Muratori

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Da più di due anni Nicola Pistoia e Paolo Triestino, celebri attori del cinema italiano, con lo spettacolo "Muratori" di Edoardo Erba raccolgono ampi consensi di pubblico e critica.

I protagonisti della pièce sono due muratori che si trovano ad innalzare un muro all'interno di un teatro ormai inutilizzato poiché il palcoscenico subirà la triste sorte di diventare un magazzino di un anonimo supermercato. Per passare il tempo i due cominciano a parlare, così come viene, del più e del meno. Ma ad un tratto, nel bel mezzo delle conversazioni si inserisce una donna (che altri nono è che la strindberghiana "signorina Giula", ultimo personaggio entrato in scena su quel palco), la cui comparsa conferisce all'insieme una dimensione completamente nuova.

Lo spettacolo va in scena in Sala Bartoli da l 10 al 19 febbraio; in considerazione delm limitato numero di posti è vivamente consigliata la prenotazione.

I biglietti, del costo di 15,00 Euro (ridotti 12,50 Euro) oppure di 1* per gli "abbonati con le stelle", sono in vendita presso la biglietteria dle teatro, in viale XX settembre, o presso il Ticket Point di corso Italia.

Lo spettacolo ha la durata di 2 ore con un intevallo.

Per maggiori informazioni e per consultare il calendario dettagliato delle rappresentazioni si rimanda alla scheda presente sul sito del teatro.

Comunicato stampa Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia

"Muratori di Edoardo Erba va in scena alla Sala Bartoli da mercoledì 8 febbraio: in cartellone al Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia per "altripercorsi", loa piéce porta a trieste un esempio brillante di drammaturgia contemporanea. Divertentissimi e accalamati da pubblico e critica i protagonisti Nicola Pistoria e Paolo Triestino."

C'è ancora posto - in un mondo tutto volto al consumo, alla concretezza - per la magia, il sogno, la riflessione? Quale spazio riserva il nostro tempo alle eteree creature dell'arte? La dimensione affascinante dei teatri ha offerto loro rifugio, ma quanto ancora queste oasi di poesia potranno resistere all'assalto della sfrenata logica del consumo?

Senza rinunciare a battute esilaranti e a una costruzione agile e leggera, Muratori di Edoardo Erba, ospite per il cartellone "altripercorsi" alla Sala Bartoli da mercoledì 8 febbraio, si pone proprio questi interrogativi.

Germano e Fiore - i simpatici protagonisti di Muratori - sono impegnati proprio in un pericoloso "assalto" al mondo dell'arte e della cultura: il loro lavoro trasformerà un vecchio teatro dismesso in un pratico deposito di supermercato. Arrivano in sala con tutti gli attrezzi necessari alla costruzione di un muro che dividerà il palcoscenico dalla platea: e - davanti agli occhi esterrefatti del pubblico presente - intraprendono davvero l'opera, iniziando contemporaneamente un dialogo ironico e stralunato: agli spettatori non resta che conservarsi il ruolo di testimoni dell'andamento del lavoro murario da un lato, e dall'altro, della conversazione...

Mentre lavorano di calce e mattoni, infatti, i due si scambiano pareri su diversi argomenti: commentano le prospettive e le amarezze della gente che come loro lavora duramente, si confidano piccoli successi e utopie, parlano di donne... A volte condivisibili, altre assolutamente stravaganti, i loro pensieri conquistano, mentre una piacevole cadenza romanesca "insaporisce" il dialogo che prosegue incalzante fra battute esilaranti e riflessioni, finché una misteriosa figura femminile appare e s'intrattiene con entrambi, esprimendosi solo con versi strindberghiani. L'incontro spalanca davanti ai muratori una dimensione nuova, incantata, non più concreta ma palpitante d'emozioni, a cui i due finalmente si abbandoneranno.

La delicatezza di questa creatura - metafora di un teatro da salvare e riscoprire, che l'autore ama profondamente - si coniuga in questo ottimo testo alla capacità di far ridere attraverso la forza delle battute, dei tempi, dell'interpretazione attoriale (una possibilità troppo spesso sacrificata a soluzioni più immediate e volgari). A tutto ciò, con sapiente dosaggio, Edoardo Erba intreccia pure un invito a riflettere su temi sociali e attualità.

Erba ha al proprio attivo molti lavori, tutti applauditi e messi in scena da attori importanti (Luca Zingaretti, Claudio Bisio, Pamela Villoresi) e apprezzati anche all'estero (il suo celebre Maratona di New York è stato dato in tredici Paesi, tradotto in otto lingue, pubblicato in quattro...).

Per Muratori - che da oltre due anni raccoglie eccezionali consensi dalla critica più accreditata - l'autore si è affidato al senso teatrale di Massimo Venturiello che ha concepito un allestimento semplice e allo stesso tempo accuratissimo, sorprendente, pieno d'energia. Un'energia che ha il proprio nucleo nella generosa interpretazione degli attori. Eleonora Vanni dà vita alla misteriosa donna strindberghiana, mentre è un ineccepibile duetto, calibrato al respiro, quello creato da Nicola Pistoia e Paolo Triestino, gli irresistibili "muratori" del titolo.

Attore e regista, Pistoia nasce a teatro ma presto si confronta anche con il mondo del cinema e della televisione, lavorando in fiction di successo (L'avvocato Porta con Gigi Proietti) e film interessanti: fra gli atri Uomini sull'orlo di una crisi di nervi e American Express e, come regista, in Stregati dalla luna. Paolo Triestino è un interprete che lo Stabile regionale riaccoglie con entusiasmo.

Molto spesso ospite al Politeama Rossetti (ha collaborato a lungo con Gabriele Lavia in spettacoli memorabili come Amleto e Don Carlos, ha lavorato con Orsini ne Il piacere dell'onestà e diretto da De Bosio nel goldoniano Le donne de casa soa), si è poi dedicato al cinema, alle fiction, e con passione alla drammaturgia attuale, partecipando agli allestimenti di E fuori nevica! di Salemme, Disturbi di memoria di Santanelli e - anche in veste di regista - al bellissimo Il custode di Antonio Lauro, tutti applauditi a Trieste. I più affezionati lo ricorderanno certo sfoderare simpatia ed eclettismo nel ruolo del "cattivo" Couteau, nel musical Irma la dolce diretto da Calenda.

Diretto da Massimo Venturiello, Muratori di Edoardo Erba, con Nicola Pistoia, Paolo Triestino ed Eleonora Vanni si avvale delle musiche di Ennio Rega, delle scene di Francesco Montanaro e dei costumi di Sandra Cardini.

Lo spettacolo è prodotto da Teatroinaria stanzeluminose.

Muratori debutta alla Sala Bartoli - mercoledì 8 febbraio 2006 alle ore 21 e replica fino a domenica 19 febbraio 2006. Le recite si tengono alle ore 21, tranne quelle di domenica 12 e 19 che iniziano alle 17. I biglietti sono già in vendita a €15, con riduzione a € 12,50.

Acquisti saranno possibili presso la Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e il Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani) e Udine (Associazione Culturale Udine Sipario), San Vito al Tagliamento (Medina) e presso le Agenzie del circuito Charta presenti sul territorio nazionale. Vendite telefoniche chiamando CallTicket allo 040.986.986.6 Informazioni anche sul sito www.ilrossetti.it. e al tel. 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+