Anticipazioni Teatro Stabile

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

"Strehler con l'Arlecchino servitore di due padroni, Leo Gullotta e Sabrina Ferilli per la prosa, il nuovo monologo di Claudio Magris interpretato da Daniela Giovanetti per gli "altripercorsi", fra i musical High Society con Vanessa Incontrada, eventi internazionali come lo Slava's Snow Show e per la danza il ritorno dell'eccezionale Roberto Bolle... Alta qualità e tante sorprese nel nuovo cartellone del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia di cui sono state offerte alcune interessanti anticipazioni."

Una nuova stagione ricca e con titoli e protagonisti di alta qualità, quella che si sta delineando al Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia e di cui lunedì 24 luglio, nel corso di una conferenza stampa, il presidente Paris Lippi ed il direttore Antonio Calenda hanno offerto alcune interessanti anticipazioni.

Anche nella Stagione 2006-2007 si continuerà secondo la formula della divisione in "percorsi", che - apprezzata dal pubblico e dagli abbonati - permette una notevole varietà di scelte e di possibilità nella programmazione. Prosa, Danza, Musical ed Eventi internazionali, dunque, e il filone "altripercorsi" dedicato soprattutto alla drammaturgia contemporanea, che quest'anno si aprirà con una proposta davvero preziosa, l'ultimo monologo di Claudio Magris Lei dunque capirà... Dopo il successo de La Mostra, il grande intellettuale e germanista scrive nuovamente per il Teatro Stabile regionale: Lei dunque capirà è un lavoro intenso e toccante affidato alla regia di Antonio Calenda e con protagonista Daniela Giovanetti, che proprio in questi giorni hanno portato a termine con ottimo esito una prima e delicata fase delle prove.

Anche il cartellone Prosa si aprirà nel segno delle nuove produzioni dello Stabile: il primo appuntamento della Stagione, il prossimo ottobre sarà infatti con uno spettacolo ideato e diretto da Calenda e scritto da Nicola Fano, Opéra Comique. La piéce fa omaggio a due pilastri della grande cultura teatrale italiana, l'opera lirica da un lato e la comicità popolare dall'altro. Tutto, attraverso il genio di Gioacchino Rossini, il suo mito, la sua poesia e la sua musica. Nella creatività del compositore pesarese, infatti, si fondono la secolare tradizione della comicità popolare e la "nuovissima" invenzione dell'opera lirica. Grandi emozioni, dunque, dal riso al pianto, che portano alle più alte vette della creatività la convenzione teatrale del recitar cantando. Un cast numeroso, capeggiato da due maestri del teatro italiano dello spessore di Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina, e che comprende anche un nutrito gruppo di ottimi cantanti e musicisti, saprà coinvolgere il pubblico e dare vita a uno spettacolo che intreccia armoniosamente musica e divertimento.

E a questi primi, ottimi protagonisti, succederanno nomi di primo livello nel mondo dello spettacolo nazionale: a cominciare da quello del grande Giorgio Strehler, di cui lo Stabile proporrà L'Arlecchino servitore di due padroni. Un indiscusso capolavoro del teatro di tutti i tempi, una regia storica, indimenticabile, un vero evento che finalmente giunge anche sul palcoscenico triestino, a celebrare il trecentesimo anniversario della nascita di Carlo Goldoni. Protagonista è il bravissimo Ferruccio Soleri: creatore di un Arlecchino che custodisce in sé l'altissima lezione strehleriana e la preziosa tradizione di un teatro "dell'arte" che rappresenta un momento fondamentale della cultura teatrale italiana.

Sarà di certo molto attesa dalla platea del Rossetti anche Sabrina Ferilli, star del mondo televisivo che in passato ha già dimostrato con intelligenza e sensibilità il suo amore per il teatro (il pubblico regionale la ricorderà nella commedia musicale Un paio d'ali): a condurla a Trieste - al fianco dell'ottimo Maurizio Micheli - è La Presidentessa una commedia dinamica e di sicuro divertimento, firmata da due dei più rappresentati autori del vaudeville, Maurice Hennequin e Veber. La storia, che presenta vezzi e vizi della politica, del potere e dell'umana natura si sviluppa attraverso una girandola di equivoci, scambi e agnizioni cui la energica regia di Gigi Proietti assicura ritmo e vitalità assolutamente coinvolgenti.

A concludere la rosa delle "anticipazioni" inerenti al cartellone della Prosa, l'annuncio di un altro importante protagonista che ritorna - forte di una notevolissima sensibilità e forza espressiva - al mondo del teatro: si tratta di Leo Gullotta, impegnato nel classico L'uomo, la bestia e la virtù. La commedia - fra le più amate del grande autore siciliano - nasconde il drammatico messaggio di Pirandello dietro una piacevole struttura da pochade: accanto a Gullotta - e diretti da Fabio Grossi - ammireremo Carlo Valli, Antonella Attili e Gianni Giuliano.

