Giselle

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Il Ballet de Camaguey, una delle maggiori compagnie di danza classica della prestigiosa scuola cubana, porta sul palcoscenico uno dei più noti e amati balletti classici: Giselle.

Romantico e drammatico, "Giselle" narra la leggenda di una dolce fanciulla, innamorata e poi ingannata.

Per maggiori informazioni sullo spettacolo che andrà in scena al Politeama Rossetti, si rimanda alla scheda presente sul sito del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Comunicato stampa Teatro Stabile FVG

"Sabato 11 e domenica 12 febbraio va in scena al Politeama Rossetti Giselle il più romantico titolo del repertorio della danza classica: protagonisti gli oltre quaranta elementi del Ballet de Camaguey, compagnia cubana fondata dal grande maestro Ferdinando Alonso."

Debutta sabato 11 febbraio alle 20.30 al Politeama Rossetti il Ballet de Camaguey, notevolissima compagnia di danza che proporrà Giselle, uno dei più poetici balletti del repertorio classico: l'appuntamento - che replica domenica 12 in pomeridiana - è inserito nel cartellone Danza & dintorni del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia.

La storia di un grande amore: talmente profondo che riesce a proseguire oltre la morte e a opporsi agli oscuri sortilegi della magia... Giselle è un vero capolavoro del balletto romantico, e fin dal debutto - il 28 giugno 1841 all'Opéra di Parigi - conquista il pubblico grazie alla sua preziosa musica, alle bellissime coreografie e alla storia toccante della giovane Giselle uccisa da una delusione d'amore, trasformata in una Villi (e dunque, come vuole la leggenda, destinata a vagare nei boschi di notte e a tormentare per vendetta tutti gli uomini che incontrerà) eppure tanto innamorata da salvare l'amato, nonostante l'incantesimo.

La vicenda di Giselle è stata concepita da Théophile Gautier, affermato scrittore francese che era rimasto molto colpito dalla leggenda delle Villi, raccontata da Heinrich Heine nel libro De l'Allemagne: vi lavorò assieme al drammaturgo Vernoy e in poche settimane, preparata la versione definitiva del libretto, la affidò a Adolphe-Charles Adam, compositore molto apprezzato dai coevi per il balletto. La sua musica - una partitura composta, pare, in meno di due mesi - si offre alla danza con grande duttilità ed eleganza formale, con fine strumentazione e una notevole ricchezza di idee. La creazione dell'opera fu seguita passo dopo passo da Carlotta Grisi, ballerina dell'Opéra di cui Gautier era ammiratore e a cui aveva dedicato il balletto, e dal celebre coreografo Jules Perrot che era compagno di vita della Grisi.

Il direttore dell'Opéra fu entusiasta del nuovo progetto e decise di mettere immediatamente in cartellone Giselle: così l'unica difficoltà nella genesi del balletto fu rappresentata dal fatto che Perrot non era in contratto in quel periodo e dunque le coreografie furono firmate da Jean Coralli. In realtà, ufficiosamente, fu Perrot a curare tutti i passi e le scene in cui la Grisi era solista e all'altro coreografo rimasero le sole scene d'assieme: ebbe però tutto il merito del successo di Giselle.

Da quando la giovanissima Grisi - appena ventiduenne - vestì per la prima volta l'impalpabile e lungo tutù di Giselle (al fianco del grande Lucine Petipa nel ruolo del duca Albrecht), il personaggio è entrato con forza nell'immaginario del pubblico e nelle ambizioni di ogni danzatrice. Rari personaggi, infatti, al pari di Giselle offrono una così ricca espressività e mutevolezza: delicata, gioiosa e spensierata nelle scene iniziali, l'eroina diviene eterea e misteriosa nel secondo atto, appassionata e dolcissima nel finale... La scena della pazzia che precede la morte poi, per una ballerina è un saggio di bravura non solo sul piano della tecnica, ma anche su quello umano e dell'interpretazione.

Nell'edizione di Giselle ospite al Politeama Rossetti, le ottime Siuchien Avila e Liuba Corzo si alterneranno nel ruolo della protagonista e Iradiel Rodriguez e Yanni Garcia in quello di Albrecht, attorniati da una compagnia di danza fra le più numerose attualmente impegnate in tournée italiana. Si tratta del Ballet de Camaguey, che fonda il proprio metodo sulla celeberrima scuola cubana di balletto classico.

La compagnia è stata fondata nel 1967 dal maestro Ferdinando Alonso, uno dei padri del balletto classico cubano, a lungo direttore del Ballet Nacional de Cuba e marito della famosissima ballerina Alicia Alonso. La sua grande esperienza a fatto di questo corpo di ballo - oggi diretto da Regina Balaguer Sànchez - un assieme di alto livello, che vanta un repertorio di ben 210 titoli e che si è esibito con successo nei più grandi teatri d'Europa, America e Asia e ai festival di danza più ambiti (Osaka, Varna, il Festival Internazionale del Ballet de Trujillo in Perù e molti altri). A portare a Trieste questo bellissimo balletto provvede ora la Associazione Rudolf Nureyev di Luigi Pignotti, spesso ospite del Teatro Stabile regionale: nella scorsa stagione ha presentato con grande successo il Galà Nureyev con Maximiliano Guerra.

Accanto ai già citati interpreti di Giselle e Albrecht, vanno ricordati Gabriel Pérez (Hilariòn), Gilberto Au e Pàvel Martinez (che si alternano nel ruolo di Wilfred), Maria de Los Angeles Varala (Madre di Giselle), Mirna Ferrales (Bathilde), José A. Chàvez (Duca di Curlandia), Maylin Hernàndez (Myrtha, regina delle Villi), Marianela Lòpez Yusleimy Herrera (due Villi), Pàvel Martinez e Nestor garcia (soldati) a cui si aggiunge un nutrito ensemble.

Giselle è danzato su coreografie di Coralli e Perrot e su musiche di Adam; la compagnia Ballet de Camaguy è diretta da Regina Balaguer Sancez.

Replica per il cartellone Danza & dintorni dello Stabile regionale, sabato 11 febbraio alle ore 20.30 (con pomeridiana alle ore 16 di domenica 12) al Politeama Rossetti di Trieste.

Punti vendita: Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) , Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani), San Vito al Tagliamento -Pordenone (Medina) e Udine (Associazione Culturale Udine Sipario) e le Agenzie del circuito Charta presenti sul territorio nazionale. Vendite al telefono al numero 040-986.986.6. Acquisti anche sul sito www.ilrossetti.it. Informazioni allo 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!