Quartetti per archi

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Il Circolo della Cultura e delle Arti di Trieste propone in due concerti l'esecuzione dei sei Quartetti per archi composti da Wolfgang Amadeus Mozart in onore di Joseph Haydn. Gli appuntamenti, curati dal M° Renato Zanettovich, vedranno sul palco il Navarra String Quartet, giovane formazione olandese-britannica con vari riconoscimenti a livello internazionale.

I concerti, ad ingresso libero, si terranno all'Auditorium del Museo Revoltella, in via Diaz 27, giovedì 9 e sabato 11 novembre alle ore 17.00. La sala è stata gentilmente concessa dalla direzione del Museo.

Nel concerto di giovedì 9 verranno eseguiti i Quartetti in sol magg. K 387, mi bem. magg. K 428, in si bem. magg. "La caccia" K 458. Nel concerto di sabato 11, sempre al Museo Revoltella alle 17.00, verranno invece proposti i Quartetti in re min. K 421, in la magg. K 464, in do magg. "Delle dissonanze" K 465.


Mozart e Haydn, i due grandi del classicismo musicale viennese, erano legati dalle reciproche influenze artistiche, ma anche da forti legami di stima e amicizia (un fatto questo piuttosto raro, in un'epoca segnata da grandi rivalità negli ambienti di corte). Il loro rapporto fu così intenso che Mozart raccolse dei suggerimenti musicali di Haydn, e giunse persino a chiamarlo "padre", mentre Haydn riconobbe pubblicamente la grandezza artistica dell'amico.

Un luminoso esempio di questo intenso legame artistico sono i sei Quartetti per archi scritti dal giovane Mozart nella nuova modalità instaurata da Haydn, che aveva abbandonato i principi compositivi precedenti per dare uguale risalto alle voci dell'organico strumentale.

Composti tra il 1782 e il 1785, i Quartetti - nei quali Mozart dimostrò una superiore padronanza di questa formazione - sono la rivelazione di un nuovo mondo musicale, e sono così entrati a far parte del grande repertorio cameristico. Poche sono però le occasioni per ascoltarli uno di seguito all'altro, potendone così apprezzare le alternanze e peculiarità, quali il carattere libero e discorsivo, l'affascinante elaborazione tematica e l'afflato romantico. I due concerti promossi dal CCA il 9 e 11 novembre sono dunque una rara opportunità per poterli apprezzare dal vivo, e con dei nuovi esecutori di grande interesse e capacità.


Il Navarra String Quartet, formato da tre giovani musicisti olandesi ed uno britannico (Xander Van Vliet e Marije Ploemacher, violini; Simone van der Giessen, viola; Nathaniel Boyd, violoncello) si è costituito nel 2002, affermandosi ben presto come uno dei più notevoli quartetti della nuova generazione. L'ensemble ha ottenuto numerosi riconoscimenti di critica, e premi in varie competizioni, fra i quali il primo premio al prestigioso concorso internazionale di musica da camera 'Vittorio Gui' di Firenze, nel 2005. Il Navarra String Quartet ha tenuto concerti in Europa, Russia e USA, segue vari masterclass di perfezionamento con prestigiosi Maestri, ed è anche impegnato in attività didattiche.

Note critiche sui brani, ed altre informazioni sui musicisti, sono disponibili sul sito web www.bekar.net

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+