Concerto di Natale 2005

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

E' stato presentato la mattina di mercoledì 15 dicembre, alla presenza del Presidente della Provincia di Trieste Fabio Scoccimarro, dell'Assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie del Comune di Trieste Claudia D'Ambrosio, del Presidente dell'Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia Mario Diego e di Adriana Carbonera, Direttore della CRI di Trieste, il "Concerto di Natale 2005". Il concerto che si svolgerà nella giornata di giovedì 22 dicembre presso la Sala Tripcovich sarà completamente gratuito grazie al sostegno delle Istituzioni desiderose di "regalare" qualche ora di svago e di buona musica alla cittadinanza, al mondo delle associazioni, del volontariato e agli operatori sanitari e socio-sanitari.

"Gli auguri in musica costituiscono un messaggio di solidarietà e collaborazione tra cittadini e istituzioni, attraverso una particolare occasione di incontro e dialogo rasserenata dalle note di musiche raffinate e vivaci che saranno proposte dall'Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia diretta dal maestro Dmitri Jurowski".

Per partecipare è sufficiente presentarsi alla Sala Tripcovich a partire dalle ore 16.

Per ulteriori informazioni telefonare al N. 0432-227710

PROGRAMMA

L'Orchestra Sinfonica del FVG, diretta da Dmitri Jurowski, proporrà un programma delicato, raffinato, ma al tempo stesso frizzante e vigoroso che attraversa epoche e stili diversi in un alternarsi vivace di sonorità timbriche calde ed affascinanti.

Apre il programma il "Notturno" per arpa e archi di Arnold Schönberg, brano giovanile da poco riesumato tra i manoscritti schönberghiani. Si tratta di un raffinato e delicato gioiello compositivo scritto nel 1896 da uno Schönberg appena ventiduenne ancora intriso dell'esperienza brahmsiana ed esempio, pertanto, di composizione in perfetto stile tardoromantico tanto che, non conoscendone l'autore, saremmo difficilmente inclini a ricondurlo al padre della dodecafonia.

Composta nel 1779 la "Sinfonia Concertante" in Mi bemolle Mag. per violino, viola ed orchestra KV 364 di Wolfgang Amadeus Mozart può essere considerata un vero e proprio "Doppio concerto" e non a caso essa fu scritta subito dopo il "Concerto" per 2 pianoforti ed orchestra, anch'esso nella stessa tonalità. Il primo tempo è un "Allegro maestoso" di intenso respiro sinfonico caratterizzato da un continuo dialogo tra i solisti e l'orchestra mentre nel seguente "Andante" l'orchestra viene utilizzata come un soffice tappeto sonoro per lasciar spazio all'estrema cantabilità dei due solisti. Chiude il brano un vivace "Rondò" trasparente e frizzante nel suo incessante rincorrersi dell'inciso tematico.

La "Simple Symphony" op 4 è uno dei brani più noti del compositore inglese Benjamin Britten vissuto tra il 1913 ed il 1976: compositore precocissimo Britten già in giovane età aveva riempito pagine e pagine di musica per pianoforte, musica da camera e suites per vari strumenti. All'età di 20 anni egli decise di scegliere alcuni frammenti tematici da queste sue opere giovanili e di raccoglierli in modo organico all'interno di una composizione di più ampio respiro. Fu così che ebbe origine la "Simple Symphony" per archi, a tutt'oggi uno dei brani più amati e rappresentati del compositore inglese in cui la vivacità e l'irruenza tipica degli anni giovanili (ascoltabili ad esempio nel "Playful pizzicato") si fondono con una coloritura timbrica ed una vaga melanconia che sara nno le caratteristiche principali della sue composizioni degli ultimi anni.

Composta nell'estate del 1917 a San Pietroburgo ove trascorse un periodo di lavoro la "Sinfonia Classica" di Sergej Sergeevic Prokofiev si caratterizza, come dice il suo stesso nome, per rifarsi dal punto di vista stilistico alle composizioni del XVIII secolo ed in particolar modo, come scritto dallo stesso Prokofiev nella sua autobiografia, alle sinfonie di Haydn. Egli intese comporre un brano che coniugasse lo stile e la tecnica compositiva settecentesca con le innovazioni armoniche e formali del XX secolo seguendo il filone del cosiddetto "neoclassicismo". Prokofiev decise di non utilizzare però temi di Haydn, ma ne creò di propri nello stile antico, dando vita così, in un felice incontro tra due epoche, a quello che giustamente viene da tutti considerato un capolavoro per freschezza, eleganza e traspare nza strumentale ma non privo, al tempo stesso, dello humor tipicamente prokofieviano.

