Scala cromatica ricercata

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

La serata di martedì 18 ottobre si inserisce nel rapporto di collaborazione che da anni esiste tra Bonawentura e il Conservatorio "G. Tartini".

L'idea è nata lo scorso anno dal maestro Fabio Nieder, titolare di composizione al conservatorio, osservando la particolare struttura compositiva dell'opera pianistica "Musica ricercata", composta negli anni 1951-53 dal grande compositore György Ligeti, nato nel 1923 e tuttora vivente. Negli undici brani che formano "Musica ricercata", infatti, Ligeti compone utilizzando un numero crescente di note: partendo dal primo brano, che nasce da una sola nota, si arriva via via al totale cromatico delle dodici note, nell'undicesimo e ultimo brano della raccolta. La possibilità di comporre musica con un numero prefissato di note, quindi la sfida di controllare e limitare a volontà le risorse armoniche e melodiche a disposizione, è stata la proposta del maestro Nieder alla classe. È interessante, al riguardo, riportare le sue stesse parole: "Ho invitato quest'anno i miei allievi a comporre un pezzo utilizzando una sola nota, ovvero una sola altezza di suono. L'esperienza li ha condotti ad osservare le potenzialità di tutti gli altri aspetti del suono, servendosi di una sorta di microscopio per scoprire le tante realtà invisibili ad 'orecchio nudo'. La nostra civiltà occidentale ha privilegiato le altezze di suono rispetto ad altre componenti, e questo atteggiamento si manifesta nel nostro mondo come un dato di fatto acquisito. Ma bisogna imparare a sviluppare gli "arti" disabituati al movimento e attivare il terzo, quarto, quinto occhio per procedere sulla via della libertà".

Il progetto ha portato alla composizione di dieci brani, uno per ogni allievo del corso; i brani, tutti su di una nota sola, diversa per ogni compositore, sono molto diversi per stile e strumentazione: agli allievi più giovani sono stati richiesti brani per piccolo organico, a quelli dei corsi superiori, organici più ampi. Ma se le note sono dodici e gli allievi dieci, chi ha scritto i due brani sulle due note mancanti? Sono dei brani un po' particolari (rispettivamente sulle note sol# e do#), sui quali è meglio per ora non spendere altre parole. Perché il progetto della "Scala cromatica ricercata" riveli i suoi debiti e l'origine dell'idea che l'ha generato, come introduzione alle nuove composizioni ci sarà l'esecuzione integrale della "Musica ricercata" di György Ligeti.

Gli esecutori studiano tutti, a vario titolo, al conservatorio, con l'eccezione della pianista Nives Granic, della scuola di musica di Koper.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!