieste a cura di Luigi Paduano (montaggio di Edoardo Milani). In programma, brani di Robert Schumann, colonne sonore di celebri film e le immancabili marce.

A corollario, un omaggio Luigi Mauro, primo a introdurre in Italia il metodo didattico "Orff", a cui la Scuola di musica operante all'interno della banda è intitolata.

Si rinnova anche se in versione "virtuale" a causa dell'emergenza sanitaria in corso l'annuale appuntamento con il Concerto dell'Epifania a cura della Banda Cittadina di Muggia "Amici della Musica".

"L'appuntamento che la Banda Cittadina di Muggia "Amici della Musica" vuole regalare all'affezionato pubblico muggesano per l'occasione musicale più importante della stagione invernale - spiega il direttore d'orchestra Andrea Sfetez - quest'anno sarà particolare, ma non per questo meno significativo".

Non potendosi ritrovare assieme e usufruire degli spazi del locale teatro, il direttivo del sodalizio ha voluto riproporre una produzione musicale, fotografica e documentale datata 2008 e dedicata ai colori di Muggia e alle note della sua banda di rappresentanza: si tratta di un lungometraggio con sottofondo musicale voluto e creato da un grande appassionato di fotografia, Luigi Paduano - chirurgo pediatrico di professione, ma artista per passione.

Il lavoro narra le impressioni ricevute dall'autore, passeggiando per il centro storico della cittadina istroveneta, immerso nella sua architettura e avvolto dai suoi colori, rapportate a una serie di composizioni eseguite dagli "Amici della Musica" al gran completo in un concerto del 2006 tenuto alla Sala Tripcovich sotto la direzione musicale del maestro ospite Riccado Gambigliani Zoccoli. Il pubblico del web, connettendosi gratuitamente, potrà quindi ammirare il mare, le chiese, le calli e i campielli muggesani e, ovviamente, rivivere la magia del suo Carnevale, assaporando brani di musica classica di Robert Schumann, colonne sonore tratte da celebri film e le immancabili marce, regine del repertorio bandistico.

A "cappello" della parte bandistica, ci sarà un omaggio alla Scuola di musica operante all'interno della banda intitolata al muggesano Luigi Mauro, musicista e maestro elementare che fu il primo a introdurre in Italia la nuova metodologia didattica "Orff", creata dall'illustre musicista tedesco con cui Mauro era in stretto rapporto epistolare.

Il "prodotto" (montato da Edoardo Milani) - pregiato sia sotto l'aspetto artistico che promozionale per la cittadina istroveneta - sarà "lanciato" sulla pagina facebook della Banda il 6 gennaio 2021 alle ore 17.00, orario d'inizio del tradizionale concerto del 6 gennaio, come buon auspicio per l'anno entrante.

La pagina FB da raggiungere è:

https://www.facebook.com/bandamuggia/

La Banda Cittadina di Muggia "Amici della Musica", intitolando alla figura di Luigi Mauro la propria scuola bandistica, desidera in questo modo onorarne la memoria e intende inoltre ricordare alle future generazioni di musicisti e amanti della musica il suo operato e il suo impegno in ambito musicale.

Luigi Mauro, nato a San Bartolomeo (Muggia), fu maestro di scuola elementare. In Germania conobbe quello che sarebbe stato il suo più importante maestro: il musicista Carl Orff, ideatore di un'innovativa didattica musicale. Rivolse quindi la sua attenzione al particolare meccanismo di apprendimento ideato da Orff per i bambini e i giovani. Considerando il periodo storico (la II Guerra Mondiale) e la situazione politica dei territori giuliani in cui visse, Mauro sostenne sempre che: "fare musica non è stato facile, per nessuno".

Nonostante ciò, i suoi allievi lo ricordano come instancabile maestro di coro e fervente sostenitore del suo metodo di fare didattica musicale, percorrendo fedelmente in questo ambito i binari tracciati dal suo maestro, Carl Orff.

Lentamente, fece in modo che gli insegnamenti ricevuti da Orff circolassero anche in Italia, trovando particolare fortuna a Trieste in un centro divulgativo dedicato.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Musica e Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!