...e ti sembra...

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

"Si conclude il 10 giugno alle 21 il festival Trieste per la danza 2006 - Danza e dintorni contemporanei alla Sala Bartoli organizzato dalla Compagnia Arteffetto Danza assieme al Teatro Stabile regionale. L'ultimo atteso appuntamento è con la compagnia Arteblu che presenterà ...e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai... per la coreografia di Roberta Voltolina."

Con ...e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai... proposto dalla compagnia parmense Arteblu si chiude la rassegna Trieste per la danza 2006 - Danza e dintorni contemporanei organizzata dalla Compagnia Arteffetto Danza assieme al Teatro Stabile regionale. L'appuntamento - questa volta in un'unica serata - è per sabato 10 giugno alle ore 21.

Diretto e coreografato da Roberta Voltolina, il balletto pone al proprio centro un intrecciarsi di movimento ed emozioni. Con i danzatori è come se fossimo in viaggio in treno, con il tempo e lo spazio che scorrono mentre attorno si animano immagini, storie e colori. Durante il viaggio si può galleggiare ascoltando una musica dolce o lasciarsi investire da proiezioni di danze improvvise e violente... Sui sedili ci si può lasciar andare al disequilibrio di un ricordo, alla dolcezza del sonno, aspettare qualcuno che non arriverà, sostenere un fiore mantenendosi nelle posizioni più bizzarre, oppure si può decidere di scendere dal treno e mettersi alla ricerca a piedi di qualcosa o qualcuno di speciale, o ancora scegliere una fermata in aperta campagna per una dichiarazione d'amore...

È un viaggio a cui abbandonarsi quello raccontato dalla Voltolina e dalla Compagnia Arteblu: "il viaggio infinito dell'immaginazione".

«... Ricerco, attraverso il linguaggio del teatro danza, il sottile confine tra il quotidiano e l'astratto, l'energia e il gesto come metafora, per giungere ad un immaginario che racconti e costruisca una storia che "DANZI"...» scrive nelle sue note Roberta Voltolino e nel descrivere il lavoro compiuto con i suoi danzatori continua: «Da lontano, una musica disarticolata, come un profumo, e i corpi si sciolgono in una danza visionaria, sospesa e lieve. Tutto inizia a muoversi, a trasformarsi: appaiono voli bizzarri, tentativi di lanciarsi, cieli e spazi da guardare a testa in su... Tronchi d'albero dove lasciare parole, porte da spiare, toccare, spazi rovesciati, smarrimenti. Poi una sottile sfida... i vestiti a metà sospesi nel vuoto. La complicità. Lanciare immagini, sensazioni, fino a coprirsi il viso, spezzati dal rumore di una sirena. Sprofondare nella notte, dondolati dalla voce di una vecchia che parla di nuvole, di trasformazioni... e entrare in una danza dilatata e dissonante. Trovarsi nell'equilibrio al rovescio... e cambiare la prospettiva dello spazio, inventando distacchi dalla terra, fino a costruire una strana e grottesca macchina del volo. Scivolare in un valzerino ironico ...come una giostra della fierezza e del piccolo ... guidata con tenera soddisfazione. Danzare per poi lottare, risucchiati all'indietro e rigettati come corpi impazziti nello spazio. Non riuscire più a capire il luogo... lo spazio... non riconoscerlo».

Balletto di sicure suggestioni e di grande comunicazione, ...E ti sembra di non conoscere più il posto dove stai... si avvale delle coreografie di Roberta Voltolina, delle elaborazioni musicali di Mauro Casappa, mentre si impegna alla fonica Francesca Ferrari

Protagonisti di eccezionale intensità ed energia sono Giacomo Cacciatore, Sara Paini e la stessa Roberta Voltolina.

La compagnia Arteblu nasce a Parma nel 1996 con la direzione artistica della Voltolina, danzatrice e coreografa. Si è esibita al TeatroDue e al Teatro Regio di Parma, al Teatro Filodrammatici di Milano, a Reggio Emilia, nell'ambito di molti Festival nazionali e internazionali. Ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti importanti.

La compagnia lavora su un linguaggio del corpo inteso come ricerca di una poetica che si spinge al di sopra di qualsiasi preciso riferimento tecnico: un'indagine sull'energia come viaggio che suggerisca una dinamica, un sapore, un silenzio, un sentimento...

Per il Festival Trieste per la danza 2006 - Danza e dintorni contemporanei alla Sala Bartoli i biglietti sono singolarmente in vendita al prezzo di €15 (Interi) con una riduzione per gli abbonati dello Stabile regionale e gli Under 25 a € 12. È possibile anche acquistare l'abbonamento all'intero cartellone ad un prezzo di € 30 con una riduzione a € 24 per gli abbonati dello Stabile regionale e gli Under 25. La prevendita è aperta dall'11 maggio.

Acquisti sono possibili presso la Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e il Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19). Informazioni allo 040/3593511 e sul sito www.ilrossetti.it.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!