Coro del 'Verdi' in concerto

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Concerto di Natale con il Coro del "Verdi"

Nell'ambito della programmazione artistica del Teatro Lirico "Giuseppe Verdi" per le Feste natalizie, venerdì 23 dicembre alle ore 18.45 presso la Chiesa di Sant'Antonio Taumaturgo di Trieste si terrà un concerto straordinario degli artisti del Coro a celebrazione del Santo Natale.

Affidato alla bacchetta del M° Lorenzo Fratini, il Coro del "Verdi" si immergerà in un'atmosfera di fervente religiosità quale scaturisce dal programma del Concerto di Natale predisposto per l'avvicinarsi della festa religiosa più amata dell'anno dal M° Fratini, suo direttore stabile.

Della durata di un'ora, il concerto è impostato sulle note della musica sacra di origine francese tra Otto e Novecento dei compositori Gabriel Fauré, Louis James Alfred Lefebure-Wely, Charles Gounot e César Franck. Accomuna i quattro autori di questo concerto il tipo di ricerca armonica e di orchestrazione timbrica e la semplicità delle melodie.

Il programma è costruito su musiche sacre per coro e organo e si aprirà sulle note di Gabriel Fauré di cui sarà eseguita la Messe Basse per coro femminile e organo con la partecipazione dell'organista Alberto Macrì e di Camilla Angeli, voce bianca dei Piccoli Cantori della Città di Trieste. La Messe Basse pur essendo opera di breve durata, è un concentrato dell'estetica del linguaggio di Gabriel Fauré e ne esprime tutto il vocabolario armonico. Il brano successivo, Le Meditazioni religiose op.122 per organo di Louis James Alfred Lefebure-Wely, funge da intermezzo fa le due parti del concerto, quella introduttiva con la partecipazione del solo coro femminile e la seconda parte con la partecipazione del coro misto. La composizione sarà eseguita dall'organista Mauro Macrì. Seguiranno due brani per coro misto e organo, con la partecipazione solistica di Alberto Macrì. Nell'ordinesarà eseguito il Pater noster per coro misto e organo di Charles Gounot cui farà seguito Domine, non secundum di César Franck brano, quest'ultimo, che esprime una maggiore e curata ricercatezza nella disposizione dell'organo, più concertante rispetto alla Messe Basse di Fauré.

In chiusura di programma sarà eseguita La Messe Chorale per coro misto e due organi di Charles Gounod con la partecipazione dei due fratelli Alberto e Mauro Macrì impegnati a due organi. Sarà utilizzato anche l'organo della Chiesa di Sant'Antonio Taumaturgo che con le sue 5000 canne e i suoi 78 registri è l'organo più grande ed importante del Friuli Venezia Giulia. Lo strumento si adatta magnificamente alle esigenze espresse dalla partitura di Gounod interamente composta sul tema gregoriano del Credo, che ritorna più volte nel corso della composizione sia in maniera evidente che in forma più celata, all'interno della partitura.

L'ingresso è libero

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!