IL DIRETTORE

Dmitri Jurowski, figlio del direttore Michail Jurowski, nasce a Mosca il 6 novembre del 1979. All'età di sei anni inizia gli studi musicali come clavicembalista presso il Conservatorio Tschaikovski di Mosca. Nel 1990, a seguito del trasferimento della famiglia a Berlino, frequenta dapprima la scuola di Musica C.-Ph.-E.- Bach di Berlino per poi accedere all'Accademia di Musica e Teatro Rostock, dove continua a studiare violoncello sotto la guida del prof. G. von Bulow. Già alla tenera età di sei anni, suona come violoncellista solista nell'Orchestra Giovanile RIAS, accostandosi con particolare affinità, sin da allora, alla musica del 20° secolo. Nel settembre del 2004 viene invitato dal Teatro Carlo Felice di Genova come assistente di Michail Jurowski per la produzione del Parsifal di Richard Wagner, per la regia di Harry Kupfer. A Genova ha l'occasione di lavorare con alcuni importanti cantanti lirici come Hans Tschammer, Albert Dohmer, Torsten Kerl, Lioba Braun e Manfred Hemm. Fra i principali impegni del 2005 segnaliamo la produzione As.Li.Co. dell'Amore delle tre melarance, in tournée in numerosi teatri del Nord Italia, de Lo sposo di tre il marito di nessuna e del Requiem di Cherubini al Festival della Valle d'Itria di Martina Franca . Ha inoltre recentemente diretto Don Pasquale a Treviso e Rovigo. I prossimi impegni lo vedono sul podio del Teatro dell'Opera di Roma per Il Matrimonio Segreto e al Teatro Dal Verme di Milano per Mozart e Salieri. In ambito concertistico, ha recentemente diretto la Sinfonia n. 1 di Beethoven, al Teatro Comunale di Bologna, e il Concerto Verdiano al Teatro Regio di Parma.,due concerti con l'Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice a Venezia (musiche di Respighi, Rota, Hindemith e Casella) e concerti con I Pomeriggi Musicali di Milano. Prossimamente dirigerà Orchestra Toscanini di Parma in tournée a Salsomaggiore e l'orchestra del Teatro Regio di Torino.

GRAZIA RAIMONDI

Compie gli studi musicali presso il Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna, sua città natale, diplomandosi in violino con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° G. Adamo. Successivamente si perfeziona con Accardo, Romano, Raskin. Grazie alla borsa di studio "J.W. Fulbright" di New York, è allieva di Franco Gulli e di Rostislav Dubinski, per la musica da camera, presso l'Indiana University in America dove consegue l"Artist Diploma".

Vince il I premio alla Rassegna Nazionale di Vittorio Veneto, al Concorso Nazionale di Violino "Ugo Conta Music Awards Hong Kong" di Mantova, al Concorso Internazionale di Stresa ed al "Sibelius Competition" tenuto presso l'Indiana University.

Svolge un'intensa attività solistica e cameristica esibendosi in prestigiosi teatri e sale da concerto: Teatro alla Scala di Milano, Concertgebouw di Amsterdam, Royal Albert Hall di Londra, Grossen Musikvereinsaal di Vienna, Philharmonie di Monaco, partecipando a numerose riprese televisive ed a molteplici incisioni.

Collabora con affermati complessi: I Virtuosi Italiani, I Solisti Veneti ed è Primo violino dell'orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia e dell'Orchestra da Camera della Campania.

E' titolare della cattedra di Violino presso l'Istituto Musicale Pareggiato "G. Verdi" di Ravenna dove vince il concorso ministeriale per titoli ed esami.

Suona un J. Gagliano del 1783.

Programma

  • Arnold Sch\u0151nberg
    Notturno per arpa e orchestra
  • Wolfgang Amadeus Mozart
    Sinfonia Concertante per violino e viola in mi bem. Magg. K 364
  • Benjamin Britten
    Simple Symphony
  • Sergej Sergeevic Prokofiev
    Sinfonia Classica
  • Autori Vari
    "Omaggio di Natale"

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!