Anche il cartellone dei Musical e degli Eventi internazionali riserverà quest'anno grandi sorprese: il Presidente Lippi e il direttore Calenda hanno voluto svelare per ora solo tre titoli. Innanzitutto High Society che - attraverso le suadenti musiche di Cole Porter - racconta la delicata storia d'amore fra una sofisticata ereditiera e un musicista jazz, sullo sfondo opulento del mondo del jet set americano: ispirato a un celebre film di cui erano protagonisti Grace Kelly, Frank Sinatra e Bing Crosby il musical giunge ora alla scena teatrale grazie all'intuizione registica di Massimo Romeo Piparo e conterà - nel ruolo che fu della Kelly - sul talento della simpatica Vanessa Incontrada.

Musical di grande raffinatezza, che nasce dalla creatività del regista argentino Alfredo Arias e dall'eleganza compositiva di Nicola Piovani, sarà poi Concha Bonita spettacolo premiato e molto applaudito a Parigi ed ora in Italia, che fonde in modo insolito matrici europee e sudamericane e si rivela capace di divertire e commuovere. Lo interpretano un artista amato e versatile come Gennaro Cannavacciuolo, assieme a Mauro Gioia, Sibilla Malara, Alejandra Radano e Gabriella Zanchi a cui si aggiunge l'apporto un'eccellente orchestra dal vivo.

Farà invece sicuramente sognare, il suggestivo spettacolo del clown russo Slava: un evento da non perdere che emoziona attraverso un'armoniosa partitura di musica, effetti e incanti, raffinata clownerie... Slava's snow show regalerà al pubblico dello Stabile una serata di indimenticabili magie, legate l'una all'altra dal filo conduttore nella neve che per una sera "imbiancherà" anche il Politeama Rossetti.

L'eccezionale successo riscosso nella stagione passata dal cartellone "Danza & dintorni" ha rivelato un crescente e vivace interesse del pubblico regionale per la danza, che lo Stabile ha deciso di continuare a coltivare e soddisfare, articolando - anche nel prossimo anno d'attività - un percorso ricco di appuntamenti interessanti, che fondono i versanti più classici e quelli più fantasiosi del mondo della danza.

Sarà un vero evento il ritorno - richiestissimo, dopo le repliche dello scorso anno, andate completamente esaurite ed applauditissime - del meraviglioso Roberto Bolle & friends: un nuovo programma ed un cast di primi danzatori di straordinario livello accompagneranno sul palcoscenico per alcune serate il bravissimo Bolle. È davvero un'emozione indimenticabile assistere a una sua performance, costruita su movimenti che esprimono in un ogni istante, la solarità, il carisma, la passione e l'incredibile perfezione tecnica di un'étoile internazionale di assoluta eccellenza.

E non potevano mancare - dal carnet dedicato alla danza - i grandi classici del repertorio: se dovremo attendere la conferenza di settembre per conoscere tutte le sorprese del cartellone sono invece stati "svelati" i titoli dei balletti che connoteranno il periodo delle feste natalizie al Politeama Rossetti. Ne saranno protagoniste due formazioni di danza di alto livello: il Balletto di Mosca "La Classique", già ammirata nelle due scorse stagioni dal nostro pubblico e il "Russian State Ballet of Siberia". Il balletto "La Classique" presenterà Cenerentola, l'amatissima favola tradotta in coreografia da Vorotnikov e musicata da Prokofiev; l'ottimo balletto di Stato della Siberia sarà invece impegnato - fino alla sera di Capodanno - nel delicato e romantico Romeo e Giulietta, appuntamento impedibile per gli amanti del balletto e della musica: la coreografia sarà firmata da Sergei Bobrov sulle musiche di Prokofiev. Entrambi i balletti non lesineranno in ricchi e variati costumi e scenari e contano su ensemble e primi ballerini di impeccabile preparazione.

Accanto a tali "anticipazioni" di carattere specificamente artistico, Paris Lippi ed Antonio Calenda si sono soffermati su un'ulteriore e attesa novità che partirà con l'inizio della prossima Stagione teatrale: il Café Rossetti, bar-ristorante di cui proprio in queste settimane si stanno ultimando i lavori.

La conferenza di presentazione del cartellone completo del Teatro Stabile del Friuli-Venzia Giulia si terrà nei primi giorni di settembre: da quel momento tutte le informazioni saranno disponibili nei consueti punti vendita, dove - come sempre - sarà possibile acquistare nuovi abbonamenti e confermare le vecchie sottoscrizioni. Informazioni allo 040/3593511 e sul sito www.ilrossetti.it.